News

Pioli sposa il turn-over totale

Pubblicato

il

Pioli sposa il turn-over pensando al derby di domenica contro la Roma. Già, perché il calendario europeo ha fatto lo scherzetto mettendo la trasferta a Trondheim, terza città della Norvegia, alla vigilia della sfida con i cugini. E stavolta non si possono chiedere nemmeno posticipi perché la prossima settimana è dedicata alle nazionali. La sfortuna cosmica della Lazio si vede anche in queste piccole cose in un avvio di stagione tormentato tra infortuni devastanti e errori.

Oggi pomeriggio la partenza per la terza città della Norvegia (quella più a Nord, tre ore e mezza di volo), in mattinata rifinitura a Formello dove saranno ufficializzati i diciotto convocati per la quarta gara del girone di Europa League. Che non va persa per non complicare la qualificazione ormai in discesa a meno di crolli clamorosi. Stavolta, però, Pioli rivoluzionerà la Lazio, darà fiducia ai giovani e come aveva annunciato subito dopo la disfatta contro il Milan, farà due formazioni ben diverse per coppa e campionato. La rosa lo consente a livello numerico (Patric, Braafheid e Prce non sono nella lista europea purtroppo), sulla qualità restano molti dubbi ma il derby non ammette deroghe e, quindi, almeno 8-9 titolari rimarranno nella Capitale senza sottoporsi allo sfiancante viaggio in Norvegia.

La formazione provata ieri fa presagire l’esordio di Oikonomidis, in naftalina questa stagione dopo le magie con la Primavera, oltre al rientro di Berisha, Hoedt, Radu, Cataldi, Kishna e Djordjevic. Alla fine i titolari a riposo dovrebbero essere Marchetti, Mauricio e Milinkovic (quest’ultimi entrambi squalificati), Biglia, Felipe Anderson, Candreva e Klose. A questi sette va aggiunto anche Parolo che ieri si è allenato a parte ma da venerdì lavorerà col gruppo per tornare proprio nel derby. Così sarebbero otto i potenziali titolari di domenica lasciati a riposo ma potrebbero addirittura diventare se anche uno tra Lulic e Basta dovesse restare fuori dalla lista dei convocati che Pioli scriverà soltanto stamattina.

In pratica la panchina di domani sera in Europa League sarà composta dal portiere Guerrieri, dai difensori Mattia (giovane della Primavera) e uno tra Basta (favorito) e Lulic, i centrocampisti Mauri e Murgia e gli attaccanti Keita e Matri. In campo, invece, ci sarà Ravel Morrison, la sua grande occasione per lasciare il segno nella sua esperienza romana evitando il «taglio» a gennaio. L’inglese è carico e chissà che non sia proprio lui a regalare alla Lazio tre punti fondamentali per guadagnarsi un posto ai sedicesimi di Europa League con due turni d’anticipo.

Fonte : Il Tempo

Clicca per commentare

Aggiorna le preferenze del consenso
Copyright ©2015-2020 | TESTATA GIORNALISTICA NAZIONALE Reg. N°152/2015 - ROMA
Il sito e i suoi contenuti sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons eccetto dove specificato diversamente.