PAGELLE SPAL LAZIO 1-2 Suicidio biancoceleste, Spallata di Kurtic

Pagelle Spal Lazio 1-2

Pagelle Spal Lazio

STRAKOSHA 6 Inoperoso nel primo tempo. Nella ripresa deve abdicare sul gol al 63’di Petagna e al 93′ di Kurtic

PATRIC 5 – Schierato un po’ a sorpresa dal mister, lo spagnolo offre una prestazione anonima e senza sussulti. Ordinato a sprazzi nel portare a casa la sufficienza. La sostituzione è conseguenza del cartellino giallo rimediato nella prima frazione. Dal 49′ VAVRO 5 Ha la sfortuna di entrare e vedere la Lazio perdere, seppur senza colpe

ACERBI 6 Sembrava una giornata tranquilla per la retroguardia biancoceelste, dopo il dominio nel primo tempo. Nella ripresa Di Francesco e Petagna si danno da fare e Ace è costretto a fare gli straordinari. Nulla ha potuto sul gol di Petagna, sfortunato sul 2-1 di Kurtic con l’assist involontario all’estense

RADU 6 Primo tempo da spettatore, in quanto la Spal non si fa mai pericolosa. Nella ripresa tiene come può le offensive estensi. Ammonito per aver steso Di Francesco che lo aveva saltato nettamente. Finisce con i crampi.

LAZZARI 6 Qualche sfuriata nel primo tempo, cross tesi messi in mezzo di cui uno sprecato da Luis Alberto. Cala nella ripresa come tutta la squadra. Ma da lui ci si aspetta più continuità.

PAROLO 5.5 Gara in ombra per l’azzurro, preferito a Milinkovic Savic. C’è sostanza ma pochi inserimenti.

LEIVA 6 Il brasiliano c’è come sempre fornendo il suo solito contributo, ma non sembra ancora il mastino dello scorso anno. La condizione non è ancora al 100% complice l’infortunio patito in estate. Dal 67′ MILINKOVIC 5 s.v Mezz’ora in cui non può mettersi in mostra, non riesce ad aiutare la squadra

LUIS ALBERTO 6 Nel primo tempo tutte le azioni passano per i suoi piedi. Magistrale il lancio per Immobile che si invola in porta, seppur non finalizzando. Nel secondo tempo il centrocampo laziale è in balia di quello della Spal e ne risente tantissimo. Sfiora il gol su punizione all’88’, è comunque piena sufficienza.

LULIC 5 Partita più volta alla difesa che all’attacco. Sbaglia alcuni facili passaggi. Non era in palla

IMMOBILE 6 Dopo un’attesa di circa 6 minuti, complice il VAR, trasforma con freddezza il rigore procurato da Caicedo. Al minuto 17 gol spiazza l’ex Berisha per lo 0-1. Però non è stata la sua giornata non riuscendo a dialogare neanche con Correa

CAICEDO 6.5 Volenteroso fino alla fine, corre, fa sponde ed è l’elemento che cuce centrocampo e attacco. Sfortunato nei primi minuti quando con un rasoterra dl limite colpisce la base esterna del palo. Con caparbietà si procura il rigore costringendo Tomovic a toccarla di mano per fermare il suo inserimento. Sfiora il gol con un destro in corsa che lambisce il palo. Non meritava la sostituzione Dal 67′ CORREA 5 entra male e non offre nessun contributo

ALL. INZAGHI 5 Se nel primo tempo la squadra sembrava sulla stessa onda di quella vista contro Sampdoria e Roma, nel secondo tempo ha perso identità ed è sembrata troppo sulle gambe. Errori difensivi e i soliti gol sprecati sono costati caro questa volta. Tardivi gli inserimenti di Milinkovic e Correa, seppur non hanno inciso come dovevano. Una domanda: perchè ostinarsi con Patric e buttare al vento così un cambio?