Seguici sui Social

Focus

ACCADDE OGGI Lazio-Juventus 4-0, la partita perfetta

Pubblicato

il

PUBBLICITA

La Lazio non batte la Juventus dal quasi 13 anni: dicembre 2003, 2-0 con gol di Corradi e Fiore. Precedente citato più e più volte, così come il famoso 3-1 del 1974.

La vera partita perfetta con i bianconeri all’Olimpico, però, è stata quella del 29 ottobre del 1995. Fu la volta in cui l’utopia zemaniana si palesò in maniera perfetta, in cui la Lazio sembrava lanciata verso un sogno chiamato scudetto giocando un calcio dinamico e perfetto, fatto di sovrapposizioni rugbystiche e quanto fosse il più vicino possibile al calcio totale.

Di fronte c’era la Juventus di Marcello Lippi: la squadra campione d’Italia in carica e che soprattutto a fine stagione avrebbe alzato al cielo la Champions League: ebbene sì, il 4-0 finale rende bene l’idea della forza potenziale di quella squadra, con un giovanissimo Nesta ancora terzino destro e non centrale e Boksic, Casiraghi e Signori nel tridente, seppur non schierati contemporaneamente in quell’occasione con l’indispensabile Rambaudi titolare. La Lazio aveva schiantato la squadra che circa sei mesi dopo avrebbe conquistato il trono d’Europa.

Vista col senno di poi, quella partita è stata in realtà tutt’altro che un fulgido esempio di perfezione tattica: ossessionati dalla zona e dalle squadre “corte“, gli allenatori dell’epoca giocavano in un fazzoletto di campo. Quel giorno Lippi sfidò Zeman sul suo terreno e ne uscì una sorta di flipper impazzito in cui la pallina laziale finiva sempre in buca.

Il calcio di Zeman, nemmeno nelle future esperienze del tecnico boemo, riuscì mai più a trovare un livello d’intensità come quello della giornata perfetta.

Fabio Belli

IL TABELLINO

LAZIO-JUVENTUS 4-0

MARCATORI: 39’pt Signori, 45’pt Casiraghi, 26’st Rambaudi, 32’st Casiraghi.

LAZIO: Marchegiani (27’pt Orsi), Nesta, Favalli, Di Matteo, Negro, Chamot, Rambaudi, Fuser (27’st Marcolin), Casiraghi, Winter, Signori (15’st Boksic). Panchina: Romano, Piovanelli. All. Zeman.

JUVENTUS: Peruzzi, Ferrara, Porrini, Carrera, Torricelli (1’st Marocchi), Paulo Sousa, Conte, Tacchinardi (27’st Pessotto), Di Livio (1’st Vialli), Del Piero, Ravanelli. Panchina: Rampulla, Sorin. All. Lippi.

ARBITRO: Collina di Viareggio

https://www.youtube.com/watch?v=dUQZtjMD4Po


Pubblicità

Focus

I migliori marcatori della Serie A

Pubblicato

il

Silvio Piola leggendario bomber della Lazio e della Nazionale

A partire dalla stagione 1929/1930 il massimo campionato italiano si giocava a girone unico, conosciuto più comunemente come serie A o ufficialmente come Divisione Nazionale Serie A.

Marcatori della Serie A – Nel 1928 infatti Leandro Arpinati, presidente della federazione, decide di creare un campionato a “girone unico” perché ritenuto più competitivo. Di fatto il girone unico prevede gare di andata e gare di ritorno durante 34 giornate, si stabilisce inoltre che i vincitori prendano 2 punti e i pareggi 1 punto a squadra con l’eventuale spareggio nel caso in cui in classifica si creino situazioni ex aequo nella classifica finale. Inizialmente il campionato di massima serie era molto elitario, esisteva infatti un campionato del Nord e uno del Sud, quando nel 1922 le grandi società iniziarono a fare pressione per eliminare i campionati regionali, riuscirono a creare 2 gironi da 12 squadre ciascuno e ad ammettere le 3 migliori società sportive del meridione. Uno dei motivi principali per cui molte società spingevano a creare un girone unico era il giro di introiti scarso data l’inclusione di poche squadre nel girone finale del campionato, che obbligava le stesse a vendere i propri giocatori per poter risanare le perdite. Ecco i migliori marcatori della Serie A

Silvio Piola

Campione del mondo 1983 contro la Francia, ha giocato nel Pro Vercelli, Juventus, Lazio e Novara raggiungendo quota 274 gol è uno dei più grandi centravanti della storia del calcio italiano e top marcatori serie A, tanto che detiene il record di marcature in una singola gara del massimo campionato dal 1933. Piola insieme a Riva e Meazza sono gli unici ad aver segnato più di 30 gol in nazionale. Nel 1925 inizia a giocare per la Veloces, squadra giovanile del proprietario di un negozio di articoli sportivi, che vince il campionato ragazzi disputato a Genova contro la Nazionale Liguria. Tre anni più tardi il Veloces viene assorbito dalla Pro Vercelli dove Piola esordisce contro la Lazio nel 1930 segnando il suo primo gol ufficiale. Nel ‘31 stabilisce il primo record di gol segnati in una partita: 4 all epoca. Nel 1934 invece stabilisce un record ancora imbattuto di 6 reti in un incontro contro la Fiorentina.

Francesco Totti

Campione del Mondo 2006 e vicecampione d’Europa 2000 con la nazionale italiana Totti rientra a pieno titolo nella lista dei migliori marcatori della Serie A. Con la Roma, nella quale è stato capitano dal ‘98 al 2017 vince lo scudetto nella stagione 2000-2001, due Supercoppe Italiane e due Coppe Italia. Con 250 gol in serie A è il marcatore che ha segnato più gol con la stessa squadra è l’attaccante con più presenze con la partecipazione in 25 stagioni ed il solo ad essere andato a segno per ben 23 campionati consecutivi, inoltre detiene il record per essere il marcatore più anziano e aver segnato un gol a 38 anni suonati nella Champions League. La IFFHS scopre che nel 2012 Totti è il calciatore più popolare d’Europa, durante la sua carriera vince la Scarpa d’Oro come miglior marcatore Europeo, UEFA President’s A

Gunnar Nordahl

Considerato uno dei centravanti più forti della storia si posiziona terzo tra i top marcatori della serie A con 225 gol, rimane tutt’ora il miglior marcatore della storia del Milan. Nei campionati svedesi segna ben 149 gol in 172 partite dove debuttò in terza serie nazionale con gli Hörnefors, successivamente con il Degerfors nella massima serie nazionale e infine nel IFK Norrköping dove vince 4 titolo di Svezia. Nel 1949 esordisce con un 3-2 per il Milan contro la Pro Patria, capitanando poi i rossoneri a vincere una Coppa Latina e due scudetti. Con i compagni di squadra Gren e Liedholm (trio Gre-No-Li) durante la stagione 1950-1951 riescono a portare il Milan allo scudetto dopo ben 44 anni. Detiene il record ancora imbattuto di 5 titoli capocannoniere, vinse un oro olimpico al torneo del 1948 a Londra. Nella nazionale svedese riesce a segnare ben 43 gol in 33 presenze, si posiziona terzo tra i suoi connazionali Sven Rydell e Zlatan Ibrahimović.

Continua a leggere

Articoli più letti