Seguici sui Social

Articolo copertina

Lazio Moccia: “Si deve vincere al di là dell’arbitro. Il periodo più bello?…”

Pubblicato

il

PUBBLICITA

Lo scrittore Federico Moccia è un noto tifoso laziale. Ha parlato del periodo biancoceleste e di un possibile libro. Lazio Moccia parla a Radio Olimpya

Lazio Moccia: “Questa Lazio mi piace molto. Mi dispiace che riesca più a tirare fuori il carattere che ha mostrato nel momento iniziale della stagione. Prima che si allontanassero la Juventus e il Napoli e un Milinkovic-Savic in grandissima forma, la squadra offriva un gioco veramente bello. Adesso mi sembra un po’ contratta, timorosa. Sono arrivati pareggi in gare che si potevano vincere. Sui campi italiani non mi sembra tranquilla come in Europa League”.

Quarto posto: “Errori arbitrali? Non li vedo come un problema. Gli errori degli arbitri ci sono, ma se sei molto più forte riesci a battere comunque l’importanza del fischietto. La Lazio piuttosto mi sembra appannata e stanca. Manca quel giro in più, un po’ quello che ha trovato Felipe Anderson nell’ultimo periodo. Per il quarto posto invece secondo me si deciderà tutto il 15 aprile. A seconda di ciò che accadrà nel derby arriverà nuova vitalità per una delle compagini. Speriamo che la Lazio arrivi 3 punti sopra al quinto posto…”

Su quale personaggio laziale scriveresti: “Simone Inzaghi è interessante, però “Tre metri sopra la panchina” no. Immobile mi piace, lo incrocio ogni tanto. Atleta asciutto, che lavora in continuazione, di lui farei un bel racconto. Sempre in movimento, divertente, è un personaggio”.  Un libro sulla Lazio: “Secondo me il periodo più bello resta quello di Maestrelli. Abbiamo avuto anche l’idea di un corto per lo Scudetto del 2000, quando tutto lo stadio ascoltava alla radio Perugia-Juventus. Un silenzio incredibile e duratura. Il campo pieno di gente. Campanilismo? Quando un racconto è talmente forte supera i contorni calcistici”. 

SEGUICI SU FACEBOOK

LEGGI LE PAROLE DI HUBNER


Pubblicità

Articolo copertina

Compleanno Lotito: “Lo vivo con amarezza ma anche fiducia”

Pubblicato

il

lotito-lazio

Nella giornata del suo 64esimo compleanno Lotito ha parlato al canale ufficiale biancoceleste.

Compleanno Lotito: “Lo vivo con amarezza, per quanto successo ieri a Firenze, ma anche fiducia. Visto quanto sta accadendo nel mondo, adesso bisogna programmare la propria vita, anche con una prospettiva diversa. Sono 17 anni che ho preso la Lazio, sembra una vita. Festeggiare un compleanno significa rendersi conto che il tempo passa, ma anche avere fiducia nel futuro. Ciò sia dal punto di vista della salute che dal cominciare a programmare i propri obiettivi personali. Gli obiettivi bisogna centrarli. Personalmente, mi auguro che la salute mi assista e che si possano creare le condizioni per festeggiare insieme i successivi compleanni. Mi auguro infine che mio figlio Enrico continui nel mio cammino nel rappresentare i colori biancocelesti“.

Continua a leggere

Articoli più letti