ItaLazio: Vittoria e qualificazione per l’Italia. Candreva ancora assistman, bene Parolo

L’ItaLazio colpisce ancora, Antonio Candreva e Marco Parolo si dimostrano ancora una volta preziosi e impagabili, non solo per Pioli (che non vede l’ora di riabbacciarli) ma sopratutto per Conte che sta facendo sempre più fatica a rinunciare ai due perni della Lazio. Questa sera infatti nel 4-4-2 schierato dal commissario tecnico nella partita contro l’Azerbaigian (vinta per 3 -1 dagli azzurri) entrambi i giocatori biancocelesti erano titolari e mentre Parolo è stato in campo fino al triplice fischio nelle vesti di interno sinistro, Candreva invece (schierato come esterno destro di centrocampo) è stato sostituito all’89’ con Montolivo.
Ormai sono anche loro un punto fermo di questa Nazionale.

Candreva era reduce da un lungo stop che lo ha tenuto lontano dai campi per quasi un mese (con il Frosinone domenica scorsa è rimasto in panchina per non rischiarlo) ma Antonio Conte, dopo averlo valutato in questi giorni in allenamento e tenendolo fino all’ultimo in ballottaggio con il romanista Florenzi, lo ha ritenuto pronto per scendere in campo questa sera contro l’Azerbaigian e visto il risultato possiamo dire senza ombra di dubbio che la scelta è stata pienamente azzeccata. Nell’importantissima vittoria di questa sera (che ha permesso agli azzurri di qualificarsi con un turno d’anticipo alla fase finale dell’Europeo 2016) c’è anche il suo zampino visto che al 43′ mentre era a tu per tu con il portiere ha fornito un preziosissimo assist ad El Shaarawy per il nuovo vantaggio azzurro (dopo il momentaneo pareggio dell’Azerbaigian), permettendo così a Candreva di confermarsi come “Re degli assist“. Finchè non è stato sostituito ha mostrato tutto il suo magnifico repertorio: corsa, grinta, pressing, fantasia e (appunto) preziosissimi assist. Insomma, diventa sempre più difficile immaginare un’Italia senza Candreva, senza colui che è in grado come pochi di trasformare in oro ogni pallone che passa per i suoi piedi. I tifosi laziali lo sanno benissimo per questo non devono l’ora di rivederlo all’opera con la maglia della Lazio quanto prima (sarà disponibile per Sassuolo-Lazio).
Anche Marco Parolo si è mosso bene questa sera: per tutti e 90 i minuti è stato bravo a farsi sentire in fase di interdizione, anche se onestamente l’Azerbaigian e la sua strategia attendista hanno facilitato (e non poco) i compiti del centrocampista biancoceleste.
Sicuramente questi sono segnali importanti per Pioli e la Lazio che attendono con gioia il loro ritorno alla ripresa del campionato.

Con questo successo la capolista Italia sale a quota 21 nel Gruppo H, a più due sulla Norvegia che ha regolato Malta con un netto 2-0. Terza forza del girone con 14 punti è la Croazia, impegnata questa sera contro la Bulgaria. Martedì 13 ottobre, allo Stadio Olimpico di Roma, Italia e Norvegia si giocano il primato

Marco Lanari

 

Da non perdere

Iscriviti alla Newsletter

Per le ultime notizie sulla Lazio iscriviti alla newsletter. E' GRATIS