Il logo della Dynamo Kiev

Semenenko su Lazio Dynamo: “Chapeau a Inzaghi. Non siamo favoriti, ma…”

Si disputerà questa sera l’andata degli ottavi di finale di Europa League. Ai microfoni di ‘TMW’ è intervenuto il vicepresidente ucraino Olexiy Semenenko su Lazio Dynamo Kiev.

SEMENENKO SU LAZIO DYNAMO

Non posso che aspettarmi un risultato positivo per noi. Il pari sarebbe sicuramente un buon risultato, per non parlare della vittoria. Credo che giocare l’andata fuori rappresenti un piccolo vantaggio per noi, ma allo stesso tempo mi rendo conto che sembrerei un dilettante se dicessi che la Dinamo contro la Lazio parte favorita“.

PRECEDENTI

Storicamente la Dinamo ha sempre giocato male contro le squadre italiane. Proprio con la Lazio abbiamo un debito particolare, visto che abbiamo perso entrambe le gare della fase a gironi di Champions nel 1999/2000. In campo, in quell’occasione, c’era proprio Simone Inzaghi, insieme a tanti altri campioni”.

ONORE A INZAGHI

La Lazio, permettetemi il paragone, si è trasformata da un brutto anatroccolo in un bellissimo cigno negli ultimi due anni. Chapeau al lavoro di mister Inzaghi, così come a quello dei dirigenti e della proprietà. Il mister biancoceleste è stato chiamato ad aiutare la Lazio in un momento difficile con tanti ‘piloti abbattuti’, ovvero giocatori che sembravano non aver più niente da dare. Invece, Inzaghi ci ha creduto e ha tirato fuori tutto il potenziale di Immobile e Milinkovic, ora top player mondiali, di giovani interessanti come Strakosha, De Vrij e Luiz Felipe, oltre a veterani come Lucas Leiva, Parolo e Lulic. Direi che la Lazio oggi non è una squadra di stelle, bensì una squadra stellare. Esattamente quello che ha sempre sognato il nostro grande allenatore Valery Lobanovskiy“.

SFIDA TRA BOMBER

Al giorno d’oggi Immobile è più forte, senza alcun dubbio. Ma solamente perché Mbokani è rimasto fuori a lungo a causa di un infortunio. Se volessimo paragonarli, Mbokani in condizioni ottimali non sarebbe certo da meno di Immobile“.

LEGGI LE INFO SUI BIGLIETTI PER LA GARA DI RITORNO

SEGUICI ANCHE SU TWITTER