Seguici sui Social

Articolo copertina

LAZIO GENOA PAGELLE Poker, Ciro che abbraccia Inzaghi e super Strakosha

Pubblicato

il

PUBBLICITA



Diamo i voti ai biancocelesti al termine del match disputato allo Stadio Olimpico. Lazio Genoa pagelle

Lazio Genoa pagelle

STRAKOSHA 7.5 – Due parate che mettono a tacere le critiche ricevute durante la trasferta di San Siro contro l’Inter. Al minuto 9 dice di no al colpo di testa ravvicinato di Romero. Si ripete con un miracolo al minuto 24 quando alza la saracinesca su Cassata e Lerager che a tu per tu con l’albanese non riescono a finalizzare

LUIZ FELIPE 7.5 – Oggi ha badato al solo, mettendo da parte l’estetica. Interventi decisi e puntuali. Poi al minuto 77 decide di partire dalla sua area di rigore, dribblare mezzo Genoa e mandare Immobile in gol con un assist da numero 10. BAMBINO PRODIGIO

ACERBI 6.5 – Ha sofferto un pochino gli inserimenti di Sanabria, ma con l’esperienza è riuscito poi a prenderne le misure. Ace c’è come sempre

RADU 7 – E’ un gol che ci voleva, lo voleva e lo ha fatto. Il difensore, dopo un’estate difficile, si è ripreso la maglia da titolare ed oggi ha scaricato tutta l’adrenalina con un bolide di sinistro dai 20 metri che si è andato ad infilare sotto il sette- MERITATO

MARUSIC 6 .5 – Meno brillante rispetto ad una settimana fa, complice anche il fatto che la squadra ha preferito giocare più sulla fascia sinistra. Ha comunque messo altra benzina nelle gambe ed è risultato essere preciso e affidabile

MILINKOVIC 7 – Il Sergente sigla il primo gol stagionale al minuto 6 quando con un piattone sinistro infila Radu. Il numero 21 ha offerto una prestazione di livello per tutto l’arco della partita , dominando sulle palle alte e sui contrasti a centrocampo. Ispirato ha verticalizzato spesso per i compagni. Ha comandato alla grande il centrocampo. Dal 73’ PAROLO s.v.

LEIVA 6.5 – Motorino di centrocampo, oggi ben coadiuvato dai compagni di reparto che gli hanno reso la giornata semplice- Si è fatto vedere anche in avanti nel primo tempo dove si è presentato anche al tiro. Oggi è tornato sui suoi livelli

LUIS ALBERTO 6.5 – Primo tempo nel vivo del gioco, propositivo, sempre a dare assistenza ai compagni. Sigla il gol del 2-0 ma gli viene annullato con il VAR. Nella ripresa, a risultato ormai acquisito si contiene e gioca con intelligenza senza sprecare troppe energie.

LULIC 7 Quanto ha corso oggi il capitano! Un treno sulla sua fascia sinistra, agli avversari ha lasciato solo la polvere

CORREA 6.5 – El Tucu ha rialzato la china dopo la sfortunata Inter Lazio dove fallì alcune palle gol. Oggi ha giocato per la squadra, svariando moltissimo sul fronte offensivo, lasciando che gli spazi creati venissero sfruttati dai compagni. Sostituito ad inizio ripresa in vista del Rennes. Dal 52’ CAICEDO 7 – entra, dribbla e segna. L’ecuadoregno fa tutto in 5 minuti dal suo ingresso. Sfrutta una bella palla filtrante, punta il portiere Radu, lo salta con facilità e deposita in rete. Che impatto sulla partita! Al momento è l’attaccante più in forma

IMMOBILE 7.5 – Aveva una voglia di segnare e di spaccare il mondo dopo quella sostituzione di Milano. Non sono stati giorni semplici per Ciro, ma ha dimostrato grandissima professionalità, fuori e dentro al campo-. Oggi in versione assist man, per il gol di Milinkovic e per quello annullato a Luis Alberto. Poi il gol meritatissimo al minuto 77 dopo una serpentina fenomenale di Luiz Felipe. Dopo il gol abbraccio significativo con Simone Inzaghi. Dal minuto 80 ADEKANYE s.v.

ALL. INZAGHI 7.5 – Il Genoa non è gran cosa, ma il merito è anche per come il mister ha impostato la squadra. Aggressiva, tonica, concentrata (finalmente) e soprattutto cinica. E’ stato un tiro al bersaglio e a tratti è sembrato di rivivere la giostra del gol di due anni fa. 6 gol nelle ultime due partite, 0 subiti e un gioco finalmente ritrovato. Ora serve continuare così, senza stravolgimenti eccessivi di formazioni e prendersi subito i primi tre punti in Europa League. Se giocheremo sempre così, ci sarà da divertirsi.


