Calciomercato Lazio – Post Milinkovic, occhi tra Premier e Ligue 1

Calciomercato Lazio, dal sogno Loftus-Cheek agli altri nomi in ballo: il punto

Milinkovic Savic - Tare Calciomercato
Milinkovic Savic - Tare Calciomercato
Ultimo aggiornamento:

Calciomercato Lazio, dal sogno Loftus-Cheek agli altri nomi in ballo: il punto

Calciomercato Lazio – A Formello è partita ufficialmente la caccia all’erede di Milinkovic. Che, in qualità di pezzo tra i più pregiati dello scacchiere di Sarri, è seriamente indiziato di lasciare la squadra biancoceleste durante il mercato estivo. Un sacrificio che costituisce quasi una necessità, dovendo rivoluzionare praticamente la rosa e, al tempo stesso, fare i conti con l’indice di liquidità.

CALCIOMERCATO LAZIO – IL TESORETTO

Di questo il presidente Lotito parlerà direttamente con Mateja Kezman, nel corso del loro prossimo incontro. Durante il quale l’agente del Sergente sottoporrà al patron le offerte delle pretendenti. Manchester United, Psg, ma non solo: a tutti verrà richiesto di mettere sul piatto non meno di 70 milioni. Una cifra cospicua che poi andrà reinvestita, in primis su un sostituto. Ma chi? Nomi già in queste ore se ne stanno facendo diversi.

CALCIOMERCATO LAZIO – IL SOGNO

In cima alla lista c’è Loftus-Cheek: il nome più gradito alla società e a Sarri, che lo conosce dai tempi della sua esperienza al Chelsea. Occasione in cui, tra l’altro, il tecnico toscano fu un vero e proprio mentore per il ragazzo e sarebbe dunque felicissimo di poterlo allenare nuovamente. L’operazione tuttavia passa dall’evoluzione della situazione societaria dei Blues, alle prese con il cambio di proprietà.

CALCIOMERCATO LAZIO – I PIANI B

In alternativa c’è Allan dell’Everton, anch’egli pupillo di Sarri al Napoli: opzione resa però difficile dall’età e dall’ingaggio fuori portata. E non si trascura nemmeno l’idea Dendrocker del Wolverhampton: da tempo nei piani di Tare, è molto simile fisicamente a Milinkovic. A preoccupare è però la sua collocazione, più al centro della mediana. Un discorso che vale anche per Bourigeaud del Rennes, di solito impiegato come esterno offensivo.