Seguici sui Social

News

Benvenuti su Laziochannel.it

Pubblicato

il

PUBBLICITA

Il 19 agosto di un anno fa, ritornavo a Roma dopo l’esperienza nella vibrante Londra. A distanza di un anno, in qualità di fondatore, ho il piacere di scrivervi per annunciarvi la nascita della testata giornalistica laziochannel.it

Abbiamo deciso di andare online proprio oggi, perché indecisi su quando iniziare, abbiamo pensato bene di fissare la data esattamente un anno dopo il mio ritorno in patria. Volevo simpaticamente ricordare quell’esperienza, dandogli un valore e un peso specifico. Un viaggio che mi fece capire cosa significhi stare così lontano dagli affetti e dal caldo sole presente nella Capitale. Appena misi piede in Italia, mi prefissai l’obiettivo di realizzare un sito per i fans della Lazio e il nuovo progetto editoriale è il frutto di questo lungo lavoro strategico durato circa 12 mesi, giorni e giorni a studiare il target di riferimento, svariate analisi di benchmarking ed eventuali opportunità di crescita professionale.

Ciò detto, stamattina, proprio come un anno fa, nei miei occhi traspare ancora il solito entusiasmo, accompagnato da quel sorriso beffardo, tipico di chi ha la gioia di lottare per nuove sfide di vecchie passioni.

Laziochannel.it vuole essere una voce, non per forza fuori dal coro e non per forza differente. Il nuovo progetto editoriale è semplicemente il nostro modo di intendere il giornalismo sportivo e nella fattispecie, raccontare la Lazio, per tradizione, una società gloriosa. Sarete soltanto voi lettori a giudicare il nostro operato e ci auguriamo di cuore che questo prodotto sia di vostro gradimento.

Da oggi, anche noi, vogliamo dire la nostra sulla Lazio, visto che sin troppi lo fanno senza rispetto e privi di una qualunque competenza professionale. Per questo mi sembra giusto che anche noi, diamo vita al “pensiero dell’uomo qualunque” entrando in campo con laziochannel.it, più che un sito, un nuovo pensiero, quasi un nuovo ideale.

D’altronde chi vi scrive, è per tradizione familiare un figlio di un sentimento comune fra molti di noi. Un’emozione semplice e popolare, messa troppo spesso sotto accusa dai soliti politici, lontani anni luce dal tessuto cittadino in cui operano, oppure da qualche cialtrone, con o senza tessera professionale. In questi anni, il mio istinto non mi ha mai abbandonato, anche grazie alle sue radici profondissime – in gran parte ereditate dai miei genitori e da mia sorella – un compagno di lotta che è rimasto inalterato nel tempo, ma soprattutto leale, onesto e puro. Il mio istinto lotta per Amore. Quando metti il cuore, quando metti l’amore in quello per cui credi, tutto cambia sapore, assumendo altri significati.

Sono passato dalla Curva Nord alla Tribuna Stampa e in questi dieci anni di tempo, ho avuto modo di capire e aumentare ancor di più la conoscenza, forgiare lo spirito, apprendere dagli sbagli quotidiani e capire con determinazione quale fosse il sentiero da intraprendere. Da Londra a oggi, ne è passata di acqua sotto i ponti, ma ciò che è rimasta invariata è stata la nostra volontà di raccontare i fatti del mondo, secondo il nostro punto di vista. Il giornalista è d’altronde un lavoro difficilissimo e arduo, ma tremendamente romantico. Parlando a nome della redazione, noi oggi siamo lieti di presentarvi, quello che ci auguriamo, possa diventare il vostro punto di riferimento per chi vuole essere sempre informato sui pionieri capitolini. La nostra redazione è un buon gruppo di lavoro, sapientemente diretta dal grande Fabrizio Piepoli, e il nostro entusiasmo mi rende soddisfatto e fiducioso nel lavoro sin qui svolto e in quello che verrà. D’altronde tutto ciò è impreziosito anche dal lavoro con calciomercato.it e quella ancor più salda con Danilo Galdino che, con la sua trasmissione radiofonica (I Laziali Sono Qua) ha fatto strike nell’etere romano, riportando in auge quel sentimento di cui stiamo parlando proprio adesso, in questa lettera di presentazione. D’altronde la voglia di dire il mio pensiero non è stata mai sopita. Dai tempi di Via Bossi sino alle aule universitarie, ho sempre cercato di arricchire (non per forza contrastare) il pensiero dominante che però troppo spesso aliena chi la pensa diversamente. Quando ero piccolo avevo i capelli lunghi e biondi, ero di mano mancina e tifavo Lazio, figuratevi quanta diversità già fra i banchi di scuola. Siam fatti così, e così intendiamo la vita. I tempi cambiano ma le linee guida rimangono invariate. Ora grazie a laziochannel.it possiamo dire la nostra e farci guidare dai valori dell’Ente Morale e dal codice dell’atleta, scritto dall’immenso Renzo Nostini.

