Seguici sui Social

Settore giovanile

Primavera, Lazio-Avellino 8-1. Inzaghi scaccia i fantasmi con una goleada, irpini in gol col portiere!

Pubblicato

in



Latina, Frosinone, Empoli: un punto in tre partite, soprattutto tre sconfitte che avevano costretto la alla peggior partenza in campionato dal 2006. Serviva una vittoria straordinaria per ritrovare convinzione e morale, ed è arrivata al “Fersini” contro l’Avellino. Clamoroso 8-1, Palombi di nuovo implacabile in zona gol e sorriso ritrovato in casa Lazio. Ora servirà far fruttare queste nuove energie per il primo grande appuntamento dell’anno, la Supercoppa da giocare sabato prossimo in casa del Torino.

FORMAZIONI – torna all’antico con un 4-3-3 con Manoni in posizione avanzata, Rossi e Palombi a completare il tridente, Folorunsho titolare a centrocampo e Calì e Rokavec in panchina, con la coppia centrale difensiva composta da Mattia e Quaglia. Modulo speculare per l’Avellino che si gioca la carta del tridente Trentin-Pizi-Ventola.

LAZIO ARREMBANTE – I biancocelesti partono a testa bassa desiderosi di dimenticare gli ultimi passi falsi. Palombi si avventa su ogni pallone, ma al 9′ è Folorunsho ad avere l’opportunità migliore con la sua deviazione che manca di poco il bersaglio. Sono proprio gli inserimenti di Folorunsho a creare i maggiori problemi agli irpini, che al 25′ rischiano di nuovo di capitolare, ma pur essendosi ben posizionato in area, la conclusione del centrocampista non trova il bersaglio.

FINALMENTE CONCRETI – E’ il preludio al gol e a sbloccare il risultato è : al 29′ un cross di Manoni viene solo sfiorato da Bentivogli, e per il bomber laziale è un gioco da ragazzi ribadire in rete. La Lazio sembra sbloccarsi anche mentalmente, e Palombi è letteralmente inarrestabile. Dopo aver sfiorato il gol su punizione, al 36′ serve un pallone d’oro per Murgia, che sigla il raddoppio con un preciso colpo di testa. Paura prima dell’intervallo su un duro intervento su Folorunsho, ma il centrocampista laziale può continuare la sfida senza problemi.

GOLEADA NELLA RIPRESA – Stavolta non ci sono brutte sorprese, come nel match col Frosinone che ha visto la Lazio capitolare proprio quando sembrava in pieno controllo della partita. Nel giro di 7′ si scatena , che realizza una doppietta prima su un assist perfetto di Manoni, poi capitalizzando una nuova iniziativa dell’infaticabile Palombi. Che al 22′ si ritaglia un nuovo, meritatissimo momento di gloria personale andando in gol su perfetto invito di Murgia. La Lazio gioca di nuovo ai livelli dell’anno scorso, un’orchestra che non sbaglia una nota, e al di là dei gol è questo il dato che deve far più ben sperare Inzaghi.

STRAVAGANZE FINALI – La Lazio però vuole sfogare la rabbia delle partite precedenti e si “mangia” l’Avellino anche nel finale. Calì subentrato nella ripresa timbra il cartellino con il gol al 35′, quindi Palombi al 37′ (l’attaccante chiude con una favolosa tripletta) e Collarino al 39′ portano la Lazio ad otto. Sbalorditivo, e così quando 3′ dopo l’Avellino può usufruire di un calcio di rigore, gli irpini regalano una passerella al portiere Bentivogli, che dal dischetto non sbaglia. 8-1, stravaganze e follie di una Lazio Primavera finalmente tornata alla vittoria. E ora la Supercoppa.

Fabio Belli

IL TABELLINO

LAZIO-AVELLINO 8-1

Marcatori: 29′ Palombi (L), 36′ Murgia (L), 50′ Rossi (L), 52′ Rossi (L), 67′ Palombi (L), 80′ Calì (L), 82′ Palombi (L), 83′ Collarino (L), 87′ rig. Bentivogli (A)

LAZIO (4-3-3): Matosevic; Dovidio, Mattia, Quaglia, Germoni (60′ Collarino); Murgia, Borecki (53′ Cardoselli), Folorunsho; Palombi, Rossi (53′ Calì), Manoni. A disp.: Lazzari, Cardelli, Cinti, Cotani, Pedrazzini, Rokavec, Bezziccheri, Nolano, Borrelli. All. Inzaghi

AVELLINO (4-3-3): Bentivogli; Cozzolino, Rizzo, Alcorace, Cardellicchio; Guernera (51′ Caggiano), De Feo, Porro (60′ Asvestopoulos); Trentin, Pizi (51′ Garaffa) , Ventola. A disp. Colella, Cheikh Adama, De Luca, Scognamiglio, Giardino, Tufo, Meringolo, De Rosa. All. Iezzo.

ARBITRO: Boggi.

ASS.: Iovine- Capaldo.

NOTE. Ammoniti: 25′ Porro (A), 35′ Alcorace (A), 66′ Cardoselli (L). Recupero: 1′ pt

 

 

Continua a leggere
Pubblicità

Settore giovanile

PRIMAVERA PESCARA LAZIO I biancocelesti risorgono in Abruzzo

Pubblicato

in

Logo del campionato Primavera


PRIMAVERA PESCARA LAZIO Colpo esterno dei ragazzi di Menichini che vanno a prendersi i tre punti in Abruzzo in uno scontro diretto. Dopo due sconfitte consecutive finalmente gioia per i giovani biancocelesti.

PRIMAVERA PESCARA LAZIO Biancocelesti corsari a Pescara. I ragazzi di Menichini riescono a portare a casa i tre punti grazie ad un’ottima prestazione. 2-4 il risultato finale, in virtù della doppietta di Nimmermeer, all’autogol di Marafini e alla rete di Kalaj per le giovani aquile. Inutile per i padroni di casa la doppietta di Diambo. Grazie alla vittoria esterna la Lazio si porta fuori dalla zona retrocessione, a quota 20 punti. Prossima sfida l’insidiosa trasferta in casa dell’Empoli.

IL TABELLINO

PESCARA-LAZIO 2-4

Marcatore: 22′, 48′ Nimmermeer (L), 63′ aut. Marafini (P), 70′, 84′ Diambo (P), 81′ Kalaj (L).

PESCARA: Sorrentino, Martella, Diallo, Marafini, Manè, Quacquarelli (61′ Tringali), Camilleri (82′ De Marzo), Diambo, Mercado (82′ Tamboriello), Pavone, Blanuta (46′ Chiarella). A disp.: Galante, Chiacchia, Dumbravanu. All.: Antonio Di Battista

LAZIO: Alia, Armini, Cipriano, Kalaj, Falbo (76′ Ndrecka); Shoti (56′ Ricci), Bianchi, Bertini; Marino (76′ Czyz), Nimmermeer (68′ Zilli), Moro. A disp.: Furlanetto, Marocco, Kaziewicz, Russo, Shehu, Moschini. All.: Leonardo Menichini

CLASSIFICA

Atalanta 42
Cagliari 35
Inter 31
Juventus 27
Roma 27
Genoa 24
Empoli 23
Sampdoria 23
Torino 21
Sassuolo 20
Lazio 20
Bologna 19
Fiorentina 18
Pescara 15
Chievo 11

LEGGI LA CONFERENZA DI MISTER INZAGHI>>>CLICCA QUI

LASCIA UN LIKE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

Continua a leggere

Articoli più letti

Come disattivare il blocco della pubblicita per Cronache della Campania?