Seguici sui Social

News

Soderlund, Skjelvik e Selnæs in coro: “Occasione sprecata”

Pubblicato

in



Il , nonostante i proclami del tecnico norvegese Kåre Ingebrigtsen alla vigilia dell’incontro, ieri sera è uscito dall’Olimpico con le ossa rotte. La , nonostante fosse rimasta in dieci, a pochi minuti dall’inizio dell’incontro, ha imposto una severa lezione ai norvegesi. L’ennesima ingenuità di Mauricio (già al quarto cartellino rosso in questo inizio stagione) sembrava facilitare la serata romana della squadra di Ingebrigtsen ma la realtà è stata diversa e a fine incontro la delusione dei calciatori norvegesi era tanta. Le recriminazioni per l’occasione persa sono tante. Ai microfoni di andressa.com per commentare la sconfitta sono intervenuti Soderlund e Skjelvik.

Queste le parole dell’attaccante: “E’ stata una partita strana, abbiamo perso ma anche sprecato tanto, potevo fare 3-4 gol. A volte capitano partite del genere. Berisha ha compiuto un miracolo, quando l’ho visto parare non ci potevo credere. Abbiamo perso una grande occasione. Per tutto l’incontro abbiamo avuto il controllo del campo ma i biancocelesti giocando in contropiede sono stati spietati. La classifica ora ci condanna più del dovuto, potevamo stare a punteggio pieno ed invece ci ritroviamo ultimi. Questa è una sconfitta dura e fa molto male, ma possiamo rifarci”.

Skjelvik: “Non siamo una squadra che può permettersi di sbagliare tanto, con più concentrazione non sarebbe andata alla stessa maniera. Continuiamo a sprecare occasioni ed ora ci ritroviamo solo ad un punto. Nelle prossime partite vogliamo rifarci e conquistare nove punti nelle ultime tre partite”.

 

Ai microfoni di Adresseavisen è intervenuto il centrocampista norvegese Ole Selnæs: “Ci siamo ritrovati con l’uomo in più per quasi tutto l’incontro e siamo riusciti ad uscire sconfitti. Basterebbe restare concentrati fino in fondo ma con l’atteggiamento che avevamo in campo non potevamo mai vincerla. Abbiamo fatto un grande regalo alla Lazio, non si possono prendere tre gol in superiorità numerica. Non abbiamo demeritato, anche noi avremmo potuto segnare 3 o 4 volte. Se continuiamo a facilitare gli avversari sarà difficile andare avanti nella competizione”.

 

News

Riapertura stadi – Gravina: “1000 persone sono poche”

Pubblicato

in



Riapertura stadi – Per le prossime partite di Serie A, saranno 1000 gli spettatori che potranno recarsi presso gli impianti sportivi

Riapertura stadi – In questo senso, nella giornata di oggi si è espresso il Presidente della Figc Gabriele Gravina: “C’è un’esigenza generale del nostro Paese, quella di tornare alla normalità. Vogliamo tutti riprendere la cadenza della nostra vita in tutti i settori. È necessario tornare a coltivare le nostre passioni. Non c’è nulla ancora di graduale, 1000 spettatori sono pochi, ma è comunque importante ripartire, anche in B e C. Il calcio ha dimostrato grande responsabilità e con i comportamenti ha anche dimostrato di meritare fiducia. Vogliamo riaprire gli stadi a più gente. Durante alcune amichevoli estive si sono fatti passi avanti. La gradualità deve essere proporzionale, altrimenti ci sarebbero tanti problemi, anche nelle serie minori. Il rispetto del distanziamento sociale è fondamentale. Il protocollo sui tamponi? Penso che il Cts ci darà ragione, mi auguro che in settimana la situazione possa sbloccarsi e si possa allentare la presa”. Così Gravina ai microfoni di Radio Anch’io Sport.

Continua a leggere

Articoli più letti

Come disattivare il blocco della pubblicita per Cronache della Campania?