Seguici sui Social

Arabic AR Chinese (Simplified) ZH-CN English EN French FR Italian IT Russian RU Spanish ES

Articolo copertina

LAZIO LOTITO: “Non sono tirchio!”

Pubblicato

in

Claudio Lotito presidente della Lazio


Il presidente Claudio Lotito dopo le ultime prestazioni convincenti della Lazio che è riuscita a ottenere la vittoria contro il Milan per la finale di Coppa Italia e la vittoria sulla Samp, torna a parlare. Infatti dopo essere stato presente in trasferta nelle recenti partite, è intervenuto sulla rivista il Tempo per parlare di quello che avverrà alla Lazio e su Milinkovic, le sue parole:

Sul mercato: “Sorrido quando dicono che spendo poco per gli acquisti, ho la maggioranza assoluta della Lazio, ma essendo una società quotata devo salvaguardare anche gli interessi dei piccoli investitori. Poi questa leggenda metropolitana che io sia tirchio è smentita dai fatti. La Lazio ogni anno spende tantissimi soldi, i dati di bilancio lo dimostrano. Patrimonializza e fortifica pensando al futuro”. Su Milinkovic: Ma non sono pentito di non averlo venduto dal punto di vista economico sarebbe stato un ottimo affare. Lo avevo promesso al mio allenatore. E poi il calcio non è solo business: l’ho fatto anche per non creare un disagio psicologico ai tifosi”.

Futuro: “Le considerazioni si fanno a fine campionato. Oggi siamo ancora sospesi, con traguardi alla portata ma non ancora raggiunti. Ci sono partite non solo calcistiche aperte, e vedremo dove approderemo. Sulla base di quello penseremo al domani. Inzaghi oggi ha un contratto, e nessuno – io per primo – l’ha messo in discussione. Cerchiamo di ottenere prima il massimo, perché questa squadra ha grandissime possibilità e deve saperle rispettare. Può tornare nell’Olimpo del calcio internazionale. Futuro? I piani si faranno in funzione dei campionati che dovremo disputare e quindi anche delle entrate previste. Mi auguro che si ritrovi la serenità e la concentrazione in questo rush finale per tagliare un traguardo compatibile con le potenzialità del gruppo”.

La sua fede calcistica: “Altra leggenda metropolitana. Nasceva dal fatto che io avessi sposato la figlia di Gianni Mezzaroma, noto romanista, che era comproprietario con Franco Sensi della Roma. Ma le offro una notizia: mio suocero, grazie a mio figlio che è laziale, lo è diventato anche lui. È vero, quando ero fidanzato sono andato a vedere qualche partita della Roma con la mia futura famiglia. Ma i veri laziali sapevano quale fosse il mio posto in tribuna d’onore della Lazio: posti 27 e 28, fila 29”.

La Lazio: “Resto sovranista. Noi rappresentiamo sentimenti e passioni comuni, e senza anima il calcio non è nulla. Questa è una ricetta vincente, e mi auguro lo sia anche sul campo. L’arrivo di Ronaldo in Italia? Per il calcio italiano è stato un buon affare. È diventato un polo di attrazione e bisogna ringraziare la Juve per questo investimento che è stato utile a tutti”.

Con Inzaghi: “Non faccio ramanzine. Ho l’obbligo di valutare e consigliare gli addetti ai lavori quando ci sono le condizioni per farlo. Sono suggerimenti. Io stesso ne ricevo, anche dal direttore Tare. Se mi convincono, cerco di metterli in pratica. Ho degli obblighi anche nei confronti dei tifosi, che sono tifosi – non dobbiamo mai dimenticarlo – della prima squadra della Capitale, visto che la Lazio è nata nel 1900”.

SEGUICI SU FACEBOOK

Continua a leggere
Pubblicità

Articoli più letti