Seguici sui Social

Polisportiva

POLISPORTIVA – La Lazio Calcio a 5 Femminile espugna Bisceglie

Avatar

Pubblicato

il

PUBBLICITA

Ottima prestazione delle ragazze biancocelesti che disputano una grande partita vincendo in al PalaDolmen di Bisceglie, in Puglia, contro l’Arcadia Bastano appena undici minuti di gioco alle romane per passare in vantaggio con Duco. Nel corso del primo tempo le biancocelesti creano anche altre occasioni sfiorando più volte il raddoppio ma al termine della frazione di gioco il risultato resta sull’1-0. Nella ripresa le capitoline dilagano: passano sei minuti ed è la spagnola Patri a realizzare la rete del raddoppio, poi tra il 16′ ed il 17′ sono Rebe ed Agnello ad arrotondare il punteggio. Infine è la Nazionale D’Incecco a mettere a segno la rete del definitivo 0-5.

ARCADIA BISCEGLIE-LAZIO: 0-5 (0-1 pt)

ARCADIA BISCEGLIE: Tempesta, Monaco, Diana Alves, Begona Campana, La Rossa, Soldano, Altamura, Scommegna, Gariuolo, Mastrototaro, Porcelli, Martino; All. Ventura

LAZIO: Tirelli, D’Incecco, Catrambone, Barca, Patri, Benvenuto, Agnello, Duco, Rebe, Amici, Di Turi, Vecchione; All. Chilelli

: 11′ pt Duco (L), 6’57” st Patri (L), 16’14” Rebe (L), 16’48” Agnello (L), 19’59” D’Incecco (L)
ARBITRI: Sessa (Foggia), Tessa (Barletta)
CRONO: Acquafredda (Molfetta).


Pubblicità

Esclusiva

SCOPERTA LA TOMBA DEL GRANDE PRESIDENTE FORTUNATO BALLERINI

Avatar

Pubblicato

il

Fortunato Ballerini

NELLA CITTA’ ETERNA RIPOSANO LE SPOGLIE DEL PRESIDENTE FORTUNATO BALLERINI

Certo che l’avevamo cercata! Per 14 anni. In alcuni momenti la determinazione era venuta meno, ma generalmente, e a volte inconsapevolmente, la mente e il cuore andavano sempre lì. Era un vulnus che cercavamo di nascondere agli altri ma soprattutto a noi stessi. Un pensiero molesto, la sensazione di un’opera incompiuta, la percezione di un dato contumace, scivoloso e dispettoso. Le avevamo trovate tutte le ultime dimore dei nostri Padri. Meno una. Un’assoluta mancanza di fonti, labili tracce contraddittorie, indizi ingannatori come folletti irriverenti.

Il Presidente più emblematico della cosmogonia , colui che più ha segnato uno stile, un modo di interpretare l’ideale sportivo. Il primo che ha connotato la Lazio nel segno dell’olimpismo, che ci ha regalato lo stemma e i colori, che ci ha reso protagonisti nello e nella cultura, non solo nell’Urbe ma in tutta Italia. Colui che instancabilmente e coerentemente ha operato secondo i dettami di una Società illuminata e liberale. Senza pregiudizi, ricca di aneliti inclusivi e attenta alla strada da seguire e al traguardo da raggiungere.

Uomo verticale. Fortunato Ballerini.

E coerenti erano state le nostre indagini. Non la ricerca di una tomba per motivazioni devozionali o, peggio, per dar sfoggio di speciose capacità investigative, ma il desiderio di omaggiare l’uomo da cui derivano le tensioni sportive, culturali, esistenziali di centinaia di migliaia di appassionati che hanno inteso, intendono e intenderanno conformarsi ai princìpi dettati da Fortunato Ballerini da ormai più di un secolo. La tomba interpretata come exemplum, monumentum, esempio e ammonimento derivati dall’opera dell’uomo lì sepolto, e non venerazione delle sue spoglie. Non ci interessa qui ricostruire le vicende, sarebbe meglio scrivere “vicissitudini”, che hanno portato LazioWiki, in un languidissimo pomeriggio di primavera, a scrivere la parola fine alla “mission”. Abbiamo scientemente violato norme rosse e arancioni, seguendo una felice intuizione che ci ha condotto là dove Ballerini riposa.Vale a dire nella città teatro della sua azione: ROMA. L’ visiva di questo sobrio sepolcro, per alcuni particolari presenti, ha confermato quanto da noi scritto circa Ballerini e i suoi ideali.

