Seguici sui Social

Primo Piano

PUBBLICITA

Sarri porta la Lazio a cena fuori: sipario (con conto) sul ritiro di Auronzo

Sarri porta la Lazio a cena fuori: il tecnico chiude in bello stile il suo primo ritiro biancoceleste

Avatar

Pubblicato

il

sarri porta la lazio a cena fuori

Sarri porta la Lazio a cena fuori: il tecnico chiude in bello stile il suo primo soggiorno nel Cadore da tecnico biancoceleste.

Sarri porta la Lazio a cena fuori. Oltre due settimane all’ombra delle Tre Cime di Lavaredo, letteralmente volate. E quale modo migliore per festeggiarle se non tutti insieme, davanti ad una bella tavola imbandita? E’ stato proprio il tecnico ad avere l’idea di questo premio per i suoi ragazzi. Per la verità, l’ultima amichevole, giocata nel pomeriggio contro il Padova, non è stata proprio gradevole dal punto di vista della prestazione. Ma l’ex mister della Juve ha voluto comunque ringraziare i suoi ragazzi per quanto offertogli in questi giorni. Assimilare le sue idee, dopo anni di dettami completamente diversi, non era facile, ma la squadra si è impegnata a fondo per riuscirci e il Comandante non ne è rimasto insensibile.

Tutti a cena fuori dunque, pago io, ha detto. Tra i sì colmi di entusiasmo di giocatori e staff tecnico. E’ stato un ristorante-pizzeria di Auronzo a fare da teatro all’appuntamento. Al quale, oltre al gruppo, si sono presentati, immancabili, anche alcuni fuoriprogramma. A partire dal noto rito di iniziazione per i nuovi arrivati, che stavolta ha visto protagonista Luka Romero. Il 16enne argentino, come gli altri che lo hanno preceduto, ha dovuto dar sfoggio delle sue doti canore con una canzone. Al momento non si sa ancora quale abbia scelto, ma si spera che non sia stato un pezzo ‘discutibile’ come il Bella Ciao di Hysaj. Proprio quest’ultimo, insieme a Milinkovic, Leiva e Radu, prima di entrare nel locale, si è inoltre intrattenuto per qualche momento per firmare autografi ai tifosi.

Arrivederci all’anno prossimo Auronzo, quest’oggi si torna a Roma. Arrivati nella Capitale, i giocatori potranno godere di qualche giorno di relax. Alle porte c’è infatti la seconda parte del ritiro, in programma a Marienfeld dal 31 luglio. Dove Sarri potrà finalmente lavorare con il gruppo al completo, arricchito dagli ‘azzurri’ Acerbi e Immobile e forse anche da un nuovo acquisto (Basic?).

LAZIO SU UN TALENTO DELLA BUNDESLIGA


Pubblicità

Primo Piano

LAZIO ROMA Probabili formazioni – Sarri non svela le carte

Lazio Roma Probabili formazioni – Sarri e Mourinho si preparano al debutto nella stracittadina: le ultime

Avatar

Pubblicato

il

lazio roma probabili formazioni
<

LAZIO ROMA Probabili formazioni – Le ultime indicazioni dai ritiri delle due squadre sugli uomini che scenderanno in campo questo pomeriggio nel derby.

LAZIO ROMA PROBABILI FORMAZIONI – Ci siamo: ancora qualche ora e poi le due compagini romane si ritroveranno sul prato dell’Olimpico per contendersi questa prima stracittadina stagionale. Una sfida da non perdere per tante ragioni: dal confronto Sarri-Mourinho, entrambi, con il proprio bagaglio di idee e personalità, alla prima apparizione nella partita più attesa dell’anno nella Capitale. Al (soprattutto) ritorno del pubblico, che popolerà nuovamente gli spalti dopo l’assenza forzata causa pandemia. L’attesa e l’ansia sono dunque palpabili, sia tra i tifosi che tra i giocatori e gli allenatori. Se però ai primi non resta che guardare l’orologio finchè non segni l’ora fatale (le 18), i secondi possono ben ingannarle rifinendo gli ultimi dettagli della strategia di combattimento. Ed è proprio in questo che sono impegnati nei rispettivi quartier generali in queste ultime ore pre gara.

Entrambi uniti dalla stessa preoccupazione: far capire all’avversario poco o niente circa la propria disposizione sul terreno di gioco. E’ il caso soprattutto di Maurizio Sarri: il tecnico biancoceleste ha infatti una regola principale, ovvero tenere i giocatori sulla corda, tutti con le stesse possibilità di iniziare dal 1′. Quanto dunque allo schieramento che contrapporrà a quello dello Special One, non si può far altro che lanciarsi in alcune ipotesi: tra queste, il ritorno da titolari di Leiva, Milinkovic e Pedro, lasciati in panchina giovedì con il Torino. Ad essi potrebbe unirsi, per quanto concerne la difesa, anche Lazzari, insidiato tuttavia (probabilmente fino all’ultimo) da Marusic. Ma queste, come canta Noemi, “sono solo parole”: per le certezze servirà attendere fino alla diramazione delle formazioni ufficiali.

