Seguici sui Social

Arabic AR Chinese (Simplified) ZH-CN English EN Italian IT Russian RU Spanish ES

Articolo copertina

AURONZO Conferenza Inzaghi: “Oggi ultimo giorno. Bilancio positivo”

Pubblicato

in



AURONZO Conferenza Inzaghi – Nella giornata odierna, ultima in Veneto per la squadra, il tecnico biancoceleste è intervenuto in sala stampa e ha commentato questi 11 giorni

Un bilancio del ritiro?

Abbiamo lavorato un pochettino sulle distanze. Le ragazzi sono stati bravi. I primi giorni eravmao al completo, poi abbiamo perso i nazionali. Sono contento di quello che mi hanno dato. Oggi chiuderemo la prima parte con l’amichevole col Vicenza. Poi ci saranno due giorni di riposi e riprenderemo a Roma”.

La griglia di partenza della stagione

Faccio intanto i complimenti innanzitutto ai ragazzi. Non avevo più parlato dalla fine dello scorso campionato. Stagione fantastica. Abbiamo vinto la Supercoppa Italiana, siamo tornati dopo 13 anni in Champions League. A quel tempo fu anche più semplice senza la Juventus e con le penalizzazione. Sappiamo poi che alla fine l’anno scorso è stato difficile. Sappiamo quanto ci ha penalizzato giocare ogni tre giorni. Si sono aggiunti degli infortuni che hanno reso il percorso difficile. Dobbiamo farne tesoro. Sappiamo che sarà una stagione difficilissimo. Mi sono stati infatti promessi diversi acquisti per far si che sia una stagione fantastica”.

Fares, Muriqi e poi?

“Ne stiamo parlando con la società. I primi due nomi sono profili che interessano, poi c’è il mercato. Noi vedendo tutte quante le altre che si stanno iniziando a muovere in una direzione ci faremo trovare pronti”

3-5-2 e alternative?

“Si possono sempre trovare alternative. Noi lavoriamo così da quattro anni, poi si potrà cambiare in corsa senza problemi”.

Strakosha e Reina. C’è una gerarchia?

“Sono due grandissimi portieri. Strakosha sta facendo bene, ha fatto grandi cose e vuole migliorarsi sempre. Ha la fortuna di essere allenato da Grigioni e Zappala. Reina l’ho voluto insieme alla società. Come ho chiesto rinforzi in altri reparti l’ho chiesto anche in porta perché bisogna essere pronti in ogni reparto”.

Reina ed Escalanate?

Reina si è inserito perfettamente, anche Escalante. Abbiamo una colonia argentina e spagnola. I due ragazzi della salernitana si stanno integrando bene e mettendo in mostra. Stiamo cercando di migliorarci tutti quanti”.

Le condizioni di Leiva e Lulic?

“Per quanto riguarda Lulic è normale che lui manchi a tutti. Senad è il nostro capitano, abbiamo un rapporto speciale. Sta facendo di tutto, in giro in  tutta Europa per risolvere la sua situazione. C’è ottimismo. Lui ce la metterà tutta per non mollare. Senad è molto determinato, come lo sono io. Leiva sta aumentando di più i carichi. Oggi se ci fosse stato un campo meno pesante l’avrei fatto giocar per una mezz’oretta. Mancano tre settimane all’inizio del campionato e lunedì sarà con noi al 100%”.

Jony mezzala?

Giocatore con una certa esperienza alle spalle. L’anno scorso è stato adattato in un ruolo mai ricoperto. Ha cercato sempre di far bene. Lo sto testando da mezzala con buoni risultati”.

Vavro ha fatto progressi?

Si sta impegnando tanto. Dopo l’interruzione è rientrato con problemi fisici. Ha stretto i denti, adesso sta lavorando per cercare di mettersi alla pari degli altri. Ragazzo molto serio, continuando a lavorare così potrà ritagliarsi il suo spazio”.

Lukaku?

“Giocatore importante che tutti quanti conosciamo. Sappiamo cosa può dare se è al 100%. Ha avuto diversi problemi. Sono contento che abbia svolto tutto il ritiro e oggi giocherà sicuramente. Quello che posso auguragli è di stare bene tutto l’anno”.

Articolo copertina

14 positivi nel Genoa – Spadafora sulla sospensione del campionato

Pubblicato

in

spadafora-serie-a


Dopo i casi di Perin e Schone, ella giornata di ieri in casa Genoa si sono registrati altri 14 positivi tra giocatori e staff

14 positivi nel Genoa – Si tratta di una situazione allarmante che naturalmente dà adito a una serie di possibilità. Tra le varie ipotesi circolate, anche quella dello stop della Serie A per due settimane. A tal proposito è intervenuto il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora: “Stop al campionato dopo i casi di positività del Genoa? Non credo, non siamo ancora in queste condizioni. Questa situazione mi preoccupa molto, adesso sentirò il presidente Dal Pino e il presidente Gravina“. Così Spadafora ai microfoni dei cronisti presenti all’ingresso a Montecitorio.

Continua a leggere

Articoli più letti

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità
Copyright ©2015-2020 | TESTATA GIORNALISTICA NAZIONALE Reg. N°152/2015 - ROMA
Il sito e i suoi contenuti sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons eccetto dove specificato diversamente.