CONFERENZA – Pioli: “Ora abbiamo il 51% di passare. Keita soddisfacente. Cori? Non ne ho sentiti…”

Stefano Pioli ha parlato in conferenza stampa nella pancia dello stadio Letnà per commentare l’1-1 nell’andata degli ottavi di finale di Europa League ottenuto contro lo Sparta Praga.

Il pareggio è un buon risultato, ma la Lazio avrebbe potuto anche vincere?Mi piace sicuramente come la squadra ha lottato, stringendo i denti soprattutto nel finale. Abbiamo giocato per tornare a Roma con una vittoria, sin dal primo minuto. Però ci siamo resi conto anche del valore dello Sparta Praga: al ritorno dovremo dare il massimo per capitalizzare quello che può comunque essere archiviato come un buon risultato.

Quanto hanno influenzato i cambi forzati l’interpretazione del secondo tempo?Abbiamo patito il terreno scivoloso, sicuramente gli infortuni sono l’aspetto negativo della serata. L’importante sarà fare ora le valutazioni giuste, dobbiamo verificare le condizioni di Basta e Radu, per Konko si dovrebbe trattare invece soltanto di un affaticamento. Sicuramente avrei potuto giocare carte diverse nella fase cruciale del match se avessi avuto i cambi previsti a disposizione.

C’è preoccupazione per l’arbitro che ha minacciato di sospendere la partita per i cori razzisti?Francamente dal campo è molto difficile accorgersi di certe cose, a meno che non siano clamorosamente plateali. Si stenta a capire se fa caldo o fa freddo, figuriamoci capire i cori. Io sono rimasto sorpreso, credo che sia stato lo stesso Costa ad attirare l’attenzione dell’arbitro.

Quale percentuale ha la Lazio di qualificarsi in vista del ritorno?Siamo passati dal cinquanta al cinquantuno per cento, sarebbe sbagliato fare strategie quando l’avversario ha dimostrato di muoversi bene negli spazi e di avere qualità atletiche importanti. In questa Europa League lo Sparta Praga ha fatto molto bene in trasferta, dovremo fare molta attenzione.

La prestazione di Keita ha risposto alle aspettative?Keita è stato protagonista, ha disputato una buonissima partita. Ha giocato un match eccellente sia muovendosi per vie centrali, tra le linee, sia quando è stato chiamato a compiti da puro attaccante esterno. Sapevamo che gli esterni avversari avrebbero spinto molto, abbiamo cercato anche con l’utilizzo di Keita di sfruttare questi spazi e direi che nel complesso ci siamo riusciti.

Fabio Belli