Seguici sui Social

News

ACCADDE OGGI 3 novembre 2002, Empoli-Lazio 1-2: Stankovic sbanca il Castellani

Pubblicato

il

Dejan Stankovic ex centrocampista della Lazio e della Serbia
PUBBLICITA

La banda Mancini sta prendendo forma in un autunno che porterà la Lazio al crepuscolo dell’era Cragnotti in testa alla classifica. Ad Empoli i biancocelesti stanno però ancora scaldando i motori, e in più si ritrovano dopo mezz’ora con un portiere esordiente, Concetti, in sostituzione di Peruzzi protagonista di un bruttissimo scontro con la punta avversaria Saudati, con l’empolese che avrà la peggio costretto ad un lungo stop.

Botta e risposta Corradi-Atzori, alla Lazio manca un acuto per non essere più un’incompiuta, come accaduto nel derby della settimana precedente, gettato alle ortiche per un errore dal dischetto di Sinisa Mihajlovic. Ma è un altro serbo, Dejan Stankovic, a prendere in mano la partita, sbancando il Castellani a nove minuti dal novantesimo.

A blindare il risultato ci penserà proprio Emanuele Concetti: il suo giorno dell’esordio sarà anche la sua maggiore giornata di gloria. E così la favola di una Lazio in crisi finanziaria ma più che mai compatta in campo inizia a prendere forma: toccherà il picco massimo a dicembre col primo posto solitario in classifica, la stagione si chiuderà comunque ottimamente con una semifinale di Coppa UEFA e la qualificazione in Champions League in archivio.

Fabio Belli

IL TABELLINO

3 novembre 2002, EMPOLI-LAZIO 1-2

Marcatori: 45′ Corradi (L), 46′ Atzori (E), 81′ Stankovic (L)

EMPOLI: Berti, Belleri, Cribari, Atzori, Lucchini (25’st Agostini), Grella, Giampieretti, Rocchi, Vannucchi (31’st Cappellini), Di Natale, Saudati (33’pt Tavano). Panchina Cassano, Pratali, Ficini, Bosco. Allenatore: Baldini.

LAZIO: Peruzzi (33’pt Concetti), Pancaro, Negro, Mihajlovic, Favalli, Stankovic, Simeone, Liverani (7’st C. Lopez), Cesar, Corradi, Chiesa (20’st Fiore). Panchina F. Couto, Oddo, Sorin, S. Inzaghi. Allenatore: Mancini.

Arbitro: Cassarà (Palermo).

 


Pubblicità

News

Covid, al vaglio un pass per gli stadi

Pubblicato

il


Presto un incontro tra Vaia, il primario dello Spallanzani, e Gabriele Gravina per discutere della proposta

COVID e riaperture. In questi giorni il tema di più largo interesse è sicuramente quello legato alle riaperture: per i tifosi naturalmente parliamo di quelle relative agli stadi e agli eventi sportivi in genere. A tal proposito si è espresso Francesco Vaia, primario dello Spallanzani di Roma, che in un’intervista al Messaggero ha dichiarato: “Giusto riaprire, con gradualità e prudenza. Sfruttiamo il tempo che ci concederà l’estate. E’ anche giusto, aggiunge, che si ritorni a vivere piu’ spazi di normalità, come assistere una partita di calcio. In queste ore incontrerò il presidente della Figc, Gabriele Gravina, si sta studiando una app con la quale entrare allo stadio, che memorizza i nostri dati (se siamo stati vaccinati o se abbiamo eseguito un tampone nelle ultime 48 ore) che ci fornirà un qr-code da passare sotto un lettore elettronico all’ingresso. In questo modo si può tornare allo stadio in sicurezza, ad esempio per gli europei”, conclude il professore.

Continua a leggere

Articoli più letti