Seguici sui Social

Focus

LA NOSTRA STORIA L’ex centrocampista Ferruccio Mazzola

Pubblicato

in



LA NOSTRA STORIA Ferruccio Mazzola nasce a Torino l’1 febbraio 1945. Figlio del grande Valentino e fratello di Sandro. Cresce nelle giovanili dell’Inter per essere poi mandato a farsi le ossa nel 1963/64 nel Marzotto Valdagno. L’anno dopo è al Venezia, in Serie B. All’inizio della stagione 1967/68 torna all’Inter. A novembre passa al Lecco in Serie B.

Nel 1968 il presidente Umberto Lenzini porta Ferruccio Mazzola alla Lazio. In biancoceleste gioca cinque stagioni, di cui 3 consecutive e due dopo un prestito alla Fiorentina nella stagione 1971/72. Non molto amato da Tommaso Maestrelli. In maglia biancoceleste ha vinto la Coppa delle Alpi nel 1971, il Campionato Under 23 e lo Scudetto nel 1973/74. Nel 1974 passa al Sant’Angelo Lodigiano dove resta fino al 1977, quando conclude la carriera.

Terminato di giocare lavora nella agenzia ippica aperta insieme a Carlo Galli e Nello Governato e inizia quella di giornalista sportivo. Dopo un’esperienza con la Nazionale femminile di calcio e con la Lazio Femminile come Direttore Tecnico nel 1981 inizia ad allenare con il Cynthia Genzano. Da segnalare le promozioni in serie C1 con il Siena nella stagione 1984/85 e con il Venezia nel 1987/88. Allena inoltre Spal, di nuovo Siena, Perugia, Spezia, Alessandria, Modena e Aosta. Nel 2004 scrisse il libro autobiografico dal titolo ‘Il terzo incomodo’, denunciando un presunto uso di sostanze dopanti nell’Inter quando l’allenava Helenio Herrera.

Querelato per diffamazione dall’Inter ruppe ogni rapporto con il fratello Sandro. L’anno dopo ribadì e rincarò le accuse in un’intervista dichiarando che Herrera scioglieva delle pasticche dal contenuto sospetto nel caffè che tutti i giocatori dovevano prendere negli spogliatoi prima di ogni gara. Secondo Ferruccio Mazzola si trattava di anfetamine. Lui stesso mise in relazione l’uso di queste sostanze con le morti premature di alcuni giocatori nerazzurri. Mazzola si è occupato molto di problematiche legate al sociale. Era membro dell’associazione vittime del doping e si occupava di atleti con disagio sociale. È morto a Roma il 7 maggio 2013.

SEGUICI ANCHE SU TWITTER

Continua a leggere
Pubblicità

Focus

LA NOSTRA STORIA Tanti Auguri a Roberto Muzzi

Pubblicato

in



Nasce a Roma il 21 settembre del 1971 Roberto Muzzi. Inizia a giocare nel Morena, poi passa alla Procalcio Italia e infine alla Roma. Nel 1993 viene ceduto in prestito in Serie B al Pisa. L’anno successivo passa al Cagliari, dove gioca fino al 1999 quando si trasferisce all’Udinese.

Nella stagione 2003-2004 Roberto Muzzi arriva alla Lazio. In biancoceleste resta per tre stagioni prima di trasferirsi al Torino in Serie B. Al termine della stagione 2006-2007, a 35 anni, scaduto il contratto sportivo contatta i vertici societari per il rinnovo ma riceve la proposta di entrare a far parte dello staff degli allenatori del settore giovanile granata. Dopo una pausa di riflessione decide di scendere di categoria, fino alla Serie C1, firmando un biennale con il Padova. Nell’agosto del 2009 il Villafranca Veronese, squadra neopromossa in Serie D, aveva avviato una trattativa ma il 5 agosto Muzzi dopo averci pensato ha rifiutato l’offerta deciso ad intraprendere la carriera da allenatore iscrivendosi al corso di Coverciano per conseguire il patentino di 2ª categoria.

Nel 2009 diviene allenatore della squadra Esordienti della Roma. Il 1 luglio 2011 passa alla guida dei giovanissimi provinciali. L’anno successivo passa ai giovanissimi regionali. Il 3 febbraio 2013 diventa vice allenatore della Roma dopo l’esonero di Zdeněk Zeman e la nomina di Aurelio Andreazzoli come nuovo tecnico dei giallorossi. Il 10 giugno lascia i giallorossi insieme ad Andreazzoli, ma il 4 luglio 2014 ritorna nel ruolo di tecnico dei giovanissimi Nazionali. A novembre 2015 viene scelto da Andrea Stramaccioni, suo collega nelle giovanili giallorosse, come suo vice al Panathīnaïkos. In seguito diventa Collaboratore tecnico di mister Andreazzoli all’Empoli nella stagione 2018-2019 e successivamente anche nella sua avventura al Genoa nella stagione 2019-2020.

SEGUICI ANCHE SU GOOGLE EDICOLA, TWITTER E FACEBOOK

Continua a leggere

Articoli più letti

Come disattivare il blocco della pubblicita per Cronache della Campania?