AMARCORD BIANCOCELESTE 12 dicembre 1993: Lazio-Juventus 3-1 (VIDEO)

12 dicembre 1993, stadio Olimpico di Roma, Lazio-Juventus 3-1. Partita di alta classifica con i bianconeri che arrivano all’incontro in vantaggio di tre punti sui rivali. Spalti pieni come in tutte le grandi occasioni che si rispettino. Più di 66.000 spettatori presenti per assistere alla sfida.

L’incontro tra Lazio e Juventus disputato nel dicembre del 1993, almeno nel primo tempo, non decolla. La squadra biancoceleste non riesce ad esprimere il suo solito gioco, non costruisce grandi occasioni e rischia sugli attaccanti bianconeri sempre pronti ad accendersi. Ma anche le giocate della Juve si infrangono sulle gambe dei centrocampisti biancocelesti. Di conseguenza il gioco latita e si arriva all’intervallo a reti inviolate.

Dopo poco il ritorno in campo la svolta dell’incontro. Bastano 4 minuti ai biancocelesti di Zoff per portarsi in vantaggio. Su un attacco dei giocatori laziali, improvvisamente, si accende il folletto Signori che, favorito da un rimpallo, va al tiro. La palla viene stoppata dallo stinco di Torricelli e resta a metà strada con il portiere bianconero Peruzzi quasi già a terra. A quel punto succede l’incredibile. Lo stopper juventino Kohler con un retropassaggio beffa il proprio portiere che resta fermo a guardare il pallone che rotola in rete. Sotto di un gol la Juve prova a reagire ma senza ottenere grandi risultati. Galvanizzata dal vantaggio è la squadra biancoceleste a salire in cattedra.

Il fuoriclasse Gascoigne, evanescente nel primo tempo, inizia a sciorinare i pezzi forti del suo repertorio. L’inglese prende in mano le redini del gioco biancoceleste ed inizia ad illuminare le giocate dei compagni. A trarre benefici dall’improvvisa illuminazione del compagno è Alen Boksic che, in grande spolvero, inizia a prendere a spallate l’intero reparto difensivo bianconero. Ma la Juve, sorniona come sempre, riesce a pareggiare con Fortunato che approfitta di una mischia causata da un rimpallo dopo la traversa colpita da Roby Baggio su punizione. Raggiunto il pari i bianconeri indietreggiano a difesa del risultato acquisito. Ma così facendo gli uomini di Trapattoni non fanno altro che consegnarsi ai funamboli laziali.

Paul Gascoigne lancia Boksic in progressione ma il diagonale dell’attaccante centra il palo. Subito dopo però Peruzzi deve inchinarsi per la seconda volta. Ancora Gascoigne sugli scudi, l’inglese apre sulla fascia per Fuser che mette al centro dove Boksic in elevazione anticipa Kohler mettendo alle spalle del numero uno bianconero. La squadra juventina con orgoglio tenta di reagire ma gli spazi lasciati aperti nel tentativo di cercare il pari favoriscono il contropiede laziale. I biancocelesti spendono tante energie e ne pagano le conseguenze.

Prima Signori si stira e viene rilevato da Casiraghi, poi è Boksic a dover lasciare il posto a Sclosa a causa dei crampi. Ma la Juve non riesce ad approfittarne. Anzi è Gazza a sfiorare il terzo gol. Prima spreca una buona occasione, poi al 90′ sul filo del fuorigioco colpisce al volo su cross di Favalli. Peruzzi respinge alla meglio ma nulla può fare sul successivo colpo a botta sicura dello stesso Gascoigne. Risultato finale 3-1 per i biancocelesti che, grazie al successo conquistato, si portano a un solo punto dai rivali proponendosi come seri candidati per l’Europa più importante.

IL TABELLINO

LAZIO: Marchegiani, Bacci, Favalli, Di Matteo, Bonomi, Cravero, Fuser, Winter, Boksic (78′ Sclosa), Gascoigne, Signori (74′ Casiraghi). A disp.: Orsi, Bergodi, Di Mauro. All. Zoff

JUVENTUS: Peruzzi, Porrini, Fortunato, Conte, Kohler, Torricelli, Di Livio, D. Baggio, Ravanelli (78′ Del Piero), R. Baggio, Moeller. A disp.: Marchioro, Francesconi, Notari, Galia. All. Trapattoni

Arbitro: Ceccarini (Livorno)

Marcatori: 49′ Kohler (aut), 54′ A.Fortunato, 59′ Boksic, 90′ Gascoigne

Ammoniti: Bacci, Bonomi, Moeller, Boksic, Gascoigne. Sorteggio antidoping per Sclosa, Di Mauro, R. Baggio e Del Piero. In tribuna il Ct della Nazionale Italiana Arrigo Sacchi.

SEGUICI SU TWITTER