Seguici sui Social

News

RASSEGNA STAMPA – Con il Dnipro, serve almeno un pareggio

PUBBLICITA

Pubblicato

il

PUBBLICITA

Il pareggio con il Palermo, il ritiro nel centro sportivo di Formello, il periodo di crisi nera della Lazio. Una soluzione, almeno una luce in fondo al tunnel, la sfida con il Dnipro di questa sera all’Olimpico: un punto basta ai biancocelesti per conquistare la matematica qualificazione ai sedicesimi di Europa League con un turno di anticipo, per poi giocarsi il primo posto nell’ultima partita contro il Saint-Etienne.

Stefano Pioli prova a risollevare morale e sorti della Lazio: “Il momento è complicato e delicato, i risultati negativi ci hanno tolto fiducia. Contro gli ucraini dobbiamo dimostrare di essere una squadra che ha voglia di uscire da un momento così – ha spiegato il tecnico durante la conferenza stampa della vigilia – Ci manca continuità e serve più cinismo”. Il ritiro, assicura l’allenatore biancoceleste, è servito per guardarsi in faccia e ricominciare: “La decisione del ritiro è stata presa dalla società e condivisa dal tecnico. Questi giorni servono per confrontarci e crescere. E’ una regola per tutti quella di sacrificarsi, di correre gli uni per gli altri”.

Gli fa eco Alessandro Matri, che domani guiderà l’attacco biancoceleste: “Ci manca un po’ di fiducia e autostima, normale perderle dopo una serie di risultati negativi. Con il Dnipro vogliamo vincere per passare il turno e per tornare a fare bene in campionato – spiega la punta ex Milan – La situazione non è così disastrosa come la dipingete, gli obiettivi che ci siamo posti a inizio stagione non sono così lontani. Il gruppo è unito e vogliamo uscire da questo momento tutti insieme. La soluzione non è soltanto il ritiro ma il lavoro”. Felipe Anderson non ha partecipato alla rifinitura della squadra a Formello, alle spalle dell’attaccante si muoveranno Candreva, Milinkovic-Savic e Kishna (Keita è squalificato). Berisha è il portiere di Europa League, in difesa si muoveranno Konko e Radu sulle fasce, Hoedt e Gentiletti (squalificato con l’Empoli in campionato) al centro. Parolo e Cataldi davanti la retroguardia, Biglia a riposo, Morrison non vince il ballottaggio con l’ex Primavera.
PROBABILE FORMAZIONE (4-2-3-1) – Berisha; Konko, Hoedt, Gentiletti, Radu; Parolo, Cataldi; Candreva, Milinković-Savić, Kishna; Matri

  Capello sugli arbitraggi della Champions: "Inizio ad avere dei dubbi dopo il rigore e l'espulsione di questi giorni"

Fonte : Il Tempo


News

Gascoigne sulla Curva Nord: “La porterei con me all’Isola dei Famosi”

Pubblicato

il

Parole al miele di Paul Gascoigne sulla Curva Nord, alla vigilia della partecipazione dell’ex asso inglese all’Isola dei Famosi.

Così Gascoigne sulla Curva Nord: “La porterei con me sull’Isola, oltre a mio padre. Ho adorato quei tifosi. Quando guardo le partite della Lazio, penso sempre ai cori che mi dedicavano“. Una nuova esperienza per ‘Gazza’, dopo anni di buio: “Sono affondato e riemerso. Adesso vorrei mettermi il peggio alle spalle e trovare pace“. Poi, tornando sui tifosi biancocelesti: “Furono straordinari con me. A Roma ho trascorso tre anni e mezzo fantastici, nonostante l’infortunio. I ricordi più belli? Sicuramente il gol alla Roma nel derby. Ma anche quello al Pescara, dopo aver saltato quattro avversari“. Ricordi anche per gli ex compagni: in particolare Sclosa, Casiraghi e Signori, quelli con cui ha legato di più nella sua avventura capitolina. All’epoca sulla panchina biancoceleste c’era Dino Zoff: Gascoigne lo definisce una persona perbene, oltre che un mito del calcio. Infine, un pò a sorpresa, elogi per il ‘rivale’ sull’altra sponda del Tevere, Francesco Totti: “Un calciatore straordinario, che ha compiuto una grande impresa, un’intera carriera con una sola maglia“.

Continua a leggere