Seguici sui Social

News

Signori a I Laziali Sono Qua: “L’amore verso i laziali è reciproco. Mi hanno dato tanto. Stasera vincerà chi segnerà prima”

Pubblicato

in

Giuseppe Signori ex bomber della Lazio


“E segna sempre lui…e segna sempre lui, si chiama Beppe Signori, si chiama Beppe Signori….” intonava la Curva Nord qualche anno fa. Come dar torto? Giuseppe Signori ha scritto pagine importanti nella recente storia biancoceleste. Basti pensare ai numeri: 195 presenze e 127 reti con l’aquila sul petto. Non a caso Beppe gol è il secondo marcatore di tutti i tempi nella storia della Lazio dietro alla leggenda Silvio Piola. Tre volte capocannoniere della serie A (nel 1992/93, 1993/94 e 1995/96)  e due della Coppa Italia (nel 1992/93 e nel 1997/98), l’attaccante bergamasco è stato tra i giocatori più amati dal popolo biancoceleste. Un legame unico, manifestato l’11 giugno 1995 quando la Curva Nord si riunì sotto la sede della società in via Novaro per bloccarne la cessione al Parma. Beppe gol seppe ripagare l’amore dei tifosi realizzando nella stagione seguente 24 reti in campionato (che gli valsero il terzo titolo di capocannoniere di A) e contribuendo al raggiungimento del terzo posto.

Signori ha regalato tante emozioni ai supporters laziali che ancora oggi lo ritengono un beniamimo. Intervistato dalla trasmissione di Danilo Galdino – in onda su Elle Radio 88.100 tutte le mattine dalle 10:00 alle 13:00 – l’ex attaccante biancoceleste ha parlato della gara di stasera: “I giocatori non hanno bisogno di stimoli visto che già la competizione ne dà tanti. Bisogna essere consapevoli delle proprie forze e rispettare gli avversari, questa è la ricetta giusta. La squadra ha tante defezioni ma questo non significa niente, anzi responsabilizza i giocatori. L’ha dimostrato Keita nella partita d’andata, autore di una grande partita nonostante non sia partito titolare. E’ importante passare il turno dato che la Champions League è ben altra cosa rispetto all’Europa Legue”.

La stagione della Lazio è partita bene con due vittorie:Quest’anno la squadra è più convinta. L’anno scorso era partita in sordina facendo poi un’incredibile risalita e conquistando il terzo posto. La sfortuna di avere tante assenze nello stesso momento non ci voleva, però la Lazio ha tutte le carte in regola per fare bene in campionato”. Acquistare sì, ma in modo oculato. Questo il consiglio di Signori: “Bisogna chiedere a Pioli di cosa ha bisogno la squadra. La Champions ti dà qualche soldo in più e in caso di passaggio del preliminare un acquisto andrebbe fatto. In questo momento servirebbe un attaccante ma poi con i ritorni di Klose e Djordjevic sarebbero troppi”. La serie A è iniziata, ma le prime due della scorsa stagione hanno steccato l’esordio serie A: “Gli impegni europei saranno determinanti. Partire male non significa non vincere. La Juve ha perso 3 giocatori importanti, specie Vidal e Pirlo sono insostituibili, quindi è normale che adesso faccia fatica. La Roma ha fatto ottimi acquisti, ma non vince sempre la squadra più forte, ma quella che si trova nel momento giusto coi giocatori giusti. Vince chi è più determinato. Lo scudetto è incerto quest’anno, anche se la Juve ha sempre qualcosa in più rispetto alle altre”.

Il segreto del successo di questa Lazio si chiama Stefano Pioli: “Ripartire con lo stesso allenatore e con la stessa rosa è un punto a favore, così l’allenatore potrà lavorare sui pregi e limare i difetti della squadra. Il risultato di stasera inciderà molto sul morale della squadra”. Il consiglio dell’ex bomber biancoceleste per la gara di stasera è quello di attaccare subito i tedeschi: “In queste partita la differenza la fa chi segna prima. Il Bayer è molto fisico e gioca bene a calcio. Entrambe le squadre giocheranno per vincere. La Lazio non deve essere rinunciataria ma deve cercare di segnare per prima perché un gol sarebbe importante e forse decisivo”. La squadra romana stasera scenderà in campo forte dell’1 a 0 maturato all’Olimpico: “Sarà una gara difficile perché loro sono più avanti fisicamente. L’1 a 0 dell’andata è un ottimo risultato, però bisognerà stare attenti. Ho fiducia in Pioli che è un maestro nel motivare i propri giocatori e nel farli capire che la partita va giocata con la testa”. In chiusura Beppe gol ricorda le reti più più belle fatte ai tempi della Lazio: “Il gol più bello che ho fatto in Europa è quello al Rapid Vienna su rigore. Lo ricordo perché è stato l’ultimo che ho fatto con la maglia della Lazio. Il gol più bello per difficoltà è quello all’Inter e poi quello al derby di destro”. Chiosa finale con un saluto ai laziali: L’amore è reciproco, a loro dirò sempre grazie per quello che mi hanno dato in termini di affetto e di stima. Gliene sarò riconoscente per sempre. Mi auguro e auguro loro di vedere la Lazio in Champions League”.

 

Fabrizio Piepoli

 

News

CALCIOMERCATO LAZIO Bastos rifiuta un’offerta

Pubblicato

in

Calciomercato Lazio Bastos


CALCIOMERCATO LAZIO Bastos ha deciso di non accettare l’offerta dell’Al Shabab, la sua cessione continua a bloccare l’arrivo di Fares

CALCIOMERCATO LAZIO Bastos – E’ arrivato un no da parte dell’angolano alla squadra Araba. Un contratto da 1,5 milione non gli è parso sufficiente, perciò ha deciso di non accettare. Il difensore classe 91′, deve trovare una sistemazione entro pochi giorni, sta bloccando il mercato della Lazio che, deve risollevare l’indice di liquidità facendo una cessione per poter ufficializzare Fares e provare a prendere un difensore tra Hoedt e Mustafi. Purtroppo però, Bastos non sembra intenzionato ad accettare alcune destinazione, ha già rifiutato entrambe le squadre turche, visto la sua scadenza nel 2021, vorrebbe poter decidere nel migliore dei modi. La Lazio però, ha fretta e infatti nella giornata di ieri, c’è stato un piccolo vertice a Formello in cui è stata ribadita la volontà della società di cederlo perché non rientra più nel progetto. E’ stato chiesto di trovare una soluzione che accontenti, entro breve tempo, il calciatore dovrà essere ceduto.

UFFICIALE VERONA ROMA 3-0

LA VERITà SU IBRAHIMOVIC E LA LEOTTA

Continua a leggere

Articoli più letti