Seguici sui Social

News

Vocalelli: “Questo trionfo è di Inzaghi ma grandi meriti vanno anche a Lotito e Tare”

Pubblicato

il

Alessandro Vocalelli giornalista italiano
PUBBLICITA

Per commentare la gara di Supercoppa e la Lazio in generale è intervenuto sul Corriere dello Sport il direttore Alessandro Vocalelli.

LE PAROLE DI VOCALELLI SULLA GARA

“La Lazio si è aggiudicata la più straordinaria, romanzesca, appassionante Supercoppa, vincendo due volte contro la Juve. La prima in una partita di ottanta minuti in cui ha messo alla frusta i bianconeri. Segnando due volte con Immobile e offrendo la netta sensazione di una superiorità atletica evidente. La seconda vittoria è arrivata in pieno recupero dopo che Dybala aveva rimesso in equilibrio il risultato con una punizione magistrale e un rigore realizzato con freddezza allo scadere”.

POI CONTINUA…

“In quel momento di fronte ai Campioni d’Italia e vice campioni d’Europa quasi tutte le squadre avrebbero piegato le ginocchia convinte che anche i fluidi erano lì a raccontare di una serata-no. La Lazio invece ha avuto la forza, l’orgoglio, la sfrontatezza per andare a vincere ancora. E lo ha fatto con due giocatori appena messi in campo da Simone Inzaghi. Lukaku ha costruito l’azione del gol, il giovane Murgia – un ragazzo di cui sentirete parlare, un tifoso della Lazio e un prodotto di un vivaio straordinario – ha realizzato con un piattone che poteva essere nel repertorio di Higuain“.

INFINE SUI MERITI

“Chissà se – statisticamente – questo è il primo trionfo della nuova stagione o l’ultimo di quella passata. Di sicuro è il coronamento del lavoro di Simone Inzaghi. Ha saputo governare i momenti anche più delicati trovando sempre le soluzioni migliori. L’assenza di Felipe, la bufera della vigilia per il caso KeitaInzaghi ha pescato ancora una volta le carte giuste valorizzando anche il lavoro dei dirigenti. Già perché è il caso di dirlo. Ancora una volta Lotito e Tare sono riusciti a dimostrare che sul mercato hanno pochi rivali. Pensate a de Vrij, acquistato per meno di 10 milioni. Esattamente come Milinkovic-Savic o Immobile. Giocatori che oggi ne valgono almeno un centinaio. Ma la storia è stata impreziosita dalle due ‘novità’ decisive di questa finale: Luis Alberto e Lucas Leiva. Il primo, già in organico lo scorso anno, ha dimostrato qualità inesplorate e valorizzate appunto da Inzaghi. Lucas Leiva, con un curriculum eccezionale, sin dal primo momento era stato designato come erede di Biglia. Il prezzo del cartellino, pochi milioni di euro, ha ingannato parecchi perché il giocatore è di profilo internazionale”.

LEGGI ANCHE IL COMUNICATO DELLA PROCURA

METTI ‘MI PIACE’ ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

DIVENTA NOSTRO FOLLOWER ANCHE SU TWITTER


Pubblicità

News

Lazio Torino – Affare di famiglia: vincere per Pippo Inzaghi

Pubblicato

il

Benevento Roma Austini

Lazio Torino – Questa sera all’Olimpico è in programma il recupero della 25esima giornata

Lazio Torino – Quella di questa sera è più di una semplice partita: se da un lato, ai fini della classifica, i biancocelesti non hanno niente da chiedere, la componente affettiva potrebbe essere determinante. Ai granata basterebbe infatti un punto per centrare questa sera l’aritmetica salvezza a spese del Benevento di Pippo Inzaghi. I campani sono appesi a un filo ma, in caso di sconfitta del Toro contro i biancocelesti, avrebbero a disposizione l’ultima chance nel match della 38esima giornata proprio contro gli uomini di Nicola. Pertanto, al netto del fatto che le dinamiche familiari debbano rimanere fuori dal campo, non risulterebbe inverosimile che Simone Inzaghi chieda ai suoi un ultimo sforzo per consentire al fratello di giocarsi le ultime possibilità contro i granata. Dopotutto si sa: la famiglia prima di ogni cosa.

 

 

PANCHINA LAZIO, IDEA GATTUSO 

SEGUICI SU FACEBOOK

Continua a leggere

Articoli più letti