LAZIO (4-3-3): Reina, Lazzari, Luiz Felipe, Acerbi, Hysaj, Milinkovic, Leiva, Luis Alberto, F. Anderson, Immobile, Pedro All. Sarri

ROMA (4-2-3-1): Rui Patricio, Karsdorp, Mancini, Ibanez, Calafiori, Veretout, Cristante, Zaniolo, Mkhitaryan, El Shaarawy, Abraham All. Mourinho

BELLISSIMO GESTO DI LOTITO PRIMA DI LAZIO-CAGLIARI

Continua a leggere

Primo Piano

Lazio Roma probabili formazioni, Sarri Mourinho sfida capitale

Lazio Roma probabili formazioni, -2 al derby

Avatar

Pubblicato

il

Roma Lazio STA08
<

Lazio Roma probabili formazioni, -2 al derby

Lazio Roma probabili formazioni, -2 al “Derby della Capitale”. La Lazio di Sarri dovrebbe schierarsi con il 4-3-3 : Tra i pali Reina, linea difensiva composta da Lazzari che dovrebbe vincere il ballottaggio con Marusic, Luiz Felipe, Acerbi, Hysaj. Trio di centrocampo composto da Leiva, Milinkovic Savic, Luis Alberto e per chiudere il classico tridente d’attacco Pedro, Immobile, Felipe Anderson. Per la Roma di Mourinho pesa l’assenza per squalifica di Pellegrini. I giallorossi dovrebbe schierarsi con un 4-2-3-1 : Rui Patricio tra i pali, linea difensiva composta da Karsdorp, Mancini, Smalling, Ibanez. Sulla mediana Veretout e Cristante e dietro l’unica punta Abraham, tridente Zaniolo, El Shaarawy, Mkhitryan.

lazio roma

PAGELLE TORINO LAZIO

Continua a leggere

Primo Piano

TORINO LAZIO PAGELLE – Altra partita scialba dei biancocelesti: Immobile salva la faccia

Torino Lazio pagelle: i biancocelesti non trovano ancora la vittoria. Il derby si avvicina, c’è bisogno di una reazione

Avatar

Pubblicato

il

Immobile
<

Torino Lazio pagelle: altra partita senza arte e né parte della squadra biancoceleste. Nessun tiro in porta e soliti errori difensivi.

LAZIO (4-3-3)

Reina 7 – Se la Lazio rimane in partita lo deve al suo portiere autore di una prodezza su tiro di Pjaca e una bella parata nel primo tempo su colpo di testa di Sanabria. Nulla può sul gol del Torino.

Marusic 5,5 –  Cercano di sfondare dalla sua parte, nella maggior parte dei casi tiene botta ma si becca un’ammonizione molto ingenua. Sarri decide di cambiarlo. Al 60′ Lazzari 4,5 – Duole dirlo ma ha sbagliato tutto quello che si poteva sbagliare. Sul gol fuori posizione e in perenne sofferenza e in balia degli avversari.

Luiz Felipe 5,5 – Lui come il suo compagno di reparto Acerbi non danno ancora le giuste sicurezze: c’è molto da lavorare sui movimenti difensivi.

Acerbi 5,5 – Non è l’Acerbi che vogliamo: si fa anticipare costantemente e nel primo tempo ha fatto saltare indisturbato Sanabria che poteva punire la Lazio. Reina per fortuna chiude la porta.

Hysaj 5 – L’azione del gol parte dalla sua posizione con una palla che poteva facilmente scaricare e invece perde ingenuamente e la difesa si trova presa in contropiede.

Akpa Akpro 5,5 – Cambiano gli interpreti ma non il risultato. Con tutto il rispetto per il giocatore non può essere un titolare in questa squadra. Al 78′ Muriqi 6 – Ha il merito di procurarsi il rigore decisivo per la Lazio: la voglia di mettersi a disposizione non è mancata.

Cataldi 6 -Non ritrova la prodezza come avvenuto con il Cagliari ma fa il su compito senza alti ne bassi. Partita diligente. Al 70′ Leiva s.v.

Luis Alberto 5,5 – Mai nel vivo dell’azione sembra che il mago non riesca a trovare la sua posizione in campo. Poco ispirato. Al 45′ Milinkovic 5,5 – Ci aspettavamo una scossa e invece entra e la musica non cambia

Raul Moro 5,5 – Prova il dribbling a superare gli avversari ma stasera gli riesce poco o nulla. Il ragazzo però si farà perché dotato di buoni colpi. Al 45′ Pedro – 5,5 – Inizio pimpante e una palla purtroppo sbagliata per Immobile che poteva mandarlo in porta. Si spegne alla distanza.

Immobile 6,5 – Ciro non ha mai mollato nonostante predichi nel deserto: troppo isolato con questo modulo non è mai supportato. Ha il merito di trasformare un rigore pesantissimo che regala un pareggio insperato alla squadra.

Felipe Anderson 5,5 – Partita impalpabile: da lui ci si aspetta il cambio passo e palloni giocabili per la punta ma così non è stato.

All. Martuscello 5 – In panchina al posto di Sarri si danna l’anima a incitare la squadra chiedendo al centrocampo di salire per non schiacciare troppo la difesa ma i giocatori non rispondono. La scossa non c’è stata, la Lazio continua a faticare a trovare azione da gol. Domenica c’è il derby: ci si aspetta una reazione caratteriale se non si arriva con il gioco.

AKPA AKPRO E LE MAXI CIFRE NEL BILANCIO: ARRIVA IL CHIARIMENTO DELLA LAZIO 

Continua a leggere

Articoli più letti