CRONACA NIZZA LAZIO 1-3 – I biancocelesti espugnano l’Allianz Riviera grazie a Milinkovic

Sergej Milinkovic-Savic centrocampista della Lazio

Nella terza gara del gruppo K di Europa League, la Lazio continua la sua striscia vincente e si prende la testa del girone battendo con 3 reti i padroni di casa del Nizza. Merito di Milinkovic-Savic che segna la sua prima doppietta europea.

Inizio al cardiopalma col Nizza che trova subito la rete del vantaggio con Balotelli che sfrutta al meglio un cross in area e di testa batte Strakosha. I francesi stanno ancora festeggiando quando arriva il pareggio immediato di Caicedo che approfitta di un disastro difensivo che vede protagonisti Dante e Cardinale e con una zampata realizza l’1 a 1. I ritmi si abbassano notevolmente e dobbiamo aspettare il 22′ per la conclusione in porta ancora di Balotelli che però Strakosha blocca senza problemi. Al 35′ grande chance per la Lazio con Nani che ci prova dal limite, Cardinale non riesce a bloccare, la palla finisce sui piedi di Radu ma il suo tiro scheggia la traversa. Le due squadre entrano negli spogliatoi col risultato di pareggio.

PERICOLO BALOTELLI

A inizio ripresa il Nizza va vicino al vantaggio dopo un’uscita incerta di Strakosha, Balotelli si ritrova la palla tra i piedi a porta vuota ma da posizione defilata calcia fuori. Al 53′ viene pescato bene in area, stoppa bene la palla ma la sua conclusione finisce di molto sopra la traversa. I francesi sono padroni del gioco, con la Lazio in confusione. Al 56′ ci prova Snejider dal limite ma il suo tiro è centrale e viene facilmente bloccato dal portiere biancoceleste. Inzaghi capisce la situazione difficile e inserisce l’armeria pesante: entrano Luis Alberto e Immobile al posto di uno spento Nani e Di Gennaro.

MILINKOVIC SALE IN CATTEDRA

Il gol laziale arriva al 64′ dall’uomo che fin qui aveva più deluso: Milinkovic-Savic. Il serbo è bravo a trasformare in rete il cross al centro di Caicedo. Il suo piatto non lascia scampo all’incolpevole Cardinale. Chiude così la partita l’attaccante ecuadoriano che viene sostituto da Lucas Leiva. Al 69′ la Lazio sfiora il terzo gol con Immobile che ci prova da posizione defilata ma questa volta il portiere del Nizza non si fa sorprendere. Peccato che il bomber napoletano non abbia visto sul secondo palo Caicedo completamente libero. All’81’ tiro insidioso di Plèa che Strakosha para in due tempi. Pochi minuti dopo colpo di testa di Murgia in area che però finisce alto. Gol rimandato di qualche minuto, ancora con Milinkovic-Savic che di testa, su situazione di corner, chiude la gara sul risultato di 1 a 3.

La Lazio riesce a vincere pur non brillando. Merito della qualità dei suoi top player che riescono a battere un ottimo Nizza spesso pericoloso con Balotelli. Bene Luiz Felipe, anche se pecca in occasione del gol dei francesi, benissimo Bastos. Ancora sottotono Di Gennaro, mentre Nani dimostra di non aver ancora raggiunto il ritmo partita, Menzione speciale per Milinkovic-Savic, autore di una prestazione deludente fino al gol. Segno inequivocabile che ci ritroviamo dinanzi a un grande giocatore capace di cambiare le partite anche nelle giornate no.

Fabrizio Piepoli

SEGUICI SU TWITTER

LEGGI LO SPLENDIDO GESTO DELLA CURVA NORD A NIZZA