La scoperta di LazioWiki

Con un sentimento di felicità che si estende a tutta la comunità biancoceleste, intende dunque, in questa sede, dare la notizia che uno dei più controversi temi di ricerca si è concluso. LazioWiki, formata da semplici appassionati che si autofinanziano, in due settenni densi di scoperte e contributi ha riscritto la Storia di questa nostra amatissima Società Sportiva. Il rinvenimento della tomba del più grande presidente che la Lazio abbia mai avuto ci riempie di legittimo orgoglio. L’amore che travalica il Tempo, il senso di appartenenza, si possono esprimere anche attraverso la devozione alle “urne confortate di pianto”, “alle urne dei forti”. Il suo nome inciso incorruttibilmente sulla pietra dovrà essere lo stimolo per rafforzare antichi precetti da lui donatici. Purtroppo l’oltraggio del tempo e il naturale degrado dei materiali che costituiscono il manufatto, accentuatisi recentemente, rendono necessario un di restauro in modo che il pellegrinaggio delle anime biancocelesti non incontri un sentimento di “dismay”. Dopo di che sarà possibile rendere il giusto onore al Presidente che, dal 1904 al 1922, rese la Lazio un sodalizio culturale e sportivo tra i più prestigiosi in Italia.

LazioWiki ha caparbiamente e incessantemente cercato questa solenne testimonianza. Con orgoglio e partecipazione emotiva ne dà l’annuncio in primis alla Società Sportiva Lazio Generale e ai tanti appassionati laziali. La nostra Associazione ha effettuato una serie di accurate ricognizioni sulla tomba. Ne ha documentato fotograficamente lo stato e ha condotto un’analisi tipologica sulla consistenza, sui simboli e sui pregiati materiali. Motivate circostanze legate alla sfera della privacy e criteri di opportunità, non ci consentono al momento di pubblicare immagini e riferimenti precisi. Riteniamo che per ora sia sufficiente mostrare la scritta con il nome della incisa sulla lastra sommitale del sepolcro. A tempo documenteremo con completezza l’oggetto di questa importante scoperta. Grazie al cavalier Ballerini, la Lazio fu eretta ad Ente Morale e, proprio in questo 2021, cade il Centenario di quell’ Atto Reale. Quale migliore occasione per celebrare chi ne fu il principale artefice?

Continua a leggere

Polisportiva

LA LAZIO NUOTO SFRATTATA, (MALGRADO IL VOLERE DEL TAR), PER COLPA DI ROMA CAPITALE

Avatar

Pubblicato

il

lazio nuoto sfrattata

Oggi una delle più brutte giornate dei 120 anni di vita della Lazio , ricca di traguardi sportivi e sociali di grande rilevanza che hanno segnato parte della Storia della Capitale.

Un patrimonio che questa amministrazione ha voluto colpire senza pietà, fino all’ultimo, con un atteggiamento inaudito per uno stato Democratico, sfrattando la Società Biancoceleste dall’impianto sportivo della Garbatella, gestito da 34 anni. E’ accaduto al termine di una lunga giornata grazie all’intervento di un massiccio dispiegamento delle forze dell’ordine, come si vede solo in occasione di operazioni contro la criminalità, deciso ad intervenire su ordine politico, malgrado la sentenza del TAR di giugno abbia disposto chiaramente tutt’altro. A nulla sono servite le rimostranze, l’attaccamento dei dipendenti dell’impianto, usciti in lacrime, e il diritto. Basta andare a leggere le motivazioni dei Giudici, pubblicate per trasparenza sul nostro sito, per rendersi conto di quanto grave sia la vicenda. Queste sono alcune delle parole con cui i Magistrati hanno espresso inequivocabilmente la volontà di escludere dalla quella società che invece i Cinque Stelle, con l’intervento della forza pubblica, vogliono imporre nella gestione dell’impianto della Garbarella:

Le motivazioni in favore della Lazio

  • “…La stazione appaltante (Roma Capitale) era vincolata all’accertamento dei requisiti di partecipazione da essa stessa posti nelle del bando; regole che andavano interpretate letteralmente e applicate rigorosamente al fine del rispetto dei principi di par condicio, di trasparenza e di massima partecipazione alla gara…”.
  • “…dall’erronea applicazione di tali regole è scaturita l’ammissione alla gara della S.S.D. Maximo a r.l. che, invece, non poteva parteciparvi, non avendo i requisiti speciali di partecipazione richiesti dal bando a pena di esclusione…. “
  • “…Ciò dimostra perplessità nell’intera azione amministrativaannullata l’aggiudicazione della gara disposta in favore della S.S.D. Maximo a r.l. poiché viziata da eccesso di potere per carenza di istruttoria e di motivazione in relazione alla presupposta valutazione positiva dei requisiti di partecipazione….”

