Seguici sui Social

News

PUBBLICITA

Ex arbitro Pieri: “Caso Immobile farà giurisprudenza. Giacomelli…”

Avatar

Pubblicato

il

Arbitri italiani AIA

L’ex arbitro di Serie A Tiziano Pieri è intervenuto ai microfoni di Lazio Style Radio. Ha parlato di VAR e dello spinoso caso dell’arbitro Giacomelli in LazioTorino, causa di innumerveloiu polemiche nell’ultima settimana.

VAR

“Tra tutti i paesi che hanno iniziato la sperimentazione del VAR, in Italia, a livello tecnologico, i casi con problemi sono stati minimi. Complimenti a Rosetti, responsabile del progetto del VAR in Italia, perché ha fornito un valido strumento ai direttori di gara. Quindi, spetta ora al responsabile e designatore della CAN A, Rizzoli, gestirlo al meglio e, sotto l’aspetto tecnico, migliorare la gestione del VAR che ha creato pochi casi clamorosi, che si contano sulla punta delle dita ma che sono molto gravi. Non ultimo, quello a Genova di domenica scorsa in Sampdoria-Sassuolo con il giocatore blucerchiato Torreira che para il pallone a due mani. L’arbitro sbaglia, ma il VAR non deve: non c’è una spiegazione logica perché non intervenga chi è davanti ad un monitor a supporto del direttore di gara”.

DIFFERENZE CON LA GOAL LINE TECHNOLOGY

“La Goal Line Technology è un mezzo tecnologico che certifica oggettivamente se il pallone ha varcato o meno la linea di porta; al contrario, il VAR è uno strumento soggetto all’interpretazione dell’arbitro, che valuta in base al protocollo. È questa la difficoltà: quando si fa riferimento ad “un chiaro ed evidente errore” sul quale intervenire, la valutazione può essere soggettiva. Andrebbe quindi modificato il protocollo, magari passando ad “un possibile rigore”, che è un concetto più semplice da individuare”.

ROSETTI E IL RAPPORTO CON I MEDIA

“Fa bene Rosetti ad informare i Club e la stampa per essere il più chiaro possibile su ciò che si può fare o meno. Scusarsi non occorre, tutti sbagliano, ma l’AIA dovrebbe uscire allo scoperto ed ammettere gli errori e provando a portarli al minimo. L’Associazione dovrebbe dire cosa non è andato in Lazio-Torino: perché lo strumento di supporto non ha funzionato? Siamo in fase sperimentale, ci sta che si verifichi un errore perché anche gli arbitri davanti allo schermo hanno poco tempo per rivalutare il tutto e devono imparare a decidere e gestire la situazione in un momento. Non occorre un direttore di gara per sottolineare come il tocco di mano di Iago Falque sia un fallo da rigore chiaro ed evidente”.

“CASO IMMOBILE FARA’ GIURISPRUDENZA”

“Il comunicato del Giudice Sportivo circa la squalifica di Immobile utilizza un giro di parole quando invece occorre avere il coraggio di prendere le decisioni. L’arbitro deve decidere nel bene o nel male. Quando si sbaglia, l’episodio va messo alle spalle. Se si è verificato un errore ed il Giudice Sportivo ritiene che questo sia stato commesso, non si può coniare la nuova terminologia ‘gravemente antisportiva’ nel mezzo. Se non c’è stata violenza, allora Immobile non andava squalificato. Così, di fatto, il Giudice Sportivo ammette che c’è stato un errore tecnico. Cambiare completamente il giudizio del fischietto, avrebbe portato la Lazio a presentare ricorso e richiedere la ripetizione della gara contro i granata per errore tecnico. Il caso Immobile farà giurisprudenza. In situazioni di scarsa definizione, si userà questa nuova terminologia che però è poco trasparente. Su questo ci sarà da riflettere”.

LAZIO-TORINO

“Immobile ha sbagliato. Non lo giustifico, ha delle attenuanti, stava rientrando ma è rimasto nella sua direzione. Burdisso si è girato, lo ha aspettato e ha chinato la testa cercando il contatto. Se Giacomelli ed il VAR Di Bello avessero concesso il calcio rigore, si poteva anche accettare il rosso al numero 17 biancoceleste e magari un giallo al difensore argentino: il granata, infatti, non ha simulato né ha ingigantito il colpo. La scelta corretta sarebbe stata decretare il rigore alla Lazio, quindi un provvedimento tecnico, e successivamente ammonire entrambi, quindi un provvedimento disciplinare. Se quest’ultimo, infatti, non è associato al provvedimento tecnico, rimane. Se avesse concesso il tiro dagli undici metri, non avrebbe tolto il rosso ad Immobile. Anche se a gioco fermo, il provvedimento disciplinare va preso”.

“VAR COMUNQUE POSITIVO”

“Gli arbitri, in campo, sono soli contro tutti. Possono avvenire episodi, quali un colpo di tosse o un giocatore che ti passa davanti che fa perdere il fotogramma esatto di un episodio. In questi casi l’arbitro si baserà sul proprio intuito o la sua esperienza. Ciò nonostante, il VAR va messo a posto. La fase sperimentale nell’insieme è positiva ma ad alcune società, come Lazio e Juventus, non è andata benissimo”.

LEGGI L’ESCLUSIVA DI LAZIOCHANNEL CON MASSIMO BARCHIESI DI RADIO RAI>>>CLICCA QUI

LASCIA UN ‘LIKE’ ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

DIVENTA UN NOSTRO FOLLOWER ANCHE SU TWITTER


Pubblicità

Settore giovanile

Il figlio di Tare, Etienne : “Cresciuto con questa maglia, voglio giocare in Serie A”

Intervista a viso aperto per il figlio di Tare, Etienne ai microfoni di Wake Up

Avatar

Pubblicato

il

tare etienne image
<

Intervista a viso aperto per il figlio di Tare, Etienne ai microfoni di Wake Up

Il figlio di Tare, Etienne è stato intervistato da Wake Up, il ragazzo italo-albanese parla della sua vita e dei suoi obiettivi : “Mio padre è stato un grandissimo calciatore, è molto conosciuto in Albania e nel resto del mondo, il fatto che lui sia stato un giocatore è uno stimolo per me, nutro questa passione fin da bambino“.

I FASTIDI DI ETIENNE

Etienne poi si dice infastidito del continuo paragone con il suo grosso : “Mi può dare fastidio quando mi definiscono solo come il figlio di Igli, lui è Igli Tare, io invece sono Etienne Tare“.

LA LAZIO

Etienne poi si destreggia sugli obiettivi : “Il mio sogno è giocare nella Nazionale albanese e giocare in prima squadra, sono cresciuto laziale e proprio con questa maglia voglio arrivare a giocare in Serie A“.

figlio di tare

TUTTO SU LAZIO CAGLIARI

Continua a leggere

News

Lazio Cagliari – Orario, probabili formazioni e dove vederla

Reduci dalla trasferta di Istanbul, i biancocelesti hanno preparato in pochi giorni Lazio Cagliari, match valido per la quarta giornata di Serie A

Avatar

Pubblicato

il

lazio cagliari
<

Alla vigilia di Lazio Cagliari i biancocelesti saranno impegnati, nel pomeriggio odierno, nella seduta di rifinitura a Formello. Gli uomini di Sarri, reduci dalla sconfitta di Istanbul contro il Galatasaray in Europa League, sono chiamati a voltare pagina in campionato e ad archiviare le due sconfitte consecutive contro i turchi e contro il Milan. In vista della sfida dell’Olimpico Maurizio Sarri sembra intenzionato a schierare l’11 titolare senza troppi sguardi al turnover, nonostante il turno infrasettimanale incombente che vedrà la Lazio impegnata a Torino contro i granata.

LAZIO CAGLIARI, LE SCELTE DI SARRI

Contro i sardi, dunque, in porta tornerà con tutta probabilità Pepe Reina. La linea difensiva centrale sarà composta da Acerbi e Luiz Felipe mentre sulla fascia sinistra verrà confermato Hysaj. Ballottaggio invece sulla corsia opposta, dove Marusic appare al momento leggermente in vantaggio su Lazzari, reduce dai 90′ minuti di Istanbul e, prima ancora, da un problema muscolare. L’altro dubbio riguarda Lucas Leiva: il brasiliano non è in condizioni ottimali e, alla luce di un calendario pieno di impegni ravvicinati, Sarri potrebbe optare per la soluzione Escalante. Il match, in programma domani all’Olimpico alle 18.00, sarà visibile in esclusiva su Dazn.

LAZIO 4-3-3: Reina; Marusic, Acerbi, Luiz Felipe, Hysaj; Milinkovic-Savic, Leiva, Luis Alberto; Pedro, Immobile, Felipe Anderson.

CAGLARI 3-5-2: Cragno; Caceres, Ceppitelli, Carboni; Zappa, Deiola, Marin, Nandez, Lykogiannis; Keita, Joao Pedro.

Lazio-Cagliari
LAZIO CAGLIARI

SARRI, LA PARTENZA RICORDA NAPOLI

Continua a leggere

Conferenza stampa

Sarri si lamenta del calendario : “Troppe partite, il calcio mi piace sempre meno”

Sarri si lamenta del calendario alla vigilia della gara contro il Cagliari

Avatar

Pubblicato

il

122322257 6c74220e c58e 449f bef8 4bf460c0f321
<

Sarri si lamenta del calendario alla vigilia della gara contro il Cagliari

Sarri si lamenta del calendario della sua Lazio alla vigilia della sfida di campionato all’Olimpico contro il Cagliari : “Le prossime gare ? Quando ti impongono un calendario del genere non si può lavorare nel migliore dei modi ed è per questo che il calcio mi piace sempre meno“.

sarri

FOCUS : DATE TEMPO A SARRI, ANCHE A NAPOLI PARTI’ LENTO

Continua a leggere

Articoli più letti