Seguici sui Social

English EN French FR German DE Italian IT Russian RU Spanish ES

Non solo Lazio

LA NOTTE DEGLI OSCAR – Il miglior film è “La forma dell’Acqua”. Anche l’Italia vince…

Pubblicato

in

La notte degli Oscar - Oscar


Tra questa notte e questa mattina si sono svolte le premiazioni degli Oscar per quanto riguarda i film. La notte degli Oscar è da sempre un appuntamento importante

LA NOTTE DEGLI OSCAR

Molti film in ballottaggio e come ci si poteva aspettare a vincere la categoria del miglior film è stata “La forma dell’acqua – The Shape of Water”. Un film che ha saputo mantenere le aspettative e che è riuscito a vincere 4 premi complessivi su 13 nomination e infatti il messicano Gulielmo del Toro si è portato a casa due premi Oscar come miglior film e miglior regista del medesimo film. Una grande soddisfazione per lui. Ma c’è spazio anche per l’Italia che raggiunge il traguardo che si sperava.

Il maestro americano conquista il suo primo Oscar per l’adattamento del romanzo di André Aciman di “Chiamami col tuo nome” di ottenendo l’Oscar per la sceneggiatura non originale. Come miglior attore invece il premio è andato a Gary Oldman con L’ora più buia, per le donne invece a trionfare è stata Rances McDormand con Tre Manifesti a Ebbing, Missouri. Coco vince come il miglior film di animazione.

ECCO LA LISTA COMPLETA

MIGLIOR FILM

  • Chiamami col tuo nome
  • L’ora più buia
  • Dunkirk
  • Scappa – Get Out
  • Lady Bird
  • Il filo nascosto
  • The Post
  • Vincitore: La forma dell’acqua
  • Tre Manifesti a Ebbing, Missouri

MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA

  • Timothée Chalamet (Chiamami col tuo nome)
  • Daniel Day-Lewis (Il filo nascosto)
  • Daniel Kaluuya (Scappa – Get Out)
  • Vincitore: Gary Oldman (L’ora più buia)
  • Denzel Washington (Roman J. Israel, Esq.)

MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA

  • Sally Hawkins (La forma dell’acqua)
  • Vincitrice: Frances McDormand (Tre Manifesti a Ebbing, Missouri)
  • Margot Robbie (I, Tonya)
  • Saoirse Ronan (Lady Bird)
  • Meryl Streep (The Post)

MGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA

  • Willem Dafoe (Un sogno chiamato Florida)
  • Woody Harrelson (Tre Manifesti a Ebbing, Missouri)
  • Richard Jenkins (La forma dell’acqua)
  • Christopher Plummer (Tutti i soldi del mondo)
  • Vincitore: Sam Rockwell (Tre Manifesti a Ebbing, Missouri)

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA

  • Mary J. Blige (Mudbound)
  • Vincitrice: Allison Janney (I, Tonya)
  • Lesley Manville (Il filo nascosto)
  • Laurie Metcalf (Lady Bird)
  • Octavia Spencer (La forma dell’acqua)

MIGLIOR FILM D’ANIMAZIONE

  • Baby Boss
  • The Breadwinner
  • Vincitore: Coco
  • Ferdinand
  • Loving Vincent

MIGLIOR FOTOGRAFIA

  • Vincitore: Roger Deakins (Blade Runner 2049)
  • Bruno Delbonnel (L’ora più buia)
  • Hoyte van Hoytema (Dunkirk)
  • Rachel Morrison (Mudbound)
  • Dan Laustsen (La forma dell’acqua)

MIGLIORI COSTUMI

  • Jacqueline Durran (La Bella e la Bestia)
  • Jacqueline Durran (L’ora più buia)
  • Vincitore: Mark Bridges (Il filo nascosto)
  • Luis Sequeira (La forma dell’acqua)
  • Consolata Boyle (Vittoria e Abdul)

