Seguici sui Social

Cronaca

PUBBLICITA

FRANCIA Attacco terroristico in corso a Trebes. Ostaggi in un supermercato

Avatar

Pubblicato

il

supermercato di trebes, teatro di attacco terroristico

In Francia attacco terroristico in corso. A Trebes, nel sud del paese, un uomo si è barricato all’interno di un supermercato dichiarandosi appartenente all’Isis. Il bilancio attuale è di 1 morto e alcuni feriti

In Francia attacco terroristico in corso. A Trebes, nel sud del paese, un uomo si è barricato all’interno di un supermercato dichiarandosi appartenente all’Isis. Il soggetto avrebbe prima sparato dei colpi di pistola gridando “Allah Akbar” in direzione di due agenti di polizia di rientro dopo aver fatto jogging, ferendone 1, per poi entrare nella struttura e prendere in ostaggio i presenti. L’uomo, armato anche di coltello e di diverse bombe a mano, avrebbe minacciato la strage rivendicando la propria appartenenza allo Stato Islamico: “Voi bombardate la Siria. Meritate di Morire.”

In attesa di notizie certe, al momento il bilancio sarebbe di 1 morto e di alcuni feriti. Fonti di polizia parlerebbero di 2 morti, ma al momento non vi sono conferme ufficiali. L’area è sorvolata da tre elicotteri. Sul posto sta arrivando anche il ministro dell’Interno Gérard Collomb ed è stata attivata la sezione antiterrorismo della prefettura di Parigi, a cui sono state affidate le indagini. La polizia sta trattando l’episodio come un atto di terrorismo, come dichiarato dal primo ministro francese Édouard Philippe.

CANIGIANI SU LAZIO SALISBURGO 

SEGUICI SU FACEBOOK


Pubblicità

Cronaca

Giornalisti Rai positivi. Tra questi il telecronista Alberto Rimedio

Giornalisti Rai positivi al Covid-19 al ritorno da Londra. Tra questi il telecronista Alberto Rimedio, che non racconterà dunque Inghilterra Italia

Avatar

Pubblicato

il

giornalisti rai positivi
<

Tra i giornalisti Rai positivi al Covid-19 figura anche Alberto Rimedio. La voce che ha accompagnato, in telecronaca, i successi azzurri a Euro 2020 fin dalla prima partita non potrà dunque raccontare la finale tra Inghilterra e Italia. Subito sono state attivate le procedure di sanificazione del centro tecnico di Coverciano (di cui è stata disposta la chiusura) e, contestualmente, la Rai sta monitorando il giro di tamponi in programma. Allo stato attuale pare possa essere Stefano Bizzotto, tra le voci storiche dello sport italiano, a raccontare la finale di Wembley.

giornalisti rai positivi
Alberto Rimedio

PRESENTAZIONE SARRI

Continua a leggere

Cronaca

Tare su Inzaghi -“Lui sa cosa pensiamo noi, noi sappiamo cosa pensa lui”

Avatar

Pubblicato

il

Tare su Inzaghi
<

Il direttore sportivo della Lazio ha parlato poco prima del match contro il Torino rilasciando importanti dichiarazioni su futuro di Simone Inzaghi.

Tare su Inzaghi – Lazio Torino è importante, ma lo è di più il futuro del nostro mister Simone Inzaghi. Le parole di Tare non affermano la chiusura positiva sulla querelle con Inzaghi. Non è detto che il mister vada via, ma a sentir il dirigente albanese la situazione è in bilico. Bisogna dirlo. Anche perché se no non si spiega ancora tutta questa attesa per il rinnovo contrattuale.

Le Parole di Tare su Inzaghi

Intervistato da Sky nel prepartita Tare su Inzaghi afferma che “Quest’anno la priorità era la Champions League ma anche in Europa League può andar bene. L’importante è dare continuità in Europa.” Poi il giornalista Sky Matteo Petrucci gli domanda se Inzaghi rimane oppure no e Tare risponde così “Ho letto di un incontro ma non è vero. Dopo la partita di Sassuolo penso di chiudere questo argomento.” “Positivamente?” gli domanda il giornalista e il direttore sportivo risponde in modo criptico “Non lo so, perché noi sappiamo cosa è stato detto fra di noi. Lui sa cosa pensiamo noi, mentre noi sappiamo cosa pensa lui.” Parole che di certo alimentano ancora il dubbio su chi sarà il prossimo allenatore della Lazio. Forse Inzaghi vuole garanzie sulla prossima campagna Acquisti e chissà se la società o il direttore sportivo sapranno accontentarlo. A breve sapremo la verità…

Ilaria d’amico su Buffon alla Lazio

La Lazio soffia tor di valle alla Roma?

