martedì, Aprile 16, 2024

LAZIO NEWS

Classifica

Ultima Partita

Prossima Partita

LEGGI ANCHE

Scommesse sportive: l’ascesa degli eSports e le icone del calcio

Il mondo delle scommesse sportive è in rapido cambiamento, e l’irrompere degli eSports è una testimonianza dell’evoluzione in atto. Un elemento chiave in questo contesto è la selezione dei migliori siti di scommesse per gli eSports. Dare una risposta su quali siano i migliori portali di scommesse per gli eSports non è semplice, e ogni sistema di valutazione è soggetto a un certo grado di soggettività. Le nostre valutazioni per i principali siti di scommesse sugli eSports (alcuni dei quali conosciuti anche come siti di scommesse per videogiochi) non fanno eccezione. Per mettere in prospettiva le nostre valutazioni, abbiamo identificato i fattori primari che consideriamo nell’assegnare un rating a ciascuna piattaforma di scommesse sugli eSports. Alcuni di questi fattori possono essere più importanti per specifici giocatori rispetto ad altri, ma crediamo che queste siano le domande fondamentali che i giocatori dovrebbero porsi quando valutano se un bookmaker online è adatto a loro.

PUBBLICITA

L’integrazione del calcio nelle piattaforme e-Sportive

L’adozione degli eSports da parte delle piattaforme di scommesse si sta estendendo anche al mondo del calcio, con la creazione di tornei di FIFA e altri giochi di simulazione sportiva che attraggono un numero crescente di scommettitori. Questo crossover strategico apre nuove vie per le scommesse sportive, combinando la passione tradizionale per il calcio con le dinamiche innovative degli eSports. Con l’avvento di tali tendenze, è lecito aspettarsi che il panorama delle scommesse sportive subirà trasformazioni significative, in cui la tecnologia e il digitale giocheranno ruoli da protagonisti.

Icone del calcio che hanno investito negli e-Sport

L’industria degli eSports è uno dei settori digitali in più rapida crescita del pianeta. Il gaming competitivo ha attirato un pubblico globale e le cifre lo dimostrano. Nel 2020, i ricavi globali degli eSports hanno raggiunto i 996 milioni di dollari e Statista stima che potrebbero quasi raddoppiare, arrivando a 1,866 miliardi di dollari entro il 2025. Non sorprende, quindi, che le stelle mondiali del calcio più di successo stiano cercando di entrare in scena. Con molto denaro da investire, sia i calciatori attuali che quelli ritirati hanno cercato di investire o creare le loro proprie franchising di eSports per competere in eventi regionali e internazionali nelle varie discipline. Tutti i tipi di giochi online competitivi sono ora considerati eSports. Non è necessario che siano giochi online a giocatori multipli massicci (MMO) come League of Legends o giochi di combattimento come Counter-Strike: Global Offensive (CS:GO). Molti considerano ora il poker una forma di eSports, vista la sua accessibilità online. Risponde anche ai criteri della definizione di sport, che richiede uno “sforzo fisico e abilità”. C’è anche un significativo crossover tra il poker e gli eSports convenzionali, con alcuni dei più grandi professionisti del poker che hanno carriere nel gaming competitivo a parte le tavole da gioco. Lex Veldhuis è uno di questi esempi, in quanto il olandese fa parte del Team Liquid da molti anni. Con un’industria degli eSports così varia nel 2023 e oltre, esploriamo i calciatori, passati e presenti, che hanno un interesse finanziario nelle organizzazioni di eSports in tutto il mondo oggi.

David Beckham potrebbe sembrare già abbastanza impegnato con la proprietà della franchigia MLS dell’Inter Miami senza possedere anche una propria franchigia di eSports. Guild Esports è stata fondata nel 2020 ed è in forte ascesa nella comunità eSports del Regno Unito. La squadra ha sviluppato la propria infrastruttura accademica, così come una base di ultima generazione per i giocatori e le prospettive accademiche per creare una rete di contatti. Oggi, Guild ha attivo rassegne professionali che competono in giochi come FIFA, CS:GO e Rocket League.