MIGLIOR REGIA

  • Christopher Nolan (Dunkirk)
  • Jordan Peele (Scappa – Get Out)
  • Greta Gerwig (Lady Bird)
  • Paul Thomas Anderson (Il filo nascosto)
  • Vincitore: Guillermo del Toro (La forma dell’acqua)

MIGLIOR DOCUMENTARIO

  • Abacus: Small Enough to Jail
  • Faces Places
  • Vincitore: Icarus
  • Last Men in Aleppo
  • Strong Island

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO DOCUMENTARIO

  • Edith+Eddie
  • Vincitore: Heaven is a Traffic Jam on the 405
  • Heroin(e)
  • Knife Skills
  • Traffic Stop

MIGLIOR MONTAGGIO

  • Jonathan Amos, Paul Machliss (Baby Driver)
  • Vincitore: Lee Smith (Dunkirk)
  • Tatiana S. Riegel (I, Tonya)
  • Sidney Wolinsky (La forma dell’acqua)
  • Jon Gregory (Tre Manifesti a Ebbing, Missouri)

MIGLIOR FILM STRANIERO

  • Vincitore: Una Donna Fantastica (Cile)
  • L’insulto (Libano)
  • Loveless (Russia)
  • Corpo e Anima (Ungheria)
  • The Square (Svezia)

MIGLIOR TRUCCO E ACCONCIATURA

  • Vincitori: Kazuhiro Tsuji, David Malinowski, Lucy Sibbick (L’ora più buia)
  • Daniel Phillips and Lou Sheppard (Vittoria e Abdul)
  • Arjen Tuiten (Wonder)

MIGLIOR COLONNA SONORA ORIGINALE

  • Hans Zimmer (Dunkirk)
  • Jonny Greenwood (Il filo nascosto)
  • Vincitore: Alexandre Desplat (La forma dell’acqua)
  • John Williams (Star Wars: Gli Ultimi Jedi)
  • Carter Burwell (Tre Manifesti a Ebbing, Missouri)

MIGLIOR CANZONE ORIGINALE

  • “Mighty River” di Mary J. Blige (Mudbound)
  • “Mystery of Love” di Sufjan Stevens (Chiamami col tuo nome)
  • Vincitrice: “Remember Me” di Kristen Anderson-Lopez, Robert Lopez (Coco)
  • “Stand Up for Something” di Diane Warren, Common (Marshall)
  • “This Is Me” di Benj Pasek, Justin Paul (The Greatest Showman)

MIGLIOR SCENOGRAFIA

  • Sarah Greenwood; Katie Spencer (La Bella e la Bestia)
  • Dennis Gassner, Alessandra Querzola (Blade Runner 2049)
  • Sarah Greenwood, Katie Spencer (L’ora più buia)
  • Nathan Crowley, Gary Fettis (Dunkirk)
  • Vincitori: Paul D. Austerberry, Jeffrey A. Melvin, Shane Vieau (La forma dell’acqua)

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO D’ANIMAZIONE

  • Vincitore: Dear Basketball
  • Garden Party
  • Lou
  • Negative Space
  • Revolting Rhymes

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO

  • DeKalb Elementary
  • The Eleven O’CLock
  • My Nephew Emmett
  • Vincitore: The Silent Child
  • Watu Wote: All of Us

MIGLIOR MONTAGGIO SONORO

  • Julian Slater (Baby Driver)
  • Mark Mangini, Theo Green (Blade Runner 2049)
  • Vincitori: Alex Gibson, Richard King (Dunkirk)
  • Nathan Robitaille, Nelson Ferreira (La forma dell’acqua)
  • Ren Klyce, Matthew Wood (Star Wars: Gli Ultimi Jedi)

