Seguici sui Social

Focus

La Lazio nuoto replica a Virginia Raggi

Pubblicato

in

lazio nuoto virginia raggi


Continua la battaglia della Società Lazio in difesa dei suoi diritti. Di seguito riportiamo una replica al comunicato di Roma Capitale

Dispiace che un’istituzione autorevole come quella di Roma Capitale, che dovrebbe apparire al di sopra delle parti, continui la sua personale battaglia contro la e il mondo biancoceleste, cercando di giustificare quanto accaduto con un comunicato che non entra minimamente nel merito della vicenda e sulla pronuncia del Tar favorevole alla Lazio, ma cerca di spostare l’attenzione su questioni differenti, interpretando strumentalmente una realtà dei fatti ben diversa.

Innanzitutto riportiamo di seguito i passaggi principali della sentenza del Tar (che per trasparenza alleghiamo integralmente così che tutti possano giudicare se l’amministrazione si sia mossa correttamente) che spingono la Lazio a ritenere di essere nel giusto e a sostenere che l’amministrazione Raggi con lo sfratto non abbia rispettato la sentenza dei giudici amministrativi, sostituendosi ad essi.

  • 1 “La stazione appaltante (Roma Capitale) era vincolata all’accertamento dei requisiti di partecipazione da essa stessa posti nelle regole del bando; regole che andavano interpretate letteralmente e applicate rigorosamente al fine del rispetto dei principi di par condicio, di trasparenza e di massima partecipazione alla gara”.
  • “dall’erronea applicazione di tali regole è scaturita l’ammissione alla gara della S.S.D. Maximo a r.l. che, invece, non poteva parteciparvi, non avendo i requisiti speciali di partecipazione richiesti dal bando a pena di esclusione. “
  • “Ciò dimostra perplessità nell’intera azione amministrativa”.
  • “In conclusione, il gravame va accolto nei limiti e nei termini di cui sopra e, per l’effetto, va
    annullata l’aggiudicazione della gara disposta in favore della S.S.D. Maximo a r.l. poiché viziata da
    eccesso di potere per carenza di istruttoria e di motivazione in relazione alla presupposta valutazione positiva dei requisiti di partecipazione, già diffusamente analizzata. L’amministrazione è, dunque, tenuta a conformarsi alla presente decisione, ri-esercitando il potere amministrativo emendato dai vizi di illegittimità ivi accertati e adottando gli atti amministrativi conseguenti alla presente pronuncia giurisdizionale”.
  • “L’accoglimento della domanda di annullamento dell’aggiudicazione disposta in favore della S.S.D. Maximo a r.l. comporta l’assorbimento della domanda subordinata di annullamento dell’intera procedura di gara”.

Il “sostegno concreto” alla Lazio

L’amministrazione Raggi sostiene poi di aver “fatto tutto ciò che le leggi consentono per fornire un sostegno concreto” alla Lazio. Si riferisce forse al fatto di aver messo a bando l’impianto della Garbatella all’insaputa della società dopo averle negato, nonostante le garanzie verbali, la possibilità di realizzare un project financing su cui il sodalizio era al lavoro? O di aver privilegiato al massimo previsto dalla legge l’offerta economica del bando e al minimo i valori tecnici, agonistici, sociali e sulla disabilità che contraddistinguono chi svolge un servizio per il territorio senza fini di lucro? Il comunicato dice poi che “la Lazio Nuoto ha avuto la possibilità di utilizzare la piscina della Garbatella, nonostante la propria concessione sia giunta a scadenza naturale, esclusivamente grazie alla volontà politica dell’Amministrazione Raggi di evitare la ripresa dell’impianto da parte del Dipartimento Sport fino alla conclusione della procedura per la nuova concessione”. A tal proposito ricordiamo che tale circostanza non è un favore alla Lazio, ma un onere (o meglio un obbligo) che qualsiasi Amministrazione ha – a termini di legge – nei confronti della collettività. Chiudere una piscina prima di aver trovato un concessionario porta all’abbandono della stessa come accaduto per altri impianti capitolini, come sa bene questa amministrazione che di fronte a decine e decine di strutture abbandonate ancora ferme a prender polvere, non ha fatto nulla.

Qualcosa non torna

Ma d’altronde Roma Capitale continua ad attaccare, e a tentare di far passare la Lazio Nuoto
come una sorta di parassita che vuole solo pagare un canone di favore, ben sapendo che tutti gli
introiti della nostra società sono destinati alla qualità del servizio, all’agonismo, alla disabilità, a dare occupazione e possibilità di far nuotare gratis a chi non può permetterselo. Quanto al passaggio in cui il comunicato della giunta Raggi recita: “L’Amministrazione capitolina ha incontrato innumerevoli volte i rappresentanti della Lazio Nuoto, sia prima che dopo la scadenza della concessione, con l’intento di sostenere la storica società romana. Abbiamo più volte invitato la società a presentare un progetto sulla stessa piscina della Garbatella o su un altro impianto, come ad esempio la piscina di via Casal Bianco o di via Sebastiano Satta”, è semplicemente falso. Invitiamo la stessa Amministrazione – o chi ha scritto il comunicato, mettendoci questa volta il proprio nome e cognome, a fornire prova di quanto affermato, magari attraverso verbali o semplici comunicazioni, dato che nessuno della dirigenza della Lazio ricorda queste opportunità.

