Seguici sui Social

News

#NoiConVoi – Le parole di Immobile, de Vrij, Anderson, Murgia, Lombardi, Strakosha, Peruzzi e Manzini

Pubblicato

il

Minuto di silenzio della Lazio per le vittime del terremoto di Amatrice
PUBBLICITA

AGGIORNAMENTO ORE 22:00 – Anche Maurizio Manzini rilascia due parole a Lazio Style Radio: “Stasera serviamo noi con gioia e rispetto verso chi ha perso tutto. Anche se possiamo contribuire per poco, siamo felici e consapevoli di aver fatto qualcosa di importante. Fa piacere stare insieme ai tifosi che consideriamo degli amici, per di più per un fine nobile. Non riesco a togliermi dagli occhi le immagini di Amatrice e Accumoli, in particolare degli anziani seduti sulle macerie delle loro case come se aspettassero un miracolo che le facesse risorgere. Noi a questo miracolo vogliamo partecipare, quando c’è da aiutare chi ha bisogno la Lazio c’è sempre. Fare il cameriere è una fatica bestiale. La squadra vive un periodo bellissimo che spero duri il più a lungo possibile: vedo tutti i giorni come lavorano questi ragazzi e lo staff, credo che il loro impegno venga ripagato. La serata sta volgendo al termine, vedo facce soddisfatte e questo per noi è il miglior cibo“.

AGGIORNAMENTO ORE 21:17 – Verso la fine della serata ha preso la parola uno stacanovista (è dalle 19 che lavora senza sosta) Peruzzi:E’ stato un piacere. Ci siamo divertiti e si è divertito chi è venuto. Tutto questo va ad aiutare chi purtroppo ha subito una cosa grave. Se mi aspettavo tutta questa gente? Me l’auguravo una presenza così massiccia di persone, sono 2-3 ore che siamo qua ed arrivano ancora, questo ci fa molto piacere“. Atmosfera bella e ricca di armonia anche grazie ai risultati in campionato: “Sì è un momento dove va bene tutto quindi uno lo fa ancora più voglia perché tutto l’ambiente e gasato. Speriamo di restarci a lungo“. Sul Palermo: “Trasferta difficile, ma nessuna gara in A è facile. Se noi facciamo come stiamo facendo possiamo fare bene anche lì. Il  derby? Pensiamo al Palermo…. Anche perché è da stupidi pensare a una gara tra 15 giorni. Dobbiamo pensare solo a domenica“. A Peruzzi viene infine chiesto se si aspettava questa posizione della Lazio alla 13°: “No non me lo aspettavo che ad oggi avevamo tutti questi punti. Sapevo che avremmo fatto bene ma in ogni caso i cavalli si vedono all’arrivo. Siamo appena ad 1/3 del campionato. Il nostro obiettivo? Fare bene, poi quello che arriva arriva…” 

AGGIORNAMENTO ORE 21:00Giuseppe Servilio presidente dell’associazione di Vico Badio che ha organizzato l’evento ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: “Un grazie alla S.S. Lazio. Vogliamo dare una speranza ai residenti del posto perché vogliamo ricostruire il nostro paese e la sede dell’associazione che era un posto dove le persone venivano a raggrupparsi, un centro sociale importante e quindi ci impegniamo per raccogliere fondi per raggiungere questo obiettivo che è l’obiettivo di tutta la gente di Fonte del Campo (una frazione di Accumuli n.d.r.)”. La serata è andata bene, tanta gente: “Sì la gente ha risposto in modo eccezionale e speriamo che altri vengano.  Grazie a tutti e grazie alla S.S. Lazio che ci ha dato questa possibilità”.

AGGIORNAMENTO ORE 20:50 – Le parole di Felipe Anderson: “Questa è la seconda esperienza per me se contiamo quando siamo andati ad Amatrice. Siamo contenti di essere qui ed aiutare chi ha sofferto. Ci dà allegria vedere la gioia di tutti che sono qui felici di aiutare“. Grande successo stasera, c’è tanta gente: “E’ importante che la gente sia tanta per aiutare ancora di più. Siamo felici di avere l’affetto dei tifosi con l’obiettivo di aiutare“. Stasera è il più ricercato: “Sono contento. Lavoro per ringraziarli del loro affetto. Il loro sorriso quando faccio gol è bellissimo. I bambini passano una serata diversa ed è bellissimo, ci sorridono quando ci vedono e noi siamo contenti di vederli felici. Gli portiamo una speranza, un po’ di allegria. Quindi se li vediamo felici per noi è tutto apposto“. Il derby? “Già da inizio stagione me lo stanno chiedendo. Qui si vive con troppa intensità il derby, adesso pensiamo alla prossima partita per fare il salto che vogliamo tanto. Vogliamo vincere con il Palermo, giocare come stiamo facendo e portare 3 punti a casa”. Felipe fa solo gol bellissimi: “Sì di solito faccio gol belli ma mi piace fare gol ed aiutare la squadra. Al derby uno brutto che vale 3 punti? Anche di pancia, di ginocchio, sarà comunque importante vincere”. Le mansioni: “Adesso lavoriamo per loro come una squadra. Se siamo pronti a rimanere fino a mezzanotte? Sì siamo pronti e lo faccio con allegria“.

