Lazio-Sassuolo: precedenti, statistiche & analisi tecnica

Dopo aver introdotto aver fatto il punto sulla Lazio di Inzaghi, che domani pomeriggio (ore 15), allo Stadio Olimpico, giocherà contro il Sassuolo di Eusebio Di Francesco (CLICCA QUI), andiamo ad analizzare nel dettaglio proprio i prossimi avversari dei biancocelesti:

PRECEDENTI, STATISTICHE & CURIOSITA’ – 

  • La Lazio ha perso entrambe le sfide dello scorso campionato col Sassuolo, dopo che era rimasta imbattuta nei quattro precedenti incroci con gli emiliani in A (3 Vittorie, 1 Pareggio).
  • Il Sassuolo ha segnato esattamente due reti in cinque delle sei sfide con la Lazio in Serie A, mancando l’appuntamento con il gol nell’altra gara.
  • La Lazio non perde in campionato da cinque partite (3 Vittorie, 2 Pareggi): i biancocelesti non arrivano a sei turni di imbattibilità dallo scorso gennaio.
  • Se si esclude la sconfitta a tavolino col Pescara, il Sassuolo ha perso quattro delle nove gare giocate in questo campionato: l’anno scorso il quarto stop era arrivato alla 19ª giornata.
  • Il Sassuolo è l’unica squadra che ha sempre trovato il gol in questo campionato (considerando l’effettivo svolgimento della partita con il Pescara).
  • Solo il Cagliari ha subito più gol del Sassuolo da fuori area in questa Serie A (quattro); la Lazio, invece, è una delle tre formazioni a non aver ancora trovato il gol dalla distanza.
  • Sono sette le reti di testa della Lazio in questo campionato, almeno due in più di ogni altra formazione.
  • Ciro Immobile segna da quattro match consecutivi (sei reti): in Serie A non va in gol per cinque partite di fila da aprile 2014 (con il Torino).
  • Felipe Anderson ha servito quattro assist in nove presenze in questo campionato, ne aveva messi assieme altrettanti nei 35 match giocati nella scorsa stagione.
  • Alessandro Matri ha disputato lo scorso campionato con la maglia della Lazio: quattro reti (tutte in casa) in 19 presenze.

LA MINACCIA – Selezionare una potenziale minaccia per la difesa biancoceleste non è facile. Il Sassuolo è un collettivo pericoloso ed imprevedibile dove chiunque può rivelarsi pericoloso se non affrontato con la giusta concentrazione. L’unica certezza è che non ci sarà Domenico Berardi ma a sostituirlo ci sarà una vecchia conoscenza dei biancocelesti: Alessandro Matri. L’ex attaccante biancoceleste, complice la regola del “gol dell’ex”  ,si candida a minaccia principale domani pomeriggio. Conosce bene i giocatori biancocelesti e viceversa. Hoedt è pronto ad affrontarlo: “Matri? Non so se giocherà, ma dobbiamo fare la nostra migliore partita per fare punti e arrivare più in alto possibile“.

COME SCENDERANNO IN CAMPO Mister Di Francesco vede slittare i rientri di Berardi e Missiroli, a Roma inoltre mancherà l’infortunato Magnanelli che sarà rimpiazzato in regia da Sensi. Problemi in difesa per le assenze di Cannavaro e Letschert, alle quali si aggiunge Antei che lamenta un risentimento muscolare. Ballottaggio PelusoTerranova per affiancare Acerbi, con l’ex Juventus in vantaggio. In attacco Matri ha convinto, e sarà nell’11 di partenza contro la sua ex squadra.

PROBABILE FORMAZIONE – Sassuolo (4-3-3): Consigli; Lirola, Acerbi, Peluso, Gazzola; Biondini, Sensi, Pellegrini; Defrel, Matri, Politano. A disp: Pegolo, Terranova, Antei, Dell’orco, Adjapong, Duncan, Mazzitelli, Ragusa, Immello, Ricci. All. Eusebio Di Francesco

Indisponibili: Antei, Cannavaro, Berardi, Manganelli
Squalificati:
Diffidati: Biondini

Marco Lanari