Seguici sui Social

Focus

LA NOSTRA STORIA L’attaccante Mario Maraschi

Pubblicato

in



LA NOSTRA STORIA Mario Maraschi nasce a Lodi il 28 agosto 1939. Inizia la carriera nel Fanfulla a 17 anni in serie D. Nel 1958/59 passa alla Pro Vercelli dove resta due stagioni.

Inizialmente, pur segnando diverse reti, non è una vera punta. È Silvio Piola che si accorge che tira bene con entrambi i piedi ed è forte anche di testa, tanto da consigliarne il ruolo di punta avanzata. Nel 1960 passa al Milan dove esordisce in Serie A. L’anno dopo si trasferisce alla Lazio in Serie B. Con i biancocelesti conquista la promozione in Serie A. Maraschi risulta spesso tra i migliori in campo tanto che su di lui si posano le attenzioni dello scudettato Bologna. Il club emiliano, approfittando anche dello smarrimento societario seguito all’improvviso passaggio di Lorenzo alla Roma, con opportune lusinghe economiche convince i dirigenti biancocelesti a cedere il giocatore.

Il trasferimento non è fortunato e a fine stagione passa al Lanerossi Vicenza dove gioca due campionati (1965/66 e 1966/67). A settembre del 1967 approda alla Fiorentina dove diventa protagonista. Dopo un inizio incerto Maraschi gioca ottimamente e i gigliati conquistano un insperato 4° posto. L’anno dopo vincono lo Scudetto. Ritenuto a fine carriera i viola lo cedono nel 1970 al Lanerossi Vicenza. Nella stagione 1972/73 si trasferisce al Cagliari. L’anno dopo passa alla Sampdoria e vi resta tre campionati. Abbandonata la carriera di calciatore tenta quella di allenatore. Guida il Legnago e il Chiasso. Le ultime esperienze in panchina risalgono al 2002 quando allena il Vicenza femminile.

SEGUICI ANCHE SU TWITTER

Focus

LA NOSTRA STORIA Tanti Auguri a Roberto Muzzi

Pubblicato

in



Nasce a Roma il 21 settembre del 1971 Roberto Muzzi. Inizia a giocare nel Morena, poi passa alla Procalcio Italia e infine alla Roma. Nel 1993 viene ceduto in prestito in Serie B al Pisa. L’anno successivo passa al Cagliari, dove gioca fino al 1999 quando si trasferisce all’Udinese.

Nella stagione 2003-2004 Roberto Muzzi arriva alla Lazio. In biancoceleste resta per tre stagioni prima di trasferirsi al Torino in Serie B. Al termine della stagione 2006-2007, a 35 anni, scaduto il contratto sportivo contatta i vertici societari per il rinnovo ma riceve la proposta di entrare a far parte dello staff degli allenatori del settore giovanile granata. Dopo una pausa di riflessione decide di scendere di categoria, fino alla Serie C1, firmando un biennale con il Padova. Nell’agosto del 2009 il Villafranca Veronese, squadra neopromossa in Serie D, aveva avviato una trattativa ma il 5 agosto Muzzi dopo averci pensato ha rifiutato l’offerta deciso ad intraprendere la carriera da allenatore iscrivendosi al corso di Coverciano per conseguire il patentino di 2ª categoria.

Nel 2009 diviene allenatore della squadra Esordienti della Roma. Il 1 luglio 2011 passa alla guida dei giovanissimi provinciali. L’anno successivo passa ai giovanissimi regionali. Il 3 febbraio 2013 diventa vice allenatore della Roma dopo l’esonero di Zdeněk Zeman e la nomina di Aurelio Andreazzoli come nuovo tecnico dei giallorossi. Il 10 giugno lascia i giallorossi insieme ad Andreazzoli, ma il 4 luglio 2014 ritorna nel ruolo di tecnico dei giovanissimi Nazionali. A novembre 2015 viene scelto da Andrea Stramaccioni, suo collega nelle giovanili giallorosse, come suo vice al Panathīnaïkos. In seguito diventa Collaboratore tecnico di mister Andreazzoli all’Empoli nella stagione 2018-2019 e successivamente anche nella sua avventura al Genoa nella stagione 2019-2020.

SEGUICI ANCHE SU GOOGLE EDICOLA, TWITTER E FACEBOOK

Continua a leggere

Articoli più letti