Seguici sui Social

News

Si al Var: al rientro dalla sosta il primo derby tecnologico della capitale

Pubblicato

in

La Var esordisce in Serie A


comune, mezzo gaudio. Basta accuse fra Lazio e  . Rigori finti o negati, simulazioni e contorte espulsioni.

LE REAZIONI IN CASA BIANCOCELESTE

A Formello benedicono questo primo ‘tecnologico’ sotto lo sguardo del Var dopo quasi un secolo di recriminazioni. Vogliono dimenticare quanto accaduto negli ultimi derby: il rigore inesistente concesso a Strootman, quello inventato da Orsato su Dzeko per un pestone di Gentiletti fuori area o quello non concesso per fallo di Fazio su Lukaku.

LE REAZIONI IN CASA GIALLOROSSA

A Trigoria fanno finta di nulla anche se ultimamente non mancano episodi controversi a sfavore. Basti pensare all’entrata killer di Lulic sulla caviglia di Salah nel 2015, al mancato penalty concesso per fallo di Radu su Lamela nel derby dei rigori del 2013 (due per la , uno per i giallorossi) o al clamoroso siparietto dell’arbitro Banti nel novembre di due anni fa che prima concede la punizione per fallo di Biglia su Peres al limite dell’area. Dopo qualche secondo ci ripensa e indica il dischetto. Per fare poi di nuovo retromarcia su indicazione dell’assistente Calvarese che però sbaglia perché le immagini sanciranno come il contatto fosse avvenuto sulla linea.

POLEMICHE SU POLEMICHE

Di polemiche da “derby” ne è colma la storia. Nel 1936 una punizione dubbia di Mazzoni scatenava la prima rissa furibonda con l’intervento delle forze dell’ordine. Un rigore non concesso a Fontanesi da Bellè nel 1954 sanciva il ritorno alla vittoria della Roma dopo sette anni. Due stagioni dopo i giallorossi accusavano invece l’arbitro Orlandini (unico romano designato per il derby della Capitale) di averli spinti e schiaffeggiati.

ORA IL VAR

Come riporta Il Messaggero bello pensare che con la tecnologia non possa esserci svista. Anche su una deviazione, come la spalla di Janich sulla bomba di Da Costa. La Var non avrebbe potuto nulla nel derby di Coppa Italia del 1969: gara vinta a tavolino dalla Roma a causa di un corto circuito all’Olimpico. Ironia del destino, Lazio squadra ospitante. Sempre nel 1969 fra i torti arbitrali ricevuti dalla Lazio il rigore per uno svenimento di Peirò in area assegnato da De Marchi a Capello, 1 a 1 e palla al centro. Ma c’è anche chi, come Delvecchio, dopo 20 anni ancora non capisce il perché del 4-3 annullato nella stracittadina del 29 novembre del 1998 terminata 3-3. Aspettatevi dunque attimi interminabili in questo derby. Le prime dodici giornate sono servite per capire come funziona, ora Roma e Lazio dovranno trarne beneficio. Questione di Var condicio.

LEGGI ANCHE LE PAROLE DI NEVIO SCALA

DIVENTA NOSTRO FOLLOWER ANCHE SU TWITTER

LEGGI ANCHE LE PAROLE DEL MENTAL COACH DI LUIS ALBERTO

Non solo Lazio

Diletta Leotta, la verità sul legame tra lei e Ibrahimovic

Pubblicato

in

Diletta Leotta Ibrahimovic


Ecco le dichiarazioni della giornalista sportiva sul suo presunto flirt con il giocatore del Milan

Parla chiaro la giornalista sportiva più amata dal pubblico maschile sulle voci che la volevano coinvolta sentimentalmente con l’attaccante del Milan. In un’intervista che uscirà domani sul noto settimanale Chi, che la vede protagonista anche in copertina, la Leotta chiarisce finalmente la situazione. “Stare con un uomo impegnato è una cosa inaccettabile per i miei principi, con tutta la scelta che c’è nel mondo devi avere la lucidità di non metterti in situazioni sbagliate”.

La situazione sentimentale di Diletta Leotta

Adesso sono single. Sono sempre stata fidanzata, dovevo trovare il coraggio di ritagliarmi uno spazio per conoscermi nel profondo e fare scelte importanti, per riuscire a stare da sola sul divano a vedere un film senza dover rendere conto a nessuno”. Diletta commenta anche la fine del suo rapporto con Daniele Scardina: “Non rinnego niente, fra di noi c’è stato un amore profondo”.

Le scelte professionali : il passaggio a Dazn

Nell’ultima parte dell’intervista rilasciata a Chi la conduttrice di Dazn ricorda gli inizi professionali nell’ambiente del giornalismo sportivo come un periodo non semplice. “All’inizio non è stato facile, una collega mi aveva anche detto ‘ti hanno presa solo per le tette’, ma non ho certo lasciato Sky per questa ragione… Ho scelto di andare a Dazn perché era una nuova sfida e perché sentivo che il mercato della tv satellitare stava cambiando”.

Continua a leggere

Articoli più letti

Come disattivare il blocco della pubblicita per Cronache della Campania?