Seguici sui Social

News

SASSUOLO LAZIO Trasferta off limits. Per i tifosi oltre il danno la beffa…

Pubblicato

il

Tifosi laziali in trasferta per seguire la Lazio
PUBBLICITA

Sassuolo Lazio trasferta off limits per i tifosi biancocelesti. La notizia era nell’aria ed è diventata anche ufficiale. Oltre il danno per i supporters laziali però, c’è anche la beffa. Chi aveva già acquistato il biglietto dovrà necessariamente chiedere il rimborso. A differenza di quanto era accaduto ai tifosi della Roma ad Udine. I soliti due pesi e due misure…

Sassuolo Lazio trasferta off limits per i tifosi biancocelesti. Ecco il comunicato apparso sul sito biancoceleste con tutte le info per il rimborso dei biglietti.

Si comunica che a seguito della Determinazione n. 08/2018 del Comitato di Analisi per la Sicurezza delle Manifestazioni Sportive presso il Ministero dell’Interno che ha ritenuto a rischio l’incontro Sassuolo-Lazio “per le criticità sistematiche poste in essere dalla tifoseria laziale in ambito autostradale in occasione di numerose trasferte culminate con gravi comportamenti incivili e delinquenziali che hanno visto protagonista, in due aree di servizio, la gran parte dei tifosi laziali partecipanti alla movimentazione relativa all’incontro Napoli-Lazio del 10 febbraio scorso”, è stata notificata ad U.S. Sassuolo Calcio l’ordinanza del Prefetto della Provincia di Reggio Emilia con la quale è stata vietata la vendita dei tagliandi ai residenti della Regione Lazio (anchein possesso della tessera del tifoso), la sospensione dei programmi di fidelizzazione per i residenti nella Regione Lazio e l’annullamento con rimborso dei tagliandi venduti antecedentemente all’emissione dell’ordinanza.

In seguito alla determinazione di cui sopra si comunica che è previsto il rimborso integrale del prezzo del biglietto (compresi i diritti di prevendita) agli acquirenti residenti nella Regione Lazio. Per ottenere il rimborso, dovrà essere consegnato il biglietto in originale nel punto vendita dove è stato acquistato esibendo un documento d’identità.

Il termine per le richieste di rimborso è sabato 24 febbraio 2018.

INTANTO PINELLI RIVELA UN RETROSCENA SULLA LAZIO, INZAGHI E IL RITIRO>>>LEGGI QUI

SEGUICI SU GOOGLE EDICOLA

LASCIA UN ‘LIKE’ ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK


Pubblicità

Focus

LA NOSTRA STORIA Domenico ‘Mimmo’ Caso

Pubblicato

il


LA NOSTRA STORIA Domenico MimmoCaso nasce a Eboli (SA) il 9 maggio 1954. Centrocampista, fa il suo debutto nel calcio professionistico con la Fiorentina. Nella stagione 1974-1975 vince il suo primo trofeo: la Coppa Italia. Nella stagione 1978-1979 Caso lascia la Fiorentina e si trasferisce al Napoli. Nell’estate 1979 passa all’Inter. Nel 1980 si laurea Campione d’Italia. Dopo l’esperienza in nerazzurro passa per due anni in Serie B al Perugia. Nell’estate del 1983 torna in Serie A con il Torino. Quindi passa alla Lazio, in quel periodo nella serie cadetta. Con la maglia biancoceleste disputa tre stagioni. Nel 1988, dopo la promozione in A, viene ceduto al Latina. Chiude la carriera nell’Orceana.  Dal 1992/93 al 1996/97 è l’allenatore della Lazio Primavera. Il primo anno sfiora lo Scudetto perdendo la finale contro l’Atalanta. Nella stagione 1994/95 vince il titolo. Tra i tanti giovani lancia Alessandro Nesta, Marco Di Vaio, Alessandro Iannuzzi, Flavio Roma e Daniele Franceschini. Dopo aver guidato Foggia, Chievo e Pistoiese, nel 2003/04 torna ad allenare la Primavera laziale. Nel 2004/05 viene chiamato dal nuovo presidente biancoceleste Claudio Lotito ad allenare la prima squadra. Viene esonerato e sostituito da Papadopulo. Successivamente allena la Ternana. A giugno del 2009 viene nominato supervisore del settore giovanile della Cisco Roma. Nel 2011 assume la guida degli Allievi Regionali A1 della Voluntas (Spoleto). A luglio del 2012 viene nominato allenatore della squadra Primavera della Virtus Lanciano. Nel 2013 viene ingaggiato come tecnico della squadra Primavera della Reggina, ma dopo pochi giorni decide di lasciare l’incarico per motivi familiari.

LASCIA UN ‘LIKE’ ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

DIVENTA UN NOSTRO FOLLOWER ANCHE SU TWITTER

 

Continua a leggere

Articoli più letti