Lotito Campobasso, la promessa: “La Lazio l’ha mandato in C nel 1987, lo risarcirò”

Lotito Campobasso, le parole del presidente biancoceleste presentando la propria candidatura in Molise Lotito Campobasso, il binomio apre a sorpresa la campagna elettorale in vista della tornata ai seggi del 25 settembre. A lanciarlo, dal palco del Centrum Palace del capoluogo, lo stesso patron laziale. Il quale ha dichiarato il suo impegno in caso di […]

Lotito Campobasso, le parole del presidente biancoceleste presentando la propria candidatura in Molise

Lotito Campobasso, il binomio apre a sorpresa la campagna elettorale in vista della tornata ai seggi del 25 settembre. A lanciarlo, dal palco del Centrum Palace del capoluogo, lo stesso patron laziale. Il quale ha dichiarato il suo impegno in caso di elezione: “Voglio che il Molise diventi una grande Regione e non resti tra quelle di Serie B. Per riuscirci, occorre rivedere le infrastrutture, perché al momento è isolata“.

LOTITO CAMPOBASSO, LA PROMESSA DEL PATRON

Lotito Campobasso
Lo stemma del Campobasso

Ma Lotito si concentrerà anche, o forse soprattutto, sul locale club calcistico: “Voglio risarcirlo. Deve tornare a far parte del calcio professionistico. È un obiettivo che mi sono posto e che intendo compiere anche mettendo mano alle mie risorse personali. La Lazio deve restituirgli qualcosa per averlo condannato alla Serie C nel 1987 e io sono a disposizione per darglielo. Si tratta di un problema che va oltre la giustizia sportiva e che bisogna risolvere. Ciò che è successo in passato va messo da parte, ora serve guardare al futuro“.

Da non perdere

Iscriviti alla Newsletter

Per le ultime notizie sulla Lazio iscriviti alla newsletter. E' GRATIS

ULTIME NOTIZIE