Seguici sui Social

News

SCUDETTO 1914/15 – L’Avv. Mignogna: “La tesi della Fondazione Genoa è surreale”

Pubblicato

il

Striscione Lazio campione d'Italia 1914-1915
PUBBLICITA

Dopo la notizia trapelata ieri riguardo la documentazione inviata dalla Fondazione Genoa alla Figc relativa alla richiesta dell’assegnazione ex-equo dello scudetto del 1914-15 alla Lazio ha preso la parola l’avv. Mignogna. Il legale, intervenuto ai microfoni di Radiosei, ha prontamente ribattuto:

“La tesi della Fondazione Genoa è surreale. Si vuole far intendere che il 23 maggio si sia giocata una partita tra le due squadre napoletane. Ma, come abbiamo documentato con Pasquale Trane, entrambe le gare vennero annullate. In quella data si sarebbe dovuta disputare la sfida di ritorno tra Internazionale e Naples. Invece la Federazione annullò ogni partita per l’insorgere della guerra. Anche se venne giocata una gara, non aveva alcun valore ufficiale. Come riportato su un articolo de Il Mattino l’Internazionale concluse la partita in 9, cosa proibita dal regolamento. Se la Figc dovesse ritenerlo necessario potrebbe chiedere un supplemento di relazione. Ma le conclusioni sarebbero le stesse. Il girone Sud concluse le partite a sospensione bellica già adottata, senza stabilire una squadra campione”.

 


Pubblicità

News

Acerbi tra Europeo e…Immobile: “Vinciamo insieme”

Pubblicato

il


Acerbi tra Europeo e…Immobile. Le parole del difensore della Lazio e della Nazionale ai microfoni di Sky Sport.

Acerbi tra Europeo e…Immobile. Sulla rassegna iridata, al via il prossimo 11 giugno proprio allo stadio Olimpico: “Sono tutte squadre toste e ognuna vorrà fare bella figura, come si conviene in una simile competizione. Saranno tutte quindi avversarie molto temibile. Il girone sarà equilibrato. Noi però conosciamo la nostra forza e ciò che abbiamo fatto per arrivare a questo punto e vogliamo andare il più avanti possibile. Tutto il gruppo ha voglia di andare in Nazionale e stare insieme. Il mister e lo staff ci hanno fatto capire che è una cosa molto importante, sono stati fondamentali per farci andare in Nazionale con la massima felicità. E’ un gruppo formato ed è questo che fa la differenza. Ci sono tante nazioni forti, ma anche noi siamo in lizza per portare a casa la Coppa, perchè abbiamo dimostrato di giocare bene. Giochiamo semplice, come ci chiede Mancini, e i giocatori di livello hanno piena libertà“. “Non vediamo l’ora – aggiunge – di fare un grandissimo Europeo con questi, che sono giocatori ma anche uomini. Personalmente proverò grande emozione, grande adrenalina e grande voglia di giocare per far sì che questo sogno si avveri. Daremo tutto per portare a casa un grandissimo risultato“. Sul compagno in biancoceleste e in azzurro: “E’ il mio amore (ride). Parlarne è riduttivo, sappiamo quanto sia importante per la Lazio e per la Nazionale. E’ un grandissimo attaccante e da lui ci si aspetta sempre che faccia 40 gol all’anno. Ma è anche una grandissima persona. Anche lui non vede l’ora di fare un grandissimo Europeo e di far vedere che anche in azzurro fa tanti gol. Arriverà alla competizione molto bene“.

Continua a leggere

Articoli più letti