Le Parole del Presidente della Lazio Nuoto Moroli

“Riteniamo di essere stati soggetti ad un’operazione inaudita- spiega Massimo Moroli, Presidente della Lazio Nuoto – malgrado ci sia una sentenza chiaramente a nostro favore e malgrado ci siano circa 80 impianti comunali la cui concessione è scaduta da 2 a 10 anni in anticipo rispetto alla scadenza della Lazio. Il Comune, con il suo atteggiamento, sta dimostrando una inimicizia ed ostilità nei confronti della Società Biancoceleste che si è palesata in modo sempre più evidente in questa allucinante vicenda e questo ultimo deprecabile atto porta inevitabilmente a ritirare la Lazio Nuoto dal Campionato di 1 maschile di . Eppure noi siamo un Sodalizio che lavora da 120 anni con grande successo; siamo state una delle prime Società a portare lo Sport in Italia con un Palmares caratterizzato da centinaia di Titoli Nazionali fra assoluti e giovanili, Campioni Olimpici, Mondiali ed Europei, tutte le onorificenze del , una Società che milita in Serie A1, un Team Paralimpico tra i più forti in Italia. Dovremmo essere trattati come un patrimonio di Roma e non sfrattati in questo modo a fronte oltretutto di una sentenza che, come tutti possono andare a verificare nel nostro sito, è chiaramente a favore della Lazio. Oltretutto nel territorio Tutti vogliono che noi restiamo nessuno vuole questo assurdo sfratto. Noi faremo di tutto sul piano legale per opporci a questo inaudito atteggiamento che discrimina il merito e offende la legalità.”

Le parole dell’Avvocato Colosimo

Queste invece le parole del legale biancoceleste Francesco Colosimo: “A seguito del rifiuto della consegna delle chiavi ci hanno notificato un avvio di procedimento forzoso che hanno voluto iniziare e finire oggi a tutti i costi. Non ci hanno dato prova di notifica dell’avvio di questo sgombero forzoso, abbiamo dato disponibilità a poter lasciare l’impianto nell’ipotesi in cui un Tribunale Amministrativo ci dica che la determina di sfratto del 10 agosto sia legittima. Questa azione noi la riteniamo assolutamente illegittima è forzata come riteniamo assolutamente forzate le tempistiche con cui Roma Capitale sta operando, dando esecuzione ad una determina del 10 agosto il 2 settembre, non consentendone, in questo modo, alla Lazio Nuoto di poter ricorrere nei termini previsti dalla legge al TAR per poter ottenere una del provvedimento. Peraltro ’è un giudizio di ottemperanza che si concluderà probabilmente il 16 dicembre. Questa assurda controversa vicenda denota da parte del Comune di Roma una inconcepibile fretta nella ripresa dell’impianto, in riferimento al quale lo stesso comune di Roma ha chiesto delle delucidazioni al TAR in merito alla sentenza che noi riteniamo sia stata interpretata in modo assolutamente illegittimo da parte di Roma Capitale, visto che nelle relative motivazioni i giudici hanno scritto che la Maximo era una Società che non poteva partecipare alla gara.”

Continua a leggere

Polisportiva

Lazio Nuoto, nasce la squadra femminile

Avatar

Pubblicato

il


Giovedì 9 luglio all’Eur Social Park, ore 19, la presentazione con tecnici di grande esperienza come Luciano Russo, Flavia Muccia e Enrico Alonzi. Nasce la Lazio pallanuoto femminile: selezioni aperte ad atlete di ogni età ed esperienza.

120 anni di storia come sezione più titolata fra quelle della Polisportiva Lazio. Ma alla Lazio manca ancora la quota rosa in una delle sue discipline più celebri, la Pallanuoto. Troppe poche le realtà che nella capitale consentono anche alle donne di potersi approcciare a questo meraviglioso sport. Un vuoto che la Lazio ha intenzione di colmare aggiungendo una squadra femminile con un settore giovanile dedicato. Una decisione, quella della Lazio presa per rispondere soprattutto alla grande domanda di giovani atlete che vogliono avvicinarsi ad una delle discipline più nobili.

LE PAROLE DEL

Il presidente Massimo Moroli ha così commentato: “E’ da tempo che pensavamo a questa nuova avventura ma ci è sempre mancata la scintilla per accendere i motori e partire. La scintilla ci giunge ora dai Gladiators, un gruppo di nostri ex atleti e imprenditori di successo, come Orazio Piccinini, il loro conducator, con i quali stiamo preparando un nuovo futuro della nostra società partendo dai giovani e dalle specialità sinora in lista d’attesa. Anche in un momento difficile come quello attuale la grande famiglia della S.S. Lazio Nuoto non si arrende. Non vedo l’ora di tuffarmi anche in questa nuova avventura”

Appuntamento Giovedì 9 Luglio – Eur Social Park, via di Val Fiorita 10 Roma.

Per info e prenotazioni 0683767273

Continua a leggere

Articoli più letti