Seguici sui Social

Articolo copertina

Milinkovic croce e delizia: il serbo contro la Sampdoria torna decisivo

Pubblicato

il

Sergej Milinkovic-Savic centrocampista della Lazio
PUBBLICITA

Il serbo Sergej Milinkovic non conosce mezze misure. Prima lo vedi danzare in campo sovrastando l’avversario con quantità e qualità. Un attimo dopo ti fa imprecare per leziosismi fini a se stessi. Un tacco di troppo, un doppio passo in più e palla persa. Inzaghi  entrerebbe in campo, quando per abbracciarlo quando per rimproverarlo.

Ma non te ne lascia il tempo Milinkovic. E così mentre la partita sembra avviarsi verso la sconfitta, come ricorda Il Messaggero, è lui che la risolleva all’improvviso. Segna – terzo gol stagionale – e fa segnare. Pareggia con un gol di rapina e propizia la rete di Caicedo. L’arbitro Mazzoleni consulta il Var per assegnarlo e quando lo fa Sergej gioisce come se avesse segnato lui. Abbraccia tutti. Al fischio finale esulta sotto il settore dei tifosi laziali scatenando le ire di quelli blucerchiati. Ma come detto lui è così: prendere o lasciare. Impressionate quando decide di cambiare ritmo. Fisico da corazziere e piedi sopraffini. Un mix letale. Non aveva brillato nelle ultime due gare e la Lazio ne aveva risentito. Ieri è tornato decisivo. Nel primo tempo veronica e lancio millimetrico per Luis Alberto che non sfrutta l’occasione. Marassi a bocca aperta. Nella ripresa, letale, strappa i tre punti Champions alla Sampdoria.

LEGGI ANCHE LE PAROLE DEL GIORNALISTA FILIPPO ANASTASI SULLA LAZIO

DIVENTA NOSTRO FOLLOWER ANCHE SU TWITTER

E PER TUTTE LE ULTIME DA FORMELLO>>>CLICCA QUI


Pubblicità

Articolo copertina

Compleanno Lotito: “Lo vivo con amarezza ma anche fiducia”

Pubblicato

il

lotito-lazio

Nella giornata del suo 64esimo compleanno Lotito ha parlato al canale ufficiale biancoceleste.

Compleanno Lotito: “Lo vivo con amarezza, per quanto successo ieri a Firenze, ma anche fiducia. Visto quanto sta accadendo nel mondo, adesso bisogna programmare la propria vita, anche con una prospettiva diversa. Sono 17 anni che ho preso la Lazio, sembra una vita. Festeggiare un compleanno significa rendersi conto che il tempo passa, ma anche avere fiducia nel futuro. Ciò sia dal punto di vista della salute che dal cominciare a programmare i propri obiettivi personali. Gli obiettivi bisogna centrarli. Personalmente, mi auguro che la salute mi assista e che si possano creare le condizioni per festeggiare insieme i successivi compleanni. Mi auguro infine che mio figlio Enrico continui nel mio cammino nel rappresentare i colori biancocelesti“.

Continua a leggere

Articoli più letti