PAGELLE MILAN LAZIO Correa da impazzire, Bastos The Wall. E’ FINALE TIM CUP

Semifinale di ritorno di Tim Cup. Pagelle Milan Lazio

Le pagelle di Milan Lazio

STRAKOSHA 7 Una parata, ma decisiva. I rossoneri non si rendono mai pericolosi, se non per il tiro di Calabria nel primo tempo. Ma l’albanese si distende e con la manona destra devia in angolo. Dà sicurezza alla squadra sulle palle alte

LUIZ FELIPE 7.5 Impeccabile il brasiliano. Prova di maturità superata brillantemente, mai soffrendo gli attacchi avversari. Mette sempre la gamba senza paura, grintoso come pochi. Una crescita pazzesca per questo difensore arrivato tra lo scetticismo generale

ACERBI 7 Il Leone non è stato influenzato dal caso Bakayoko e fregandosene di tutto ha guidato da leader la retroguardia. Poatek è ancora n campo a cercare il pallone che non gli è mai arrivato

BASTOS 8 Piatek, Suso, Castillejo, Cuyrone, non ce ne è per nessuno, L’angolano sfodera una prestazione MAIUSCOLA, annullando tutti gli attacchi rossoneri. Sfiora per due volte il gol, con una girata e con un colpo di testa, entrambe a fil di palo. ROCCIA

ROMULO 7 Il brasiliano ha confermato che tatticamente è davvero duttile e che non può essere la riserva di Marusic. Gioca da veterano, come se fosse alla Lazio da anni. Si sacrifica tantissimo e annulla del tutto Laxalt, che non riesce mai a sfondare sulla fascia. E’ un motorino inesauribile. Solo il fischio finale dell’arbitro mette fine alla sua, tanta, corsa.

MILINKOVIC s.v. Sfortunatissimo il Sergente, costretto ad abbandonare il campo dopo soli 15 minuti, complice uno scivolone maldestro sul campo bagnato di San Siro. Ginocchio e caviglia fanno uno strano movimento che lo mettono ko. Commovente la corsa zoppicante per festeggiare il gol di Correa Dal 15′ PAROLO 7 Supera l’arduo compito di non far rimpiangere l’assenza del Sergente. Si mette al servizio della squadra e corre, corre e corre. Tanta sostanza ce ha aiutato la squadra. Bentornato Marcolino.

LUCAS LEIVA 7.5 Stravince il duello fisico contro Kessiè e Bakayoko. Nonostante una caviglia non in perfetta forma, il brasiliano mette in campo tutta la sua esperienza per trionfare nella zona mediana del campo. Va vicinissimo al gol con un destro a giro, ma Reina gli dice di no. TRATTORE LUCAS

LUIS ALBERTO 7 Il Mago torna a brillare a centrocampo con il suo fraseggio e le sue geometrie. Fa illuminare gli occhi ai tifosi quando triangola con Correa. Offre un assist al bacio all’argentino nel primo tempo che però non finalizza. Ogni azione passa fra i suoi piedi, si riscatta alla grande dopo la debacle contro il Chievo Dall’84’ BADELJ s.v

LULIC 7 Parte da lui l’azione di contropiede che porta al gol di Correa. Preciso, attento e determinato, anticipa spesso Calabria e dà una grande mano in fase difensiva. Si è caricato la squadra sulle spalle con il suo carisma

CORREA 8.5 L’eroe di questa serata. Finalmente il Tucu in gol. L’argentino era in serata di grazia e con il pallone tra i piedi era da orgasmo puro. Come il miglior Alberto Tomba, faceva slalom tra i difensori rossoneri, lasciando loro le briciole. Nel primo tempo fallisce un gol, ma si riscatta alla grande nella ripresa con la puntata che si infila sotto le gambe di Reina per lo 0-1. Gracias Tucu. Dal 75′ CAICEDO s.v.

IMMOBILE 7 Ce la mette tutta, ci mette il cuore, ma la porta resta stregata. Ma non si abbatte e, se non riesce a segnare, sforna assist come il miglior numero 10. E’ ancora il suo l’ultimo passaggio che manda Correa in porta per il definitvo 0-1. Tieni duro Ciro, arriverà anche il tuo momento

ALL. INZAGHI 8 E’ la sua vittoria, è la sua competizione, la Coppa Italia. Quando vede questo trofeo, si trasforma e trasmette alla squadra una grinta pazzesca. Mette in campo, finalmente, la migliore formazione possibile e azzecca anche i cambi. La sua Lazio, come due anni fa, è di nuovo in finale. Bravo Simone!