AGGIORNAMENTO ORE 20:46 – De Vrij: “Non esiste in Olanda una cosa del genere. Sono felice e contento perché vedo tutta la gente felice e anche a me fa piacere“. E’ un’esperienza particolare quella di questa sera: “E’  una bella esperienza. E’ un po’ diversa dal nostro lavoro ma mi è piaciuto e anche i vestiti mi stanno bene (ride n.d.r.). Se mi aspettavo tutta questa gente? No non mi spettavo così tanta gente, ma mi fa piacere perché vuol dire che i tifosi ci sostengono anche per quello che è successo con il terremoto che è stato orribile”. E’ impossibile muoversi per quanta gente c’è: “Sì ma mi sono abituato, mi succede spesso, vuol dire che ti vogliono bene e questo è positivo”. Aiuta il fatto che la Lazio sta andando benissimo: “Sì meno male che noi come squadra andiamo bene, giochiamo bene e stiamo bene in classifica, si vede pure questa sera da come ci trattano i tifosi”. Sulla sua situazione fisica: “Come sto? Bene. Sto lavorando duro per tornare in campo ancor più forte spero di tornare presto”. Il derby: “Vediamo giorno su giorno, da domani ricomincio a lavorare sul campo e poi vediamo come va“. Hoedt, Wallace e Bastos lo stanno sostituendo bene: “Sì sono contento perché in una squadra grande come la Lazio la concorrenza fa bene”. Un bel problema per il mister: “Meno male….(ride ndr). I compiti della serata: “Adesso faccio autografi e foto con tifosi e poi faccio i piatti. Ho fatto tutto oggi”

AGGIORNAMENTO ORE 20:26  – E’ intervenuto ai microfoni di Lazio Style Radio anche Cristiano Lombardi: “E’ un piacere essere qui stasera perché sappiamo questa iniziativa a cosa è finalizzata. Ci fa piacere che i tifosi mostrino il loro sostengo, siamo qui per loro e per tutti. Mance? No si tratta di fare una buona azione questa sera ci stiamo riuscendo. La gente è tanta e ci fa piacere. E’  bello vedere che tanti hanno aderito“. Lombardi oggi sta firmando tantissime cartoline e non è abituato: “Oggi per noi è bellissimo soprattutto per me e Ale (Murgia n.d.r) che siamo meno abituati rispetto ad esempio a Ciro (Immobile n.d.r.) che è un grande giocatore, ma siamo contenti, ho fatto un bel cambiamento, mi godo tutto questo“. Sulle prossime partite: “Vanno affrontate bene come abbiamo fatto fino ad ora, non temiamo nessuno e vogliamo stare in alto in classifica“. Sul Palermo: “E’ una trasferta che può sembrare semplice ma non lo è, il Palermo ha raccolto pochi punti e quindi avrà il coltello fra denti. Noi andiamo giù consapevoli che siamo più forti e vogliamo i 3 punti”. I derby, dalla primavera a quello dei big: “Sì con i derby ho sempre avuto un rapporto speciale, anche non bello perché all’ultimo giocato sono stato espulso, avverto molta tensione durante la settimana. Non ho sogni sul derby ma sicuramente entrare sarebbe un’esperienza indimenticabile”.

AGGIORNAMENTO ORE 20:06  Murgia ai microfoni di Lazio Style Radio: Sì si vede che c’è entusiasmo. E’ divertente ed importante soprattutto perché va tutto in beneficenza. Lo facciamo con il sorriso. Non mi è mai capitato, è divertente soprattutto se porta qualcosa di importante. Se mi aspettavo tante gente? No non me l’aspettavo, è importante. E’ molto bello perché si vede che sono attaccati sia a noi che a questa causa, ben venga. Fare gli straordinari? Sì sono pronto per questo. E’ il minimo“. Gli viene chiesto quando farà il secondo gol: “Spero presto, ma l’importante è che continuino ad arrivare risultati che è la cosa più importante, poi se i gol arrivano ben vengano, io penso ad allenarmi e a dare tutto per i compagni e il mister“. Oggi ci sono 3 Top player e 3 giovani, simbolo dell’unione di gruppo: “Sì abbiamo un gruppo importante con giocatori di livello ma anche giovani attaccati alla maglia e ci aiutano. E’ importante e penso che i risultati in campo dipendano anche da questo. Loro ci aiuteranno per crescere insieme”. Le sue mansioni oggi: “Io ho fatto tutto prima la pasta poi da bere. Alla pasta mi sono divertito di più perché non l’avevo mai fatta però tutto bello e fantastico“.