Continua a leggere
Pubblicità

Articolo copertina

PAGELLE ATALANTA LAZIO 3-2 Hoedt da horror, Muriqi gran gol

Pubblicato

il

Hoedt visite mediche Roma

Quarto di finale di Coppa Italia. Pagelle Atalanta Lazio 3-2, biancocelesti eliminati

Pagelle Atalanta Lazio

REINA 7.5 – Para il rigore al 65′ a Zapata, è l’ultimo ad abdicare e anche sul primo gol aveva precedentemente fatto il miracolo sul primo tiro. Alza la saracinesca più volte, ma viene tradito dai suoi difensori. Pepe, un gran portiere.

PATRIC 4.5 – Una prestazione irritante durata fortunatamente solo 45 minuti. In un minuto riesce a sbagliare un passaggio e per recuperare commette un fallo killer che gli costa l’ammonizione. Black out e momenti di follia incomprensibili. Dal 45′ PAROLO 6 – Con lui in campo sarebbe stato molto meglio.

HOEDT 3 – PrestazIone da horror con errori eclatanti non degni di un professionista di un top club. Oggi non è praticamente mai sceso in campo. Sbaglia sul 2-2 atalantino facendosi saltare come un birillo da Muriel. Si fa anticipare al limite dell’area dando il via al 3-2 avversario. Procura il rigore con un fallo evitabilissimo su Zapata che, fortunatamente, spara in bocca a Reina dagli 11 metri. Serata da incubo per l’olandese. Dal 70′ IMMOBILE 6 – Gioca più da rifinitore mettendo spioventi in mezzo per Muriqi.

ACERBI 7 – Un gol al 34′ da attaccante vero. Anticipo e discesa in attacco, dribbling ad eludere il difensore e gol di destro. Fantastico. Suo anche l’assist per il gol di Muriqi. In difesa è l’unico a non “ballare”. All’88 sfiora il 3-3 con un colpo di testa ma Gollini gli dice di no.

MARUSIC 6 – Partita ordinata per il montenegrino che giocando alto non concede spazi alle ali atalantine.

AKPA AKPRO 6.5 – Il migliore a centrocampo in casa Lazio. Gioca a tutto campo facendo pressing, legna e inserendosi negli spazi offensivi. Peccato non abbia avuto sostegno dai suoi compagni di reparto.

ESCALANTE 6 – Partita difficile per il mediano che deve far fronte alla fisicità e alla velocità degli avversari. Con la difesa in netta difficoltà, avrebbe dovuto essere più di aiuto al pacchetto arretrato. Dal 62′ CORREA 5 – Non riesce ad entrare in partita, troppo mollo e poco concentrato. Lontanissimo dalla miglior condizione.

MILINKOVIC 5 – Questa sera non ha preso per mano la squadra come fatto in campionato contro il Sassuolo. E’ mancato nei fraseggi e, soprattutto, negli inserimenti. Opaco.

FARES 5 – Neanche in questa occasione è riuscito ad ingranare e a dimostrare il suo valore. Ammonito, lascia il campo all’intervallo. Dal 45′ LAZZARI 6 – Ha il merito di far espellere Palomino al 53′. Peccato che la superiorità numerica non ha giovato alla squadra.

PEREIRA 5.5 – Ci si apsettava molto di più dal brasiliano. Dopo la vivace prova contro il Parma, questa sera il fantasista non è ha trovato i tempi giusti e le verticalizzazioni per i compagni. Occasione sprecata. Dall’80’ LULIC s.v.

MURIQI 6.5 – Un gran bel gol per il kosovaro. Uno stacco imperioso al 17esimo degno del miglior Bobo Vieri. Bella prestazione, anche se è stato servito poco dai compagni. Molto mobile sul fronte d’attacco dimostrando di non essere solo una riete d’area di rigore. Bravo.

ALL. INZAGHI 5.5 – Giusto turnover per questo match. Tradito da Hoedt che ne ha combinate di tutti i colori e dal solito black out nonostante la superiorità numerica. Giusti i cambi ma questa volta non sono serviti. Occasione gettata al vento, ma bisogna lavorare molto sulla mentalità e dare una registrata alla difesa.

Marco Corsini

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Novcom Agenzia

Articoli più letti