Seguici sui Social



Articolo copertina

LAZIO FORMELLO Seduta tattica ma un big è out

Pubblicato

il

Inzaghi, allenatore della Lazio a formello
PUBBLICITA

LAZIO FORMELLO Seduta tattica per i biancocelesti di Inzaghi che alle ore 12 si sono ritrovati al campo Fersini.

LAZIO FORMELLO Squadra in campo alle 12 sul campo centrale per la sessione di allenamento mattutina. Al termine di un iniziale riscaldamento atletico, i ragazzi di Inzaghi hanno svolto delle esercitazioni tecniche incentrate sul possesso palla. Successivamente, fase atletica per il gruppo che ha lavorato sulla forza. Infine, la sessione si è conclusa con un’ampia fase tattica in vista del match di domenica con il Brescia.

IMMOBILE NON C’E’

Non è in campo con i compagni Ciro Immobile. Il capocannoniere ha accusato un attacco influenzale. La sua presenza non sembra comunque in dubbio per la trasferta di Brescia. Per lo stesso motivo non si vede nemmeno Bastos. Cataldi invece si è rivisto in campo e ha svolto un lavoro differenziato insieme al preparatore atletico Fonte. Potrebbe essere arruolabile per la sfida del Rigamonti, dove Inzaghi dovrà sopperire alle assenze degli squalificati Luis Alberto e Lucas Leiva. In caso di rientro del ragazzo di Ottavia, spazio a Parolo e Milinkovic ai suoi lati. Senza il classe ’94 sarebbe invece Parolo ad accentrarsi in regia con il probabile slittamento di Lulic nel ruolo di mezzala sinistra, con Jony sulla fascia. Le altre soluzioni, al momento poco percorribili, sono Berisha e Andrè Anderson. Out Vavro e Lukaku, in gruppo gli esuberi Djavan Anderson, Casasola e Minala. Domani nuovo allenamento mattutino.

LEGGI IL PROGRAMMA DEI FESTEGGIAMENTI PER I 120 ANNI DELLA LAZIO>>>CLICCA QUI

SEGUICI SU TWITTER


Articolo copertina

Raul Moro, dopo la finale di Coppa Italia il rinnovo con la Lazio

Pubblicato

il

Raul Moro, dopo la finale di Coppa Italia il rinnovo con la Lazio. I biancocelesti vogliono tenersi stretto il gioiello della Primavera.

Raul Moro è sempre più un lusso per il settore giovanile. Lo ha dimostrato anche ieri contro il Verona, con due reti che hanno messo in evidenza tutte le sue doti. E che sono solo gli ultimi sigilli di un cammino davvero straordinario: ben 14 quelli collezionati in 13 presenze, praticamente uno a gara. Numeri che però, almeno finora, non sono bastati a garantirgli il salto tra i big. Che il giovane spagnolo ha visto una volta sola, il 20 luglio, nel finale della sconfitta allo Stadium contro la Juventus. Troppo poco per un ragazzo in cui la Lazio crede e su cui ha investito tanto. Intanto la scadenza del contratto (al 2022) si avvicina e con essa le sirene delle pretendenti, pronte a tutto per strapparlo a Formello. Lui finora non si è scomposto, alla Lazio sta bene e non ha chiesto la cessione. In cuor suo, però, spera fortemente, com’è naturale, di avanzare di livello. Per questo, Tare avrebbe deciso di inserirlo in prima squadra già dal prossimo ritiro di Auronzo. Non solo: il ds sarebbe già al lavoro con il procuratore per il rinnovo. L’idea sarebbe quella di un accordo quinquennale, anche se al momento l’intesa ancora non c’è. Le parti proseguiranno comunque i contatti nei prossimi giorni per garantire alla Lazio e al ragazzo un futuro roseo e ricco di soddisfazioni. Ovviamente l’uno accanto all’altro.

Continua a leggere

Articoli più letti