AGGIORNAMENTO ORE 19:46  – Immobile ai microfoni di Lazio Style Radio 89.3 FM: “Sono molto contento, mi aspettavo questa gente perché il popolo laziale risponde bene a queste manifestazioni. Ringraziamo tutti per essere qui presenti per questa giusta causa. Prima volta per me? Sì, all’inizio sono venuti altri ma mi hanno detto che è stata una bella esperienza. Questa volta la Lazio ha scelto noi ma siamo qui a nome di tutta la squadra. Siamo felici che hanno risposto così in tanti“. Un napoletano con l’Amatriciana è una cosa particolare: “(ride n.d.r.) E’ un piatto ottimo come la pizza a Napoli, siamo felici di regalare una foto, un autografo fa sempre piacere“. La Lazio vola e arriva una serata come questa è importante perché dà leggerezza: “Sì è bello perché è importante avere un certo rapporto con i tifosi, è bello che hanno risposto in tanti a questa convocazione ma è anche un bel periodo ce lo godiamo”. Domenica non ha segnato, gli viene chiesto se li tiene per il derby: “Più che i miei gol, conta che la squadra vinca, ne abbiamo fatti 3 domenica, non avevano bisogno dei miei gol. Speriamo di far bene a Palermo e poi ci concentreremo sul derby, tutti mi chiedono un gol in quella partita“.

Poi è la volta di Thomas Strakosha: “Serata bellissima, è bello vedere tutta questa gente, noi possiamo aiutarli un po’ in questo modo. Prima volta per me? No per me è la seconda volta, l’altra volta c’ero ed è stata una bella serata, vedere la gente sorridere è una carica in più per noi”. Il salto dalla Primavera a giocatore che firma autografi e fa foto: “E’ bello, tutti sognano di avere questa bella sensazione di essere riconosciuto dalla gente, ti dà la carica. Sul derby: “Pensiamo al Palermo, dobbiamo vincere per arrivare al derby tranquilli di testa. Se spero di giocarlo? Ogni ragazzo che arriva a Roma sogna il derby, sarebbe una cosa fantastica scendere in campo”.

Continuano le iniziative benefiche a favore dei comuni colpiti dai terremoti che hanno duramente scosso l’Italia Centrale negli ultimi mesi. La Lazio, dopo la cena del 28 settembre.Questa volta i giocatori biancocelesti presteranno la loro opera per aiutare una piccola frazione di Accumoli, Fonte del Campo, uno dei comuni più devastati dalle scosse. Questa sera infatti, a Roma presso un noto ristorante romano, si sta tenendo un evento di beneficenza in favore dell’associazione di Vico Badio, una frazione di Accumoli, tristemente nota alla cronaca per il terremoto delle settimane passate. All’evento sono presenti de Vrij, Murgia, Strakosha, Ciro Immobile, Felipe Anderson e Lombardi. Presente anche il  “club manager” Angelo Peruzzi.

 


Pubblicità

Focus

LA NOSTRA STORIA Domenico ‘Mimmo’ Caso

Pubblicato

il


LA NOSTRA STORIA Domenico MimmoCaso nasce a Eboli (SA) il 9 maggio 1954. Centrocampista, fa il suo debutto nel calcio professionistico con la Fiorentina. Nella stagione 1974-1975 vince il suo primo trofeo: la Coppa Italia. Nella stagione 1978-1979 Caso lascia la Fiorentina e si trasferisce al Napoli. Nell’estate 1979 passa all’Inter. Nel 1980 si laurea Campione d’Italia. Dopo l’esperienza in nerazzurro passa per due anni in Serie B al Perugia. Nell’estate del 1983 torna in Serie A con il Torino. Quindi passa alla Lazio, in quel periodo nella serie cadetta. Con la maglia biancoceleste disputa tre stagioni. Nel 1988, dopo la promozione in A, viene ceduto al Latina. Chiude la carriera nell’Orceana.  Dal 1992/93 al 1996/97 è l’allenatore della Lazio Primavera. Il primo anno sfiora lo Scudetto perdendo la finale contro l’Atalanta. Nella stagione 1994/95 vince il titolo. Tra i tanti giovani lancia Alessandro Nesta, Marco Di Vaio, Alessandro Iannuzzi, Flavio Roma e Daniele Franceschini. Dopo aver guidato Foggia, Chievo e Pistoiese, nel 2003/04 torna ad allenare la Primavera laziale. Nel 2004/05 viene chiamato dal nuovo presidente biancoceleste Claudio Lotito ad allenare la prima squadra. Viene esonerato e sostituito da Papadopulo. Successivamente allena la Ternana. A giugno del 2009 viene nominato supervisore del settore giovanile della Cisco Roma. Nel 2011 assume la guida degli Allievi Regionali A1 della Voluntas (Spoleto). A luglio del 2012 viene nominato allenatore della squadra Primavera della Virtus Lanciano. Nel 2013 viene ingaggiato come tecnico della squadra Primavera della Reggina, ma dopo pochi giorni decide di lasciare l’incarico per motivi familiari.

LASCIA UN ‘LIKE’ ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

DIVENTA UN NOSTRO FOLLOWER ANCHE SU TWITTER

 

Continua a leggere

Articoli più letti