Seguici sui Social

News

Viktorija, la figlia di Sinisa Mihajlovic presenta il suo libro

Pubblicato

il

Viktorija Mihajlovic presenta il suo libro
PUBBLICITA

Viktorija Mihajlovic presenta il suo libro “Sinisa, mio padre“. Durante la trasmissione di RaiUno Domenica In, condotta da Mara Venier, Viktorija Mihajlovic, figlia del grande Sinisa, ha presentato il suo libro.

Viktorija Mihajlovic presenta il suo libro “Sinisa, mio padre“. Una commossa Viktorija Mihajlovic, figlia di Sinisa, in compagnia della mamma Arianna Rapaccioni ha presentato il suo libro in collegamento con la trasmissione Domenica In condotta da Mara Venier. Nel libro, intitolato Sinisa, mio padre, la ventitreenne dedica molto spazio alla battaglia che il padre sta ancora combattendo contro la leucemia. Viktorija racconta le mille sfaccettature del rapporto con papà Sinisa: “Volevo dare un’altra visione di mio papà. Tutti lo conosciamo come un uomo a volte duro e severo. Io ci tenevo a far vedere papà per quello che è davvero. Lui è un uomo dolce, sempre presente, generoso. Volevo che la gente mi conoscesse come una ragazza normale che ama il suo papà e la sua famiglia“. Tanta la commozione in studio, tra racconti ed immagini della vita di una famiglia normale e molto unita. Sinisa ha già letto alcune parti del libro: “Mi ha chiamata dicendomi che si era commosso leggendo una piccola parte. Era molto felice“.


Pubblicità

News

FIORENTINA LAZIO INZAGHI: “Champions? Il calcio è imprevedibile…”

Pubblicato

il


Fiorentina Lazio Inzaghi deluso per il risultato di questa gara che complica tantissimo la corsa Champions della squadra.

Inzaghi ai microfoni di Dazn: “Partita dura, lo sapevamo. C’è delusione per il primo tempo: l’occasione sprecata da Correa e il loro gol sul quale dovevamo difendere meglio. Non dovevamo assolutamente andare in svantaggio. È mancata velocità nel giro palla, loro hanno difeso bene. Champions? In queste ultime quattro gare ce la metteremo tutta, il calcio è bello perché è imprevedibile. Milinkovic si è rotto il setto nasale. Il secondo tempo non è più stata una partita di calcio, tra cambi e infortuni, abbiamo giocato venti minuti.  Andiamo avanti a testa alta, saremo nelle coppe europee anche l’anno prossimo, ma ci rimane l’amaro in bocca per il primo tempo”.

Continua a leggere

Articoli più letti