Seguici sui Social

Conferenza stampa

CONFERENZA – Inzaghi: “Vedremo oggi chi potrà recuperare. Immobile più Caicedo?…”

Pubblicato

in

Simone Inzaghi allenatore della Lazio in conferenza stampa


Il tecnico biancoceleste Simone Inzaghi è intervenuto dalla sala stampa di Formello per la consueta conferenza stampa alla vigilia di Lazio-Sassuolo. La gara, valida per il settimo turno della Serie A Tim, si giocherà domani alle ore 15 allo Stadio Olimpico di Roma.

Hai letto l’intervista di Immobile?

“Non ho ancora letto le parole di Ciro, ma penso abbia detto cose giuste. Stiamo facendo ciò che avevo chiesto ad inizio anno, ossia rimanere insieme alle grandi. Questo è il nostro obiettivo. Nonostante le nostre avversarie si sono rafforzate vogliamo continuare così. Siamo partiti bene, ma siamo solo all’inizio e dovremo ancora migliorare”.

Pubblicità

Il segreto in questo momento è il gruppo?

“Si, penso che in questi due anni il gruppo mi ha aiutato tantissimo. Ho trovato giocatori molto disponibili e ho sempre cercato di impiegare tutti i miei, rendendoli partecipi. Ho la fortuna di avere dei giocatori che mi danno sempre grande disponibilità”.

Pensi di poter recuperare qualcuno per domani?

“Alle 5 avremo la rifinitura. Dovremo valutare le condizioni di Luis Alberto e de Vrij. Luis ha preso una brutta botta giovedì, Stefan vediamo come risponderà, ieri ha lavorato parzialmente. Per gli altri infortunati se ne riparlerà dopo la sosta”.

Giocare ogni 3 giorni, qual è la sua idea?

“Per noi l’anno scorso era tutto più semplice perchè avevamo tempo per preparare le partite. L’Europa League però l’abbiamo voluta con tutte le nostre forze e daremo il massimo per onorarla”.

Ci sarà un’altra sosta. Un bilancio?

“Siamo andati molto bene, siamo partiti il 13 agosto senza più fermarci, trovando ottimi risultati con continuità. Sono soddisfatto, ma allo stesso tempo so che adesso le aspettative si sono alzate. Dovremo essere bravi a mantenere questo ritmo. Con la sosta spero di recuperare più giocatori possibili”.

Nani?

“Nell’ultima settimana ha lavorato molto bene. E’ un giocatore che veniva da un brutto infortunio e ha impiegato il tempo giusto per rimettersi a posto. Ho trovato un grande giocatore, molto disponibile. Penso sia pronto per giocare”.

Mauricio è un’opzione per domani?

“Mauricio già domenica a Verona era stato preso in considerazione. E’ un calciatore che conosco, ieri si è allenato bene. Oggi dopo la rifinitura vedremo. E’ pronto”.

Marusic?

“Mi ha impressionato fin dal ritiro. E’ un giocatore di gamba, professionista serio con tanta voglia di imparare. Il suo unico problema era la lingua. Tatticamente è molto intelligente, poi adesso si sta ambientando e le ultime prestazioni hanno dimostrato che può essere importante”.

Che partita sarà con il Sassuolo?

“Sarà difficile, il Sassuolo viene da una sconfitta immeritata e vuole riscattarsi. E’ una squadra di qualità con ottimi calciatori. Noi dovremo dare grande intensità ed essere bravi nel corso di tutta la partita. Già lo scorso anno non fu semplice. Dovremo essere determinati ed aggressivi”.

Domani banco di prova per la difesa?

“Credo tutte le partite siano banchi di prova. A Verona non abbiamo concesso nulla se non una punizione; giovedì abbiamo concesso un paio di azioni evitabili. Domani dovremo essere bravi a lavorare bene con i reparti”.

Classifica. Si poteva fare di più?

“Vedendo come sono andate le partite in cui abbiam perso punti avremmo potuto ottenere di più. In questo mese e mezzo però non abbiamo grandi recriminazioni”.

Luiz Felipe valore aggiunto?

“Ha dimostrato che può stare alla grande nella Lazio. E’ un giocatore giovane, ma sveglio. Ha voglia di imparare e fin dal ritiro osserva i giocatori più esperti di lui. Ascolta molto e si è fatto subito trovar pronto quando chiamato in causa”.

Immobile-Caicedo?

“Hanno già dimostrato di poter giocare insieme. Sono due giocatori importanti. Sono felice per il goal di Caicedo, è un lavoratore e ha grandi qualità, cerca sempre di dare tutto. Milinkovic? Ha avuto un affaticamento prima del Verona, domani partirà dall’inizio”.

Immobile?

“L’ho già detto, ciò che mi ha colpito di lui è il modo di calarsi fin da subito nella nostra realtà. Fin dal primo giorno si è presentato con grande voglia e intensità. L’ho definito un leader, se l’è guadagnato sul campo con il lavoro”.

Come si spiega Milinkovic sempre fuori dai convocati della Serbia?

“Mi verrebbe da dire meno male, ma un po’ mi spiace, perchè ha dimostrato di essere uno dei top nel suo ruolo. Lui ci tiene molto. Penso che una volta che le cose si chiariranno Sergej diventerà una colonna della Serbia”.

Postilla di De Martino: “Pedro Neto non potrà essere convocato perchè ad oggi non è ancora arrivato il transfer”.

Giulio Piras

LEGGI ANCHE LE PAROLE DI CRISTIAN BUCCHI>>>CLICCA QUI

LASCIA UN ‘LIKE’ ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

DIVENTA UN NOSTRO FOLLOWER ANCHE SU TWITTER

Continua a leggere
Pubblicità