Seguici sui Social

Focus

Gli “strappi” di Pioli: le serie positive del tecnico della Lazio

Pubblicato

in



Sembra essere tornato il sereno in casa biancoceleste dopo le tempeste estive. Ko in Supercoppa, fuori dalla Champions League al preliminare, l’eredità d’entusiasmo derivante dalla passata stagione sembrava svanita, smorzata da deludenti sconfitte in partite chiave. L’avvio in campionato aveva poi alimentato le preoccupazioni dei tifosi: 0-4 contro il Chievo, 0-5 a Napoli, la sembrava aver smarrito la sua identità, soprattutto in trasferta. E invece sono arrivate quattro vittorie consecutive, tra campionato ed Europa League, che hanno riportato i biancocelesti al terzo posto, e addirittura a -3 dalla vetta attualmente occupata dalla Fiorentina. Genoa, Hellas Verona, Saint Etienne e Frosinone sono stati sbaragliati dai biancocelesti: non è la prima volta però che la squadra di indovina un “filotto” positivo, anzi questa andatura a strappi ha un po’ contraddistinto il cammino del tecnico sin dal suo arrivo alla Lazio.

Era accaduto anche all’inizio della scorsa stagione: la Lazio aveva subito convinto sul piano del gioco, ma dopo quattro giornate il piatto della classifica, proverbialmente, piangeva. Tre sconfitte e una sola vittoria, ma la riscossa stava per arrivare. Cinque vittorie contro Palermo, Sassuolo, Fiorentina, Torino e Cagliari, con l’intermezzo del pareggio in casa del Verona prima del match contro i sardi. Sedici punti che rilanciarono le ambizioni degli uomini di Pioli, prima di un altro periodo nero. Sconfitte contro Empoli e Juventus e pareggio in casa del Chievo: appena prima dell’esplosione di Felipe Anderson, che portò ai successi in Coppa Italia contro il Varese, alle vittorie contro Parma, Atalanta e Sampdoria in campionato e ai pareggi contro Inter e Roma, con la sosta natalizia nel mezzo. Una Lazio con nuove consapevolezze che si ritrovò poi di nuovo ricacciata indietro (in coincidenza con l’infortunio del brasiliano dopo il derby) in classifica dai ko contro Napoli, Cesena e Genoa.

Arrivò poi la serie delle spedire in orbita i ragazzi di Pioli. Otto vittorie consecutive in campionato contro Udinese, Palermo, Sassuolo, Fiorentina, Torino, Verona, Cagliari ed Empoli che videro risalire i biancocelesti fino al secondo posto. Un sogno poi svanito sul filo di lana come quello della conquista della Coppa Italia, anche se i biancocelesti hanno comunque ottenuto l’accesso all’Europa e ai preliminari di Champions. Ora, un nuovo “strappo” positivo che Pioli spera di prolungare anche dopo la sosta, in un campionato che, con il suo equilibrio, sta aprendo scenari assolutamente inaspettati anche meno di un mese fa.

Fabio Belli

Focus

LA NOSTRA STORIA Tanti Auguri a Roberto Muzzi

Pubblicato

in



Nasce a Roma il 21 settembre del 1971 Roberto Muzzi. Inizia a giocare nel Morena, poi passa alla Procalcio Italia e infine alla Roma. Nel 1993 viene ceduto in prestito in Serie B al Pisa. L’anno successivo passa al Cagliari, dove gioca fino al 1999 quando si trasferisce all’Udinese.

Nella stagione 2003-2004 Roberto Muzzi arriva alla . In biancoceleste resta per tre stagioni prima di trasferirsi al Torino in Serie B. Al termine della stagione 2006-2007, a 35 anni, scaduto il contratto sportivo contatta i vertici societari per il rinnovo ma riceve la proposta di entrare a far parte dello staff degli allenatori del settore giovanile granata. Dopo una pausa di riflessione decide di scendere di categoria, fino alla Serie C1, firmando un biennale con il Padova. Nell’agosto del 2009 il Villafranca Veronese, squadra neopromossa in Serie D, aveva avviato una trattativa ma il 5 agosto Muzzi dopo averci pensato ha rifiutato l’offerta deciso ad intraprendere la carriera da allenatore iscrivendosi al corso di Coverciano per conseguire il patentino di 2ª categoria.

Nel 2009 diviene allenatore della squadra Esordienti della Roma. Il 1 luglio 2011 passa alla guida dei giovanissimi provinciali. L’anno successivo passa ai giovanissimi regionali. Il 3 febbraio 2013 diventa vice allenatore della Roma dopo l’esonero di Zdeněk Zeman e la nomina di Aurelio Andreazzoli come nuovo tecnico dei giallorossi. Il 10 giugno lascia i giallorossi insieme ad Andreazzoli, ma il 4 luglio 2014 ritorna nel ruolo di tecnico dei giovanissimi Nazionali. A novembre 2015 viene scelto da Andrea Stramaccioni, suo collega nelle giovanili giallorosse, come suo vice al Panathīnaïkos. In seguito diventa Collaboratore tecnico di mister Andreazzoli all’Empoli nella stagione 2018-2019 e successivamente anche nella sua avventura al Genoa nella stagione 2019-2020.

SEGUICI ANCHE SU GOOGLE EDICOLA, TWITTER E FACEBOOK

Continua a leggere

Articoli più letti