Seguici sui Social

News

LAZIONALI – Onazi rigenerato, Cataldi ringrazia Milinkovic

Pubblicato

in

Eddy Ogenyi Onazi ex centrocampista della Lazio


Per molti questa sosta per le nazionali rappresentava un ulteriore fonte di preoccupazione visto che negli ultimi mesi, ogni volta che il campionato si è dovuto fermare la Lazio ha sempre dovuto affrontare grossi problemi di infermeria (vedi Biglia, Parolo, de Vrij, ecc…) e sopratutto ora più che mai questa sosta sembrava inopportuna perché, dopo la brutta sconfitta nel derby (ultimo atto di un periodo decisamente negativo per i ragazzi di Pioli) c’era una gran voglia di ripartire immediatamente e di riportare la Lazio nelle posizioni che contano.
Non tutto il male però viene per nuocere…questa sosta infatti ha visto infatti molti giocatori biancocelesti come protagonisti nelle loro rispettive nazionali: Felipe Anderson (gol e assist), Candreva (gol), Kishna (assist), Milinkovic-Savic e Cataldi (entrambi in gol), Biglia (gol), ecc…dati che dimostrano come le nazionali questa volta restituiranno alla Lazio giocatori decisamente rigenerati, e questo fa ben sperare mister Pioli, che alla ripresa del campionato ha bisogno che tutti siano Fast and Furios e pronti a risollevare la Lazio.
Tra questi ci sono sicuramente Onazi e Milinkovic-Savic (tra i protagonisti di oggi di queste ultime partite delle nazionali):

ONAZI – Il nigeriano è ormai un punto di riferimento della sua nazionale. Le Super Eagles vincono 2-0 contro lo Swaziland e avanzano alla fase finale di qualificazione ai prossimi Mondiali. Nell’undici è ancora una volta titolare inamovibile Eddy Onazi, schierato come mezzala nel 4-3-3. E’ stata una serata importante per il nigeriano che ha avuto ben 2 motivi per gioire: oltre che la gioia per la vittoria, Onazi ha vissuto anche l’emozione di concludere la partita con la fascia di capitano (dopo l’uscita di Musa) a testimonianza di quanto sia altamente considerato in patria. La speranza è che queste gioie diano la carica di cui ha bisogno per aiutare Pioli.

MILINKOVIC – Giornata da dimenticare invece per il serbo. Dopo aver brillato contro l’Italia U21, regalando dispiaceri a Danilo Cataldi, questa volta Sergej non riesce a impedire la sconfitta contro i pari età della Slovenia nel match valido per le qualificazioni ai prossimi Europei. La Serbia Under 21 per 2 a 0 e si allontana dal primo posto (ora distante 3 punti). La vetta del Gruppo 2 ora appartiene all’Italia di Cataldi, vittoriosa 2-0 contro la Lituania (il centrocampista romano però non ha giocato causa squalifica).  Sergej anche oggi è partito titolare nel 4-5-1 di Sivic, posizionandosi alle spalle dell’unica punta Saponjic ed è rimasto in campo per tutta la partita finendo anche ammonito. Pazienza, il suo bilancio in nazionale è comunque ottimo. Pioli non vede l’ora di riabbracciarlo. 

Continua a leggere
Pubblicità