De Vrij sulla via del ritorno

Il 6 settembre scorso, durante l’incontro tra Olanda e Turchia, la Nazionale olandese perse 3-0 e Stefan De Vrij uscì dal campo con un ginocchio infiammato: “Non ho fatto la preparazione questa estate ed ora ne sto pagando le conseguenze. Durante l’incontro ho sentito un fastidio e ho chiesto il cambio”, dichiarò al fischio finale. Già nelle ultime giornate del campionato scorso, infatti, il difensore biancoceleste saltò cinque partite a causa di fastidi al ginocchio. Durante l’estate poi si è sottoposto ad una operazione per il rafforzamento delle pareti inguinali. Niente di preoccupante ma a causa dell’intervento l’olandese si presentò in ritiro non pienamente in forma. Dopo pochi giorni di preparazione, in Supercoppa contro la Juventus, era regolarmente in campo ma in ritardo di condizione, ombra di quel magnifico giocatore che aveva stupito positivamente tutti nella stagione precedente. Stefan ha provato a forzare per recuperare ma dopo il tracollo di Verona, contro il Chievo, si è arreso al suo ginocchio e si è dovuto fermare. Da allora il difensore biancoceleste ha saltato gli incontri con Udinese, Dnipro, Napoli, Genoa, Verona, St. Etienne e Frosinone. Ora finalmente il calciatore sembra sia sulla via della definitiva guarigione. La difesa con la sua assenza ha mostrato grandi limiti: in queste prime giornate ha già subito 19 reti in 12 partite. Lo scorso anno in 30 partite di campionato con lui in campo la squadra biancoceleste ha avuto una media di 2,13 punti a partita, mentre nelle 8 in cui è mancato (5 sconfitte, 2 pareggi e una sola vittoria) la media è crollata a 0,62. Questi dati dimostrano quanto il suo rientro sia fondamentale per i biancocelesti e per il tecnico Stefano Pioli. Ora però finalmente le sue condizioni sono in continuo miglioramento e all’inizio della prossima settimana il giocatore dovrebbe essere aggregato al resto del gruppo per preparare la trasferta di Sassuolo.

Da non perdere

Iscriviti alla Newsletter

Per le ultime notizie sulla Lazio iscriviti alla newsletter. E' GRATIS