Seguici sui Social

News

Siamo riusciti a perdere contro lo Steaua – Pagelle di Steaua Lazio 1-0

Pubblicato

in

Felipe Caicedo attaccante della Lazio e dell'Ecuador


Pagelle di Steaua Lazio 1-0

Ecco le pagelle di

Steaua Lazio 1-0

STEAUA BUCAREST (4-2-3-1)

Vlad 6 – La Lazio non centra mai lo specchio della porta e per lui diventa tutto più semplice.

Benzar 6,5 – Sulla corsia destra va in difficoltà solo nella parte finale dell’incontro.

Gaman 7 – Al centro della difesa, è sempre puntuale nelle chiusure difensive. Prima Caicedo e poi Immobile, vengono marcati senza nessun problema.

Planic 6,5 – Il laterale destro gioca una buona gara controllando agevolmente Lukaku.

Morais 6,5 – Il brasiliano agisce sul versante sinistro, rimanendo sempre molto accorto per non scoprire la linea difensiva.

Pintilii 6 – Sempre in pressing sui portatori di palla avversari, a volte eccede. Diffidato, al 25′ si prende un giallo sciocco che gli costerà la gara di ritorno. Dal 46′ Teixeira 6,5 – Prende il posto del compagno di reparto a rischio espulsione. Positivo il suo ingresso in campo perché riesce a limitare le giocate offensive degli avversari.

Nedelcu 6 – Tanto lavoro sporco. Lotta a centrocampo per tutti i novanta minuti.

Man 6 – Il classe ’98 unisce quantità e qualità. Corre finché ha la birra in corpo. Elegante, ha dei buoni margini di miglioramento.

Budescu 7 – Il regista della compagine rumena è un giocatore di discreto valore. Autore del passaggio che porta in vantaggio i suoi, sa sempre cosa fare. Per fortuna perde l’attimo sulla palla che poteva valere il due a zero.

F. Tanase 5,5 – Il capitano veste la maglia numero dieci, ma oltre a mostrare un buon tasso tecnico, non combina un granché. Dal 57′ Coman 5,5 – Non riesce a incidere come dovrebbe.

Gnohere 6 – Praticamente assente per trenta minuti, tutto a un tratto si ritrova fra i piedi la palla dell’uno a zero. Dal 81′ C. Tanase s.v.

All. Dica 6,5 – La sua squadra è ben messa in campo e non rischia mai nulla. Sull’unico errore della Lazio del primo tempo, trova la rete del vantaggio. Nonostante il forcing degli ospiti, i suoi uomini reggono anche nella seconda parte del match.

LAZIO (3-5-2)

Strakosha 6 – Incolpevole sulla rete di Gnohere. Sempre sicuro nelle uscite.

Bastos 6 – Torna titolare. Almeno per stasera, sembra aver superato il momento critico.

Luiz Felipe 6 – Sempre titolare in coppa, è l’unico diffidato fra gli undici scesi in campo. Nonostante la giovane età, dimostra di avere tanta personalità. Ammonito a inizio ripresa, salterà la gara di ritorno.

Caceres 5,5 – Schierato a sinistra nella difesa a tre, non gioca male e controlla agevolmente le giocate avversarie. Nella ripresa perde qualche palla di troppo, oltre a divorarsi la palla del pareggio.

Basta 5,5 – Torna a destra e spinge più di Lukaku. Troppo altruista al 66′ quando, anziché tirare in porta, mette la palla al centro.

Murgia 5 – Un’altra chance per il giovane biancoceleste. A metà primo tempo, eccellente la sponda per Caicedo che però non corregge in rete. Buon primo tempo, meno la ripresa.

Leiva 6 – Per lui nessun riposo visto che non ci sarà contro il Verona. Al 21′ è autore del primo tiro nello specchio della porta. Tanta esperienza al servizio della squadra.

Milinkovic 7 – Ammonito troppo prematuramente, dà sostanza al gioco capitolino. A un minuto dalla fine della prima frazione, solo la traversa gli nega la gioia del gol, grazie a un portentoso colpo di testa. Bene anche nella ripresa, delizia il pubblico con diverse giocate di assoluto livello.

Lukaku 5 – Nel primo tempo non salta mai l’avversario. Evitabilissima l’ammonizione subita alla fine del primo tempo. Nella ripresa male anche nella fase di non possesso. Anche lui è stanco. Dal 75′ Lulic 5,5 – Uno spezzone di partita per cercare quel guizzo che però non arriva.

Nani 4 – Appena arrivato cantavamo “S’annamo a divertì, Nanì Nanì”, ma qui c’è davvero poco da divertirsi. Oltre a una prestazione incolore, c’è da menzionare quel cross sbilenco che dà il via all’azione che porta in vantaggio gli avversari. Dal 55′ Anderson 5,5 – L’unica notizia positiva è che il brasiliano è tornato nel gruppo. Al 60′ ha l’occasione per pareggiare il conto delle reti, ma calcia male con palla che termina a lato. Cresce nel quarto d’ora finale mettendo in difficoltà il suo marcatore.

Caicedo 4 – Al 23′ spreca l’occasione per portare i suoi in vantaggio, e poi da un suo passaggio shock, arriva il contropiede che porta in vantaggio i rumeni. Goffo e impreciso, non ne azzecca una. Dal 55′ Immobile 5 – Non è più quello della prima parte della stagione. Non possiamo però chiedergli di fare una rete a partita. Calma Ciro, siamo tutti con te.

All. Inzaghi 5 – Solo 3/11 rispetto alla sconfitta di Napoli. Il gol subito è da polli con la squadra sbilanciata su palla a nostro favore. La prima sconfitta di un’italiana contro la Steaua Bucarest è anche per demeriti del tecnico che esagera col turn over. In una qualificazione che si basa su due gare, non puoi regalare agli avversari giocatori come De Vrij, Parolo e Luis Alberto. Al ritorno servirà un’impresa.

Davide Sperati

Continua a leggere
Pubblicità