News

LAZIO Addio aereo: niente più trasferte volanti per la squadra

LAZIO Addio aereo: i biancocelesti dopo circa un anno salutano il velivolo personalizzato

Pubblicato

il

LAZIO Addio aereo: i biancocelesti salutano il velivolo che li aveva accompagnati negli ultimi impegni lontano dall’Olimpico.

LAZIO Addio aereo. Il Boeing 737-300 Classic, giunto a disposizione circa un anno fa (con una presentazione in grande stile), ha già terminato il proprio servizio. Al momento si trova parcheggiato nel proprio hangar, in attesa di un nuovo incarico. Tutta colpa del naufragio delle trattative con la compagnia bulgara Tayaran Jet, proprietaria del mezzo. Con essa la società aveva un accordo che prevedeva l’uso dell’aereo in occasione delle gare in trasferta, sia italiane che europee. In scadenza nel giro di qualche giorno, l’intesa avrebbe dovuto essere rinnovata per proseguire la collaborazione, ma gli incontri tra le parti in tal senso sono stati decisamente infruttuosi.

Risultato, già nelle prossime ore l’aereo si svestirà dei colori biancocelesti con cui era stato personalizzato. La Lazio aveva affidato questo lavoro alla IAC, un’azienda di stanza in Irlanda, alla quale aveva corrisposto ben 150 mila euro. I biancocelesti resteranno comunque il primo club di Serie A a possedere un velivolo brandizzato in dotazione alla prima squadra. Certo, i problemi in questi 12 mesi non sono mancati: su tutti, le turbolenze durante i viaggi, documentate dagli stessi giocatori sui social. Ma siamo sicuri che esse sono ben poca cosa rispetto ai bei ricordi che anche l’aereo ha contribuito a formare e portare da una parte all’altra del globo.

O VITTORIA O RINNOVI: AUT AUT DI LOTITO ALLA SQUADRA

Articoli più letti

Editore e Direttore Responsabile: Davide Sperati
Testata Giornalistica - Reg. N°152/2015 - ROMA
Sito non connesso a S.S. Lazio S.p.A. Il marchio Lazio è di esclusiva proprietà di S.S. Lazio S.p.A.
Copyright ©2015-2021
NORMATIVA SULLE RETTIFICHE Ci impegniamo, al fine di garantire sempre una corretta e precisa informazione, a correggere errori ed imperfezioni contenute negli articoli. Le correzioni vengono evidenziate all’interno o in calce all’articolo, specificandone la data e l’ora. Vengono inoltre pubblicate le lettere e le richieste di precisazione. La richiesta di rettifica, da presentarsi ai sensi delle normative in materia, deve contenere le generalità complete e il domicilio o la sede legale del richiedente; la domanda deve essere sottoscritta ed inviata attraverso posta elettronica ordinaria o certificata. La rettifica deve concernere i fatti su cui verte la discordanza e non valutazioni o commenti, deve essere corredata degli elementi atti ad identificare con precisione le notizie di cui si chiede la rettifica

Exit mobile version