Ricordando che l’informazione migliora un servizio fondamentale per il cittadino, sancito anche dalla Corte costituzionale della Repubblica Italiana, che ha dichiarato che è necessario “garantire il massimo grado di pluralismo esterno, al fine di soddisfare, attraverso una pluralità di voci concorrenti, il diritto del cittadino all’informazione”, da oggi anche noi siamo presenti nel web 2.0 per offrirvi notizie ed esclusive con il “nostro” taglio giornalistico.

Per dire quello che penso sono passato dai cori dello stadio, alle bombolette spray; dai discorsi in facoltà, alla tastiera di un computer. Insomma ho sperimentato tutte le forme di comunicazione possibili e immaginabili [!]. Oggi il tono è sicuramente più adatto e composto, la voce più pacata e certamente la saggezza rende il mio pensiero più equilibrato e maturo. Noi ci impegneremo costantemente affinché sia possibile separare il fatto dall’opinione, senza essere faziosi, avvalendoci di un linguaggio semplice, diretto e giovanile. Cari fans biancocelesti, in tutta sincerità, io vi dico che la mission della nostra fantastica redazione è quella di usare il vostro linguaggio diventando la vostra voce sul web. Un giornale nuovo, edito da uno di voi.

Gran parte di questo editoriale è stato scritto ieri sera allo Stadio Olimpico dopo il triplice fischio dell’arbitro Eriksson. Aggiustato questa mattina con solo 4 ore e mezza di sonno alle spalle,  e poi aggiustato ancora, perché è impossibile scrivere tutto quello che si prova all’interno di un solo editoriale. Comunque questa lettera di presentazione mi auguro che sia stata abbastanza chiara ed eloquente nello spiegare quale sia la nostra mentalità e il nostro modus operandi.

Noi oggi siamo qui, fra di voi e in mezzo a voi, cari fratelli di mille battaglie. E vogliamo rimanerci per più tempo possibile e che sia chiaro, non chiamateci “giornalisti terroristi”.

P.S.

Dedico questo primo editoriale ai ragazzi della Curva Nord. Uomini a me, più vicino di altri.

Davide Sperati


Pubblicità

Focus

LA NOSTRA STORIA Domenico ‘Mimmo’ Caso

Pubblicato

il


LA NOSTRA STORIA Domenico MimmoCaso nasce a Eboli (SA) il 9 maggio 1954. Centrocampista, fa il suo debutto nel calcio professionistico con la Fiorentina. Nella stagione 1974-1975 vince il suo primo trofeo: la Coppa Italia. Nella stagione 1978-1979 Caso lascia la Fiorentina e si trasferisce al Napoli. Nell’estate 1979 passa all’Inter. Nel 1980 si laurea Campione d’Italia. Dopo l’esperienza in nerazzurro passa per due anni in Serie B al Perugia. Nell’estate del 1983 torna in Serie A con il Torino. Quindi passa alla Lazio, in quel periodo nella serie cadetta. Con la maglia biancoceleste disputa tre stagioni. Nel 1988, dopo la promozione in A, viene ceduto al Latina. Chiude la carriera nell’Orceana.  Dal 1992/93 al 1996/97 è l’allenatore della Lazio Primavera. Il primo anno sfiora lo Scudetto perdendo la finale contro l’Atalanta. Nella stagione 1994/95 vince il titolo. Tra i tanti giovani lancia Alessandro Nesta, Marco Di Vaio, Alessandro Iannuzzi, Flavio Roma e Daniele Franceschini. Dopo aver guidato Foggia, Chievo e Pistoiese, nel 2003/04 torna ad allenare la Primavera laziale. Nel 2004/05 viene chiamato dal nuovo presidente biancoceleste Claudio Lotito ad allenare la prima squadra. Viene esonerato e sostituito da Papadopulo. Successivamente allena la Ternana. A giugno del 2009 viene nominato supervisore del settore giovanile della Cisco Roma. Nel 2011 assume la guida degli Allievi Regionali A1 della Voluntas (Spoleto). A luglio del 2012 viene nominato allenatore della squadra Primavera della Virtus Lanciano. Nel 2013 viene ingaggiato come tecnico della squadra Primavera della Reggina, ma dopo pochi giorni decide di lasciare l’incarico per motivi familiari.

LASCIA UN ‘LIKE’ ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

DIVENTA UN NOSTRO FOLLOWER ANCHE SU TWITTER

 

Continua a leggere

Articoli più letti