Continua a leggere

Cronaca

Cronaca Roma Lazio – Un 2 a 0 che segna la fine di un ciclo

Avatar

Pubblicato

il

cronaca roma lazio
<

Il derby va alla roma che ha mostrato maggior voglia di vincere. La Lazio con Muriqi titolare praticamente ha giocato in dicei per tutta la prima frazione. Un 2 a 0 che mette fine alla corsa Champions.

Ecco la cronaca Roma Lazio 2-0

Il primo tempo di roma Lazio

Era un derby importante, come tutti del resto. Però sin dall’inizio si capiva che entrambe le formazioni avevano paura a non prenderle. Inzaghi ritrova Lucas Leiva e Milinkovic Savic, mentre la grande novità è la conferma di Muriqi in attacco al fianco di Ciro Immobile.

Prima mezz’ora abbastanza tranquilla con la squadra che non si sbilancia. Fino alla grande occasione sprecata da Luis Alberto dopo una grande intuizione di Milinkovic (sempre il più forte di tutti) che ruba palla a Ibanez e serve dietro lo spagnolo che però trova Fuzato pronto a respingere. La Lazio attende la Roma per poi puntarla con le sue ripartenze brucianti. Al 30′ Muriqi scatta sul filo del fuorigioco e a tu per tu con il portiere giallorosso reliazza la rete ma l’arbitro Pairetto giustamente non convalida la rete.

La Lazio cresce prendendo le misure agli avversari e al 34′ e la volta di Sergej Milinkovic Savic che, servito da Luis Alberto, aggancia un grande ma poi, anziché cercare la conclusione con il sinistro, cerca il pallonetto con il piede destro non trovando lo specchio della porta. Ibanez si fa male e al suo posto entra Kumbulla. Gli uomini di Inzaghi prendono il possesso del match. Proprio nel suo momento “migliore” un guizzo di Dzeko serve su un piatto d’argento la palla del vantaggio a Mkhitaryan che ringrazia. Un gol che si poteva evitare al netto della buona giocata dell’attaccante giallorosso. Acerbi è stato troppo morbido nella marcatura e non doveva farsi superare così.

Il secondo tempo di Roma Lazio

La ripresa inizia con le stesse formazioni scese in campo nella prima parte del match se non per il cambio di Fonseca che toglie Bruno Peres a rischio espulsione per via del giallo subito, con Santon. La gara rimane allo stesso livello dei primi quarantacinque minuti e la Roma va vicino anche al raddoppio con una conclusione di Cristante ben servito da El Shaarawy. Inzaghi capisce che bisogna cambiare le carte in tavola e al 60′ effettua una doppia sostituzione: Fuori Lulic per Luiz Felipe con Marusic che passa a sinistra, e Pereira che prende il posto di uno spento Muriqi (mister 20 milioni!).

ss lazio flag
La bandiera della Lazio

I primi venti minuti della ripresa passano senza particolari sussulti e, nonostante il doppio cambio effettuato, non ci sono grandi reazioni fra gli uomini di Inzaghi. Immobile non appare tranquillo e un po’ tutta la squadra non è precisa nei passaggi. Con il passare dei minuti però la Lazio aumenta la pressione e seppur non impensierendo mai Fuzato, Fonseca toglie un opaco El Shaarawy con Pedro, proprio per cercare maggior profondità.

I cambi di Inzaghi sono un flop

Inzaghi risponde con Caicedo al posto di Radu e Fares per Marusic (che non la prende bene). Immobile (74′) prova un gol di tacco ma Fuzato para d’istinto deviando la sfera in corner. Nell’ultimo quarto di gara aumentano le emozioni e stavolta è la Roma che sfiora il raddoppio grazie ancora a uno spunto di Dzeko – che oggi ha mandato in bambola Acerbi – su cui è stato provvidenziale l’intervento in chiusura di Lazzari su Villar.

cronaca roma lazio – La fine del match e la fine della stagione

Non è aria per la Lazio è la fine del match la decreta il nuovo entrato Pedro che, con un’azione stile Maradona, salta tutto il centrocampo e poi preciso con il sinistro batte l’incolpevole Reina. Gli ultimi dieci minuti trascorrono senza particolari azioni da parte di entrambe le compagini. Alla fine la vittoria della Roma è meritata, soprattutto per la maggior voglia di trovare la via del gol. La Lazio è cotta, si vede. Far partire Muriqi titolare è stata una scelta a dir poco rischiosa. Milinkovic non era al meglio e soprattutto Acerbi (espulso nel finale per doppia ammonizione) ha sofferto le giocate di Dzeko. Senza calcolare gli over 30 Radu, Leiva, Reina e Lulic.

Addio Champions si torna in Europa League

Il ciclo è finito e nella stagione del ritorno in Champions siamo stati delusi osservatori di una campagna acquisti disastrosa. Ci si aspettava molto, molto di più. La Lazio tornerà in Europa League. La sua giusta dimensione. Quella che più si addice al suo presidente Claudio Lotito.

Continua a leggere

Articoli più letti