Seguici sui Social

Focus

L’unico Patric(k) che conosciamo…

Pubblicato

in



Il 9 Giugno 2015 la ufficializzava l’arrivo di un nuovo giocatore, proveniente dal Barcellona squadra riserve: Patricio Gabarròn Gil, per tutti più semplicemente . Difensore eclettico classe ’93 in scadenza di contratto con i catalani, con i quali aveva esordito anche in Champions League. Gli osservatori del club blaugrana lo avevano prelevato delle giovanili del Villarreal nel 2008, dopo averlo seguito per alcuni anni. In patria era considerato l’erede di Charles Puyol, non uno qualsiasi, e proprio entrando al posto dello storico capitano blaugrana aveva fatto il suo esordio nella massima competizione europea, durante la partita nella fase a gironi di Champions League persa 2-1 contro l’Ajax. Terzino destro, ma all’occorrenza anche interno di centrocampo o regista difensivo, il Diesse Igli Tare, dopo averlo monitorato per più di un anno, non aveva esitato un secondo quando aveva intravisto la possibilità di tesserare questo giovane di grande prospettiva a parametro zero. Qualche foto con la sciarpa biancoceleste, poche parole, il ritiro di Auronzo, poi il vuoto. Già perchè di Patric si sono perse le tracce: una presenza da subentrante (nella disfatta di Verona contro il Chievo) in questo inizio di stagione, per un totale di 44 minuti giocati, innumerevoli presenze in panchina e sulle tribune dello Stadio Olimpico. Doveva essere il vice Basta, è stato scavalcato nelle gerarchie da Konko e per ora rimane un oggetto misterioso. Il suo acquisto appare tuttora inspiegabile: la politica dei parametro zero a volte si rivela azzeccata, ma non può e non deve essere l’unica strada percorribile. Soprattutto in un ruolo, quello dell’esterno di difesa, in cui la Lazio si è trovata più volte scoperta. Fortunatamente riusciamo ad avere sue notizie tramite i social network: assiduo frequentatore di Instagram e abituale “cinguettatore” di Twitter, il giovane spagnolo non perde occasione per dimostrare il suo attaccamento alla squadra e la sua dedizione alla causa biancoceleste. Dalle foto sembra comunque integrato e felice della sua (non) esperienza con l’aquila sul petto.

La sua carriera in biancoceleste stenta a decollare, così come la sua notorietà. Per il momento, se mi chiedi chi è Patric, mi viene in mente quello del Grande Fratello, Patrick Ray Pugliese, il ragazzo biondo, nativo di Teheran, che imperversava sugli schermi Mediaset qualche anno fa. Cambia una K, ma la sostanza è la stessa…

Giulio Piras

Focus

LA NOSTRA STORIA Tanti Auguri a Roberto Muzzi

Pubblicato

in



Nasce a Roma il 21 settembre del 1971 Roberto Muzzi. Inizia a giocare nel Morena, poi passa alla Procalcio Italia e infine alla Roma. Nel 1993 viene ceduto in prestito in Serie B al Pisa. L’anno successivo passa al Cagliari, dove gioca fino al 1999 quando si trasferisce all’Udinese.

Nella stagione 2003-2004 Roberto Muzzi arriva alla . In biancoceleste resta per tre stagioni prima di trasferirsi al Torino in Serie B. Al termine della stagione 2006-2007, a 35 anni, scaduto il contratto sportivo contatta i vertici societari per il rinnovo ma riceve la proposta di entrare a far parte dello staff degli allenatori del settore giovanile granata. Dopo una pausa di riflessione decide di scendere di categoria, fino alla Serie C1, firmando un biennale con il Padova. Nell’agosto del 2009 il Villafranca Veronese, squadra neopromossa in Serie D, aveva avviato una trattativa ma il 5 agosto Muzzi dopo averci pensato ha rifiutato l’offerta deciso ad intraprendere la carriera da allenatore iscrivendosi al corso di Coverciano per conseguire il patentino di 2ª categoria.

Nel 2009 diviene allenatore della squadra Esordienti della Roma. Il 1 luglio 2011 passa alla guida dei giovanissimi provinciali. L’anno successivo passa ai giovanissimi regionali. Il 3 febbraio 2013 diventa vice allenatore della Roma dopo l’esonero di Zdeněk Zeman e la nomina di Aurelio Andreazzoli come nuovo tecnico dei giallorossi. Il 10 giugno lascia i giallorossi insieme ad Andreazzoli, ma il 4 luglio 2014 ritorna nel ruolo di tecnico dei giovanissimi Nazionali. A novembre 2015 viene scelto da Andrea Stramaccioni, suo collega nelle giovanili giallorosse, come suo vice al Panathīnaïkos. In seguito diventa Collaboratore tecnico di mister Andreazzoli all’Empoli nella stagione 2018-2019 e successivamente anche nella sua avventura al Genoa nella stagione 2019-2020.

SEGUICI ANCHE SU GOOGLE EDICOLA, TWITTER E FACEBOOK

Continua a leggere

Articoli più letti

Come disattivare il blocco della pubblicita per Cronache della Campania?