Gli e-sport stanno rapidamente guadagnando terreno anche nel dominio dei casinò online. La loro natura competitiva e l’affascinante esperienza utente li rende particolarmente adatti per l’integrazione in piattaforme di gioco online. I tornei di e-sport potrebbero essere offerti come eventi speciali, consentendo agli scommettitori di piazzare le loro giocate sugli esiti delle partite, esattamente come farebbero con gli sport tradizionali. Questo nuovo settore potrebbe attirare un pubblico più giovane e tecnologicamente esperto, allargando così la base di clienti dei casinò online non aams.

Sergio Aguero, ex superstar di Argentina e Manchester City, ha fondato il suo team KRÜ Esports nel 2020, solo 12 mesi prima della sua emozionante partenza da City. La decisione è stata ispirata dall’aumento della notorietà dell’argentino su Twitch, il portale di live streaming numero uno per professionisti e eventi eSports. KRÜ Esports ha sede nella terra natale di Sergio, l’Argentina, con l’intento di scoprire talenti del gaming argentino che altrimenti non avrebbero avuto la possibilità di farcela in grande. KRÜ Esports ha fatto enormi passi avanti nel gioco eSports di VALORANT, essendo stato scelto come una delle dieci squadre a entrare nella VCT Americas International League.

Virgil van Dijk, il centrale difensivo dell’imperiosa Liverpool, è stato annunciato come investitore nella franchigia eSports con sede nel Regno Unito, Tundra, l’estate scorsa. Al olandese è stato chiesto di aiutare a crescere l’esposizione dell’organizzazione di Tundra, che è stata fondata nel 2019. Tundra si è unita a van Dijk principalmente per i loro legami con FIFA, sviluppando squadre eSports di successo di FIFA prima di espandersi in titoli popolari come Fortnite, DOTA 2 e Rocket League. Il più grande successo del Tundra è arrivato all’International di DOTA 2, dove la loro squadra ha vinto il primo premio l’anno scorso, uno dei montepremi più grandi negli eSports.

David de Gea, il portiere di lunga data del Manchester United, ha sempre avuto una passione per il gioco competitivo. Lo ha descritto come un “sogno diventato realtà” quando ha lanciato la sua propria franchigia eSports con sede in Spagna, Rebels Gaming, nel 2021. De Gea si è appoggiato ad alcuni suoi compagni di squadra del Manchester United per cercare di far crescere il brand di Rebels Gaming, con Bruno Fernandes e l’ex centrocampista del United Juan Mata assicurati come nuovi azionisti. Rebels Gaming compete già in eventi eSports regionali in una serie di discipline, soprattutto VALORANT, League of Legends e Rainbow Six Siege.

Ruud Gullit, ex stella internazionale dei Paesi Bassi, si è anche rivolto agli eSports. Il 60enne ex giocatore e manager ha dimostrato che l’età non è una barriera nell’industria degli eSports, con la creazione del Team Gullit, la prima “accademia FIFA indipendente” al mondo. Questa franchigia recluta talenti emergenti di FIFA eSports e offre loro la piattaforma e l’allenamento per farcela sul palco più grande. Team Gullit ha sviluppato partnership con squadre professionali dalla sua fondazione nel 2018, firmando accordi con squadre come il Vitesse Arnhem e l’Atlanta United.

Altre menzioni notevoli di calciatori che investono tempo e denaro nella scena eSports oggi includono il centrocampista brasiliano Casemiro, che ha anche il suo proprio team Case Esports fondato durante il suo periodo al Real Madrid. L’attaccante inglese Jesse Lingard ha anche acquistato un’organizzazione eSports esistente nel 2021, Audacity Esports, scegliendo di rinominarla in JLINGZ Esports. La squadra si è rafforzata sempre di più, firmando anche eccitanti accordi di sponsorizzazione con aziende come Sport Locker.

LIVE NEWS