Seguici sui Social

News

La metamorfosi di Luis Alberto: da dopo-Candreva a regista

Pubblicato

in

Luis Alberto ala della Lazio


E’ arrivato in punta di piedi negli ultimi giorni di mercato della scorsa sessione estiva. L’etichetta di erede di Candreva che si portava addosso non gli si addiceva più di tanto, anzi quasi per niente. Le differenze a livello tecnico e di collocamento con l’esterno della Nazionale Italiana erano evidenti e note ai conoscitori di calcio. Ma ha continuato a lavorare sodo, cercando di convincere ad utilizzarlo con continuità. E soprattutto a trovargli una collocazione adatta in campo. Un finale di stagione in crescendo, poi questa estate la svolta: Inzaghi lo sposta 20 metri più indietro, nel ruolo di regista che è stato di Lucas . I risultati? Molto incoraggianti.

LA FIDUCIA DI INZAGHI

Mister Inzaghi nella seconda parte della stagione aveva usato toni al miele per descrivere l’impegno e l’abnegazione di Luis Alberto. “Mi sta mettendo molto in difficoltà, si allena bene ed è difficile lasciarlo fuori“. Quel goal al Genoa ad impattare una partita che sembrava compromessa e tante belle giocate, da trequartista puro. I ritmi frenetici del calcio italiano e il gioco compassato dello spagnolo però non lo rendono troppo adatto a ricoprire quel ruolo. Questa estate poi, a partire dal ritiro di Auronzo, l’intuizione del tecnico della : abbassare il raggio d’azione del classe ’92 di una ventina di metri ed utilizzarlo come regista puro. Dapprima per necessità, vista l’assenza e poi la cessione di Biglia. Poi per scelta, date le prove positive offerte da Luis Alberto, soprattutto contro Spal e Bayer Leverkusen.

CARATTERISTICHE E FUTURO

Grande qualità e tanta tecnica sono i suoi punti di forza da sfruttare in quella zona di campo, abbinate ad una visione di gioco impostata su un’innata capacità di giocare sempre a testa alta. Ovviamente ha le sue lacune, soprattutto dal punto di vista difensivo. A differenza di Biglia, lo spagnolo dà molto meno in fase di non possesso, ma rispetto all’argentino cerca di verticalizzare subito l’azione, con giocate da trequartista puro. Dovrà lavorare molto Luis Alberto, soprattutto in fase d’interdizione, ma ha la tenacia e la volontà giusta per migliorare. A recuperare palloni ci penserà , suo amico dai tempi di Liverpool. Inzaghi ci crede, lo spagnolo in quel ruolo piace e si piace. Il regista della nuova Lazio potrebbe essere proprio lui.

LASCIA UN ‘LIKE’ ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

DIVENTA NOSTRO FOLLOWER SU TWITTER

INTANTO SEMBRA RIAPRIRSI LA PISTA AZMOUN>>>LEGGI IL MOTIVO QUI

Continua a leggere
Pubblicità

News

LAZIO La Curva Nord sbarca su Spotify: l’iniziativa

Pubblicato

in



La Curva Nord sbarca su Spotify: l’iniziativa.

LAZIO La Curva Nord sbarca su Spotify. Ieri è ripartita la Serie A, ancora priva del suo cuore pulsante, i tifosi. Non si sa al momento quando li rivedremo nuovamente riempire le gradinate, anche se nelle scorse ore Governo e Regioni si sono accordati per iniziare a farne entrare, da oggi, mille. I tifosi però non sono tipi che si arrendono facilmente e si sono adoperati in vari modi per non far mancare il proprio sostegno alla squadra. Sostegno che adesso potrà essere irradiato anche da casa, attraverso Spotify. La nota app per l’ascolto di musica permetterà infatti di scaricare i cori della Curva Nord e, con l’ausilio di un impianto ‘home-theatre’, godersi l’inno biancoceleste comodamente seduti sul divano. Un modo per sentirsi allo stadio, ricreandone l’atmosfera anche durante i 90′ di una gara. Per riuscirci, basterà andare sulla playlist dedicata e selezionare i cori preferiti tra quelli più gettonati. Certo, le emozioni non saranno le stesse di quelle della partita dal vivo, ma, come si dice, meglio che niente.

Continua a leggere

Articoli più letti

Come disattivare il blocco della pubblicita per Cronache della Campania?