MIGLIOR SONORO

  • Mary H. Ellis, Julian Slater, Tim Cavagin (Baby Driver)
  • Mac Ruth, Ron Bartlett, Doug Hephill (Blade Runner 2049)
  • Vincitori: Mark Weingarten, Gregg Landaker, Gary A. Rizzo (Dunkirk)
  • Glen Gauthier, Christian Cooke, Brad Zoern (La forma dell’acqua)
  • Stuart Wilson, Ren Klyce, David Parker, Michael Semanick (Star Wars: Gli Ultimi Jedi)

MIGLIORI EFFETTI SPECIALI

  • Vincitori: John Nelson, Paul Lambert, Richard R. Hoover, Gerd Nefzer (Blade Runner 2049)
  • Christopher Townsend, Guy Williams, Jonathan Fawkner, Dan Sudick (Guardiani della Galassia Vol.2)
  • Stephen Rosenbaum, Jeff White, Scott Benza, Mike Meinardus (Kong: Skull Island)
  • Ben Morris, Mike Mulholland, Chris Corbould, Neal Scanlan (Star Wars: Gli Ultimi Jedi)
  • Joe Letteri, Dan Lemmon, Daniel Barrett, Joel Whist (The War – Il pianeta delle scimmie)

MIGLIOR SCENEGGIATURA NON ORIGINALE

  • Vincitore: James Ivory (Chiamami col tuo nome)
  • Scott Neustadter & Michael H. Weber (The Disaster Artist)
  • Scott Frank & James Mangold and Michael Green (Logan)
  • Aaron Sorkin (Molly’s Game)
  • Virgil Williams and Dee Rees (Mudbound)

MIGLIOR SCENEGGIATURA ORIGINALE

  • Emily V. Gordon & Kumail Nanjiani (The Big Sick)
  • Vincitore: Jordan Peele (Scappa – Get Out)
  • Greta Gerwig (Lady Bird)
  • Guillermo del Toro, Vanessa Taylor (La forma dell’acqua)
  • Martin McDonagh (Tre Manifesti a Ebbing, Missouri)

SEGUICI SU FACEBOOK

LEGGI LE PAROLE DI MATTEO MATERAZZI

Continua a leggere
Pubblicità

Non solo Lazio

Diletta Leotta, la verità sul legame tra lei e Ibrahimovic

Pubblicato

in

Diletta Leotta Ibrahimovic


Ecco le dichiarazioni della giornalista sportiva sul suo presunto flirt con il giocatore del Milan

Parla chiaro la giornalista sportiva più amata dal pubblico maschile sulle voci che la volevano coinvolta sentimentalmente con l’attaccante del Milan. In un’intervista che uscirà domani sul noto settimanale Chi, che la vede protagonista anche in copertina, la Leotta chiarisce finalmente la situazione. “Stare con un uomo impegnato è una cosa inaccettabile per i miei principi, con tutta la scelta che c’è nel mondo devi avere la lucidità di non metterti in situazioni sbagliate”.

La situazione sentimentale di Diletta Leotta

Adesso sono single. Sono sempre stata fidanzata, dovevo trovare il coraggio di ritagliarmi uno spazio per conoscermi nel profondo e fare scelte importanti, per riuscire a stare da sola sul divano a vedere un film senza dover rendere conto a nessuno”. Diletta commenta anche la fine del suo rapporto con Daniele Scardina: “Non rinnego niente, fra di noi c’è stato un amore profondo”.

Le scelte professionali : il passaggio a Dazn

Nell’ultima parte dell’intervista rilasciata a Chi la conduttrice di Dazn ricorda gli inizi professionali nell’ambiente del giornalismo sportivo come un periodo non semplice. “All’inizio non è stato facile, una collega mi aveva anche detto ‘ti hanno presa solo per le tette’, ma non ho certo lasciato Sky per questa ragione… Ho scelto di andare a Dazn perché era una nuova sfida e perché sentivo che il mercato della tv satellitare stava cambiando”.

Continua a leggere

Articoli più letti

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità Copyright © 2020 Laziochannel.it TESTATA GIORNALISTICA NAZIONALE