Giova aggiungere che comunque la Lazio Nuoto non ha mai inteso barattare la piscina della Garbatella con altri impianti, per rispetto alla comunità nella quale si è insediata con onore da 34 anni, che crede in lei, che vuole lei e che insieme a lei contribuisce tutti i giorni ad alimentare l’eccellenza che la piscina rappresenta nello sport romano. Appare incredibile, poi, come il comunicato parli di applicazione pedissequa della sentenza del Tar – che, ricordiamo, ha “accolto” il ricorso presentato dalla Lazio Nuoto – quando la stessa avvocatura di Roma Capitale ha chiesto delucidazioni ai giudici amministrativi sull’interpretazione della sentenza e l’assessore Frongia ha riconosciuto in un’intervista il successo della Lazio Nuoto. La verità è che un singolo funzionario (il RUP Arch. Roberto Ziantoni), prima di ricevere i chiarimenti richiesti dallo stesso comune di Roma, si è mosso in fretta e furia nella settimana di Ferragosto, disponendo lo sfratto per la Lazio senza nemmeno attendere i termini di legge previsti per eventuali ricorsi, né dare accesso agli atti, necessari per proporre, a questo punto, un inevitabile ricorso. Su questo il comunicato della giunta Raggi soprassiede, ma parla invece di richieste irricevibili e di rispetto della legalità, bandiera sempre sventolata dall’Amministrazione come utile paravento. A noi hanno insegnato che a stabilire chi sia o meno nel giusto debbano essere i giudici e al momento riteniamo che si siano espressi in favore della Lazio che, di fronte a un accanimento ingiustificato, continuerà a difendersi in ogni sede competente, accettando ovviamente quello che sarà il verdetto finale da parte delle Autorità competenti.

L’accanimento della Raggi contro la Lazio

Il comunicato si chiude parlando di ingratitudine. E di cosa dovrebbe essere grato il mondo Lazio alla giunta Raggi? Di aver denigrato questi colori con continui comunicati, conferenze o siparietti di dubbio gusto da parte di esponenti dell’amministrazione? Di non aver mai ascoltato le ragioni di una società che rappresenta un orgoglio per Roma dal 1900? Di essersi accanita in modo decretato illegittimo dallo stesso Tar nei confronti di un sodalizio che vanta titoli come nessun altro e che porta ogni anno centinaia di ragazzi romani a competere nel nuoto, e nella pallanuoto e nel settore paralimpico, ai massimi livelli nazionali ed internazionali? Di mostrare acredine nei confronti della Lazio Nuoto continuando a privilegiare una società che, come accertato da una sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale non aveva (e non può avere ora) i requisiti sociali di partecipazione richiesti dal bando a pena di esclusione? Di aver sostenuto che il ricorso al Tar sarebbe stato per la Lazio la via più veloce per il fallimento?

Di tutto ciò non possiamo esser grati all’amministrazione Raggi che su questa vicenda è sembrata molto interessata a danneggiare senza scrupoli una società storica come la Lazio che a lavorare per il bene della società.

Focus

LA NOSTRA STORIA Tanti Auguri a Roberto Muzzi

Pubblicato

in



Nasce a Roma il 21 settembre del 1971 Roberto Muzzi. Inizia a giocare nel Morena, poi passa alla Procalcio Italia e infine alla Roma. Nel 1993 viene ceduto in prestito in Serie B al Pisa. L’anno successivo passa al Cagliari, dove gioca fino al 1999 quando si trasferisce all’Udinese.

Nella stagione 2003-2004 Roberto Muzzi arriva alla Lazio. In biancoceleste resta per tre stagioni prima di trasferirsi al Torino in Serie B. Al termine della stagione 2006-2007, a 35 anni, scaduto il contratto sportivo contatta i vertici societari per il rinnovo ma riceve la proposta di entrare a far parte dello staff degli allenatori del settore giovanile granata. Dopo una pausa di riflessione decide di scendere di categoria, fino alla Serie C1, firmando un biennale con il Padova. Nell’agosto del 2009 il Villafranca Veronese, squadra neopromossa in Serie D, aveva avviato una trattativa ma il 5 agosto Muzzi dopo averci pensato ha rifiutato l’offerta deciso ad intraprendere la carriera da allenatore iscrivendosi al corso di Coverciano per conseguire il patentino di 2ª categoria.

Nel 2009 diviene allenatore della squadra Esordienti della Roma. Il 1 luglio 2011 passa alla guida dei giovanissimi provinciali. L’anno successivo passa ai giovanissimi regionali. Il 3 febbraio 2013 diventa vice allenatore della Roma dopo l’esonero di Zdeněk Zeman e la nomina di Aurelio Andreazzoli come nuovo tecnico dei giallorossi. Il 10 giugno lascia i giallorossi insieme ad Andreazzoli, ma il 4 luglio 2014 ritorna nel ruolo di tecnico dei giovanissimi Nazionali. A novembre 2015 viene scelto da Andrea Stramaccioni, suo collega nelle giovanili giallorosse, come suo vice al Panathīnaïkos. In seguito diventa Collaboratore tecnico di mister Andreazzoli all’Empoli nella stagione 2018-2019 e successivamente anche nella sua avventura al Genoa nella stagione 2019-2020.

SEGUICI ANCHE SU GOOGLE EDICOLA, TWITTER E FACEBOOK

Continua a leggere

Articoli più letti

Come disattivare il blocco della pubblicita per Cronache della Campania?