Seguici sui Social

News

Candreva-Inter, la risposta del ds nerazzurro Ausilio. E per il difensore…

Pubblicato

in



all’, un sogno destinato a rimanere tale. Dopo la smentita di Federico Pastorello, agente del numero 87 biancoceleste, arriva, ai microfoni di ‘Gazzetta Tv’, anche quella del ds dei nerazzurri Piero Ausilio: “È un giocatore forte, ma non c’è nulla. Ho un po’ di esperienza per capire che ci sono società talmente brave che non ti ci puoi nemmeno avvicinare. La Lazio è una di queste, per cui è meglio che certi giocatori restino nei sogni. Candreva è un giocatore importante della Nazionale che conosco da tantissimo tempo. Quando era alla Ternana, ci fu un contatto a causa di alcune difficoltà contrattuali, ma preferimmo lasciar perdere e alla fine lo prese l’Udinese. La trattativa per Hernanes? Fu un’eccezione per un grande club come la Lazio. Lì lui aveva terminato un ciclo, mentre noi, con l’arrivo di Thohir, ne stavamo aprendo un altro“.

Finisce una telenovela, quindi, e ne comincia subito un’altra, questa però in entrata: per quanto concerne il difensore centrale che dovrebbe sostituire De Vrij, sembra che la Lazio abbia puntato tutto sul brasiliano Douglas del Dnipro. Per l’ex Juventude il club ucraino chiede molto, circa 10 milioni, anche se c’è chi giura che potrebbe lasciarlo partire anche per una cifra intorno ai 6-7 milioni. I capitolini non hanno intenzione di spendere tanto e sarebbero disposti ad arrivare fino a 4, ovvero l’intero budget messo a disposizione da Lotito per l’acquisto del difensore centrale nel mercato di gennaio. La differenza è tanta, dunque sarà fondamentale l’incontro di giovedì prossimo, in occasione della sfida di Europa League tra le due squadre: da come agiranno i rispettivi dirigenti, vale a dire se quelli laziali forzeranno la situazione o se, di contro, quelli ucraini faranno prevalere il non bisogno di cedere uno dei loro migliori elementi, si capirà infatti se l’affare avrà o meno possibilità di riuscita. Intanto però a Formello non perdono di vista nemmeno altri nomi: a parte N’Koulou, per il quale tuttavia l’interesse pare essere scemato per le alte richieste del Marsiglia, e Ranocchia, che avrebbe espresso perplessità sulla destinazione, continuano a essere monitorati Terziev (anche se l’agente ha proprio in questi minuti smentito le voci di contatti con Tare: “Non mi risulta. Il ragazzo ha ancora sei mesi di contratto con il Ludogorets, poi deciderà del suo futuro. Se la Lazio farà una proposta, la valuteremo“), Matip e Lisandro Lopez.   

News

Riapertura stadi – Gravina: “1000 persone sono poche”

Pubblicato

in



Riapertura stadi – Per le prossime partite di Serie A, saranno 1000 gli spettatori che potranno recarsi presso gli impianti sportivi

Riapertura stadi – In questo senso, nella giornata di oggi si è espresso il Presidente della Figc Gabriele Gravina: “C’è un’esigenza generale del nostro Paese, quella di tornare alla normalità. Vogliamo tutti riprendere la cadenza della nostra vita in tutti i settori. È necessario tornare a coltivare le nostre passioni. Non c’è nulla ancora di graduale, 1000 spettatori sono pochi, ma è comunque importante ripartire, anche in B e C. Il calcio ha dimostrato grande responsabilità e con i comportamenti ha anche dimostrato di meritare fiducia. Vogliamo riaprire gli stadi a più gente. Durante alcune amichevoli estive si sono fatti passi avanti. La gradualità deve essere proporzionale, altrimenti ci sarebbero tanti problemi, anche nelle serie minori. Il rispetto del distanziamento sociale è fondamentale. Il protocollo sui tamponi? Penso che il Cts ci darà ragione, mi auguro che in settimana la situazione possa sbloccarsi e si possa allentare la presa”. Così Gravina ai microfoni di Radio Anch’io Sport.

Continua a leggere

Articoli più letti

Come disattivare il blocco della pubblicita per Cronache della Campania?