Seguici sui Social

Arabic AR Chinese (Simplified) ZH-CN English EN Italian IT Russian RU Spanish ES

News

Regalia: “Inzaghi artefice di una grande stagione. Tare? Gran lavoro, ma adesso…”

Pubblicato

in

Il tecnico della Lazio Simone Inzaghi


Carlo Regalia, decano dei direttori sportivi, è intervenuto sugli 88.100 di Elle Radio nella trasmissione Laziali On Air, per parlare della stagione della , del mercato e di Paul .


La stagione della Lazio secondo Regalia

Quello che ha fatto la Lazio – spiega Regalia – non può essere cancellato da niente a nessuno. Un pizzico di rilassamento in questo finale c’è stato. Il calo di tensione non ridimensiona il valore della squadra, giovanissima, e i risultati che ha ottenuto. Perdere una finale contro la Juventus attuale è tutt’altro che un dramma“.

Su Simone

E’ l’artefice di questa magnifica stagione. Ha trasmesso qualcosa di eccezionale, conoscendo gli umori del pubblico, dell’ambiente e della squadra, riuscendo a far dare a tutti il meglio. Inzaghi conosceva già il carattere di molti giocatori. A partire da Keita che già in autunno avevo sottolineato come potesse fare la differenza. Keita è un giocatore che dipende soltanto da se stesso, gli mancava la continuità che invece ha trovato in questo finale di stagione“.

Il lavoro del DS Igli

In pochi credevano nel suo lavoro. Il suo maggiore merito è stato quello di aver apportato un importante ringiovanimento della rosa. Ha svolto un grande lavoro che ora va completato, c’è da colmare il gap con le squadre migliori del campionato che è la cosa molto più difficile da fare. E’ più complicato passare dal quinto al terzo posto, o dal quarto al secondo, piuttosto che dal quindicesimo al quinto, perché le squadre che ti sono davanti sono di qualità assoluta nel primo caso. Alla Lazio mancano quei due/tre giocatori che fanno fare il salto di qualità, sono loro che vanno individuati sul mercato“.

Sulle possibili cessioni di Biglia, Keita e De Vrij

Al limite si può perdere uno di questi giocatori. Di certo non si può tirare troppo la corda. Se saranno ceduti tutti e tre toccherebbe praticamente ricominciare da capo e trovare tre sostituti per ruoli chiave. Incrementare la qualità attuale invece rappresenterebbe il salto di qualità. Un giocatore si può anche perdere, tutte le società a volte devono attuare delle cessioni“.

Strakosha potrà essere il titolare tra i pali nella prossima stagione?

Stando a quello che si è visto sì. Le qualità le ha sicuramente dimostrate anche se ora la sfida più difficile sarà dimostrare continuità l’anno prossimo. E’ un giovane di talento che ha dimostrato di avere tutto per affermarsi. 

Gascoigne il prossimo 27 maggio compirà 50 anni. Un ricordo…

Io sono legato a due giocatori nella mia carriera. Uno è Re Cecconi, che ho lanciato nella Pro Patria e ho creduto fortemente in lui quando non lo voleva nessuno. Dicevano che non era un nuovo Gianni Rivera, ma io affermai che doveva fare il Trapattoni accanto a Rivera, e sarebbe diventato un grandissimo. L’altro era Gascoigne. In molti mi avevano messo in guardia dal suo carattere, ma avevo affermato che doveva essere bravo a calcio, non dovevamo andarci a cena con i giocatori. Quando andai per prenderlo avevano chiesto una cifra sbalorditiva: dicemmo che non era per noi, ma il giorno dopo vedemmo sui giornali che c’erano foto con la sede del Tottenham sbarrata. Erano praticamente in fallimento. Da lì ci confrontammo con nuovi dirigenti e arrivammo ad un accordo“.

Poi arrivò l’infortunio…

Ci rivolgemmo a Thomas Doll, ma Calleri chiese a Cragnotti la certezza di rilevare la Lazio, altrimenti non avrebbe avuto la forza di comprare anche Gascoigne dopo l’infortunio. Così fu ed i giocatori arrivarono entrambi, giocando insieme nella stagione successiva“.

SEGUICI SULLA NOSTRA NUOVA PAGINA FACEBOOK

LEGGI ANCHE LE PAROLE DI ALESSANDRO NESTA>>>CLICCA QUI

 

News

CORONAVIRUS Per l’Uefa è chiaro: bastano 13 giocatori

Pubblicato

in



CORONAVIRUS Per l’Uefa è chiaro – In questi giorni si sta parlando di una possibile sospensione della Serie A

CORONAVIRUS Per l’Uefa è chiaro – Dopo i 13 casi positivi riscontrati nella squadra del Genoa tra staff e calciatori, iniziavano a circolare delle voci su un possibile stop al campionato per evitare ulteriori casi. Ma, l’indicazione della Uefa era stata già scritta tempo fa, infatti la partita si può giocare se una squadra ha a disposizione almeno 13 calciatori di cui un portiere da poter schierare senza che siano contagiati. Quindi la partita tra Genoa-Torino non potrebbe essere rinviata perché la squadra genoana ha contagiati 10 calciatori, 3 in meno rispetto alla norma. Queste sono le regole europee, nella gioranta di oggi ci sarà comunque un confronto nel Consiglio di Lega.

Continua a leggere

Articoli più letti

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità
Copyright ©2015-2020 | TESTATA GIORNALISTICA NAZIONALE Reg. N°152/2015 - ROMA
Il sito e i suoi contenuti sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons eccetto dove specificato diversamente.