Seguici sui Social

News

Orsi: “L’Europa League? Difficile. Se i giocatori avessero giocato sempre così…”

Pubblicato

in



Pubblicità

La prima vittoria di Simonicno e  la futura gestione tecnica della Lazio sono i principali argomenti argomenti di questi giorni tra il popolo biancoceleste e il concetto è sempre lo stesso: “Buona la prima, ma…”. Tanti punti interrogativi dovranno essere risolti, ma per adesso si deve pensare solamente a concludere sull’onda di Palermo questo finale di stagione. Anche l’ex portiere biancoceleste, Fernando Orsi, ha voluto commentare ai microfoni di Radiosei, nella trasmissione “Vetrina Biancoceleste” il momento dei biancocelesti e non solo. Queste e sue parole:

PALERMO E L’EUROPA – Se i giocatori avessero avuto tutto l’anno la stessa disposizione mostrata verso Inzaghi, la Lazio avrebbe avuto dai sette ai dieci punti in più. Simone ha lavorato sulla loro testa e cambiato alcuni interpreti. Ma sono i calciatori che in una settimana possono portare cambiamenti, non l’allenatore. Tra Pioli e il gruppo si era rotto qualcosa già nel ritiro.  I risultati non sono stati quelli attesi. Ottenendo gli obiettivi stagionali e con una mano tesa da parte della società sarebbe stato diverso. Sono cambiate tante cose quest’anno o forse sono tornate alla normalità. La crisi societaria è difficile da risanare, il pubblico laziale ha sopportato tanto. Le aspettative è normale ci siano, dopo un’annata come quella dello scorso anno doveva essere fatto qualcosa in più. L’obiettivo dev’essere ora l’Europa League, ma servono almeno cinque vittorie su sei. Scenario difficile da immaginare”.

MIHAJLOVIC – “Mihajlovic non è esente da qualsiasi colpa, le responsabilità tecniche sono le sue. Il Milan è una squadra cui manca la grinta, caratteristica invece peculiare dell’allenatore. Parliamo di una società con una storia importantissima e di un presidente che ha vinto tutto. La gestione di un gruppo del genere dev’essere diversa. Tecnicamente ha fatto buone cose, ma la società ha anche speso diversi milioni sul mercato. Futuro alla Lazio? È un allenatore sotto contratto con i rossoneri, guadagna molto ed ha un carattere che può scontrarsi con chi prende le decisioni. Prendere lui vorrebbe dire puntare a un determinato obiettivo, mentre confermare Inzaghi significa valorizzare un tecnico giovane.

INZAGHI – Spero per Simone che possa essere confermato. Sarà importante il confronto con la squadra e il lavoro settimanale. Bisognerà valutarlo soprattutto nel momento della difficoltà. La prima squadra è un’altra cosa rispetto al settore giovanile”.

PERIN –  Non penso sia giusto chiamare Marchetti in Nazionale, non ha fatto bene in questa stagione. Sportiello potrebbe essere l’alternativa, ma credo che Conte possa favorire la salita di